Utente 421XXX
Salve vorrei chiedere un consulto in merito a dei forti mal di schiena cominciati in concomitanza, (almeno credo) con dolori alla cervicale.
Premetto, soffro da anni di colon irritabile e reflusso, quest'ultimo da un paio d'anni non mi dava più problemi, secondo me da quando ho cominciato ad assumere giornalmente una tisana calda di limone e zenzero a digiuno, prima il reflusso non mi lasciava tregua, cattiva digestione, nausea, eruttazione continua... ma da due anni circa, almeno fino ad un mese fa erano del tutto spariti se non ridotti di granlunga. Nel mese di Novembre ho avuto per quasi tutto il mese disturbi funzionali classici del colon irritabile ( che a periodi alterni vanno e vengono) associandosi però leggeri sintomi da reflusso, il mio medico mi ha fatto prendere delle compresse, purtroppo non ricordo il nome, posso dire più leggere del levopraid, che tempo addietro mi ha sfalzato la prolattina, i sintomi erano un po quelli di sempre eruttazione... sensazione di stomaco vuoto anche se avevo magiato ecc... Tornando ad ora.. soffro anche di cervicale, seppur la mia giovane età, 35 anni, il 24 Dicembre di quest'anno sono stata colpita da fortissime vertigini tanto forti da non riuscire ad alzarmi dal letto, neanche seduta, ho preso vertiserc per due giorni e ho preso tramite iniezioni muscoril e voltaren per una settimana, il discorso cervicale posso dire di averlo risolto, premetto nel mentre di questa cura sono stata colpita da virus gastrointestinale duratomi un solo giorno, vomito dissenteria e febbre 38°.
Ora che è tutto passato ho dei terribili mal di schiena, più che mal di schiena sono delle fitte nelle ossa, cominciano al centro delle scapole e scendono percorrendo le costole fino ad arrivare a volte nella parte superiore dell'addome, se per esempio premo con le dita sulla parte bassa delle costole posteriori avverto leggere fitte di riflesso anche nella parte superiore, e viceversa.
Chiedo da cosa possa dipendere, se da cervicale, se da reflusso o altro... credo si evinca dalla mia richiesta che è presente una componente ansiosa, purtroppo si, rendo tutto patologico, in famiglia ho avuto purtroppo ben 4 casi di tumore tra cui mio padre, tutti e quattro non risolti purtroppo, e da allora ogni sintomo per me è grave perchè mi sono convinta del fatto che ci sia una componente genetica e mi assale il terrore.
Spero di esser riuscita a far ben comprendere i miei sintomi.
Vi ringrazio
Buona giornata
[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Si è riuscita perfettamente a spiegare il quadro ed è legittima la sua richiesta, ma comprenderà bene che per formulare una diagnosi differenziale tra i sintomi che allega nel suo caso in particolare è imprescindibile una visita per fare il punto della situazione. E' vietatissimo farlo a distanza.
Coinvolgerei il curante per un primo orientamento. Sarà lui ad indicare eventuali approfondimenti specialistici.

Tanti saluti