Utente 431XXX
Buon giorno, mi è stata diagnosticata una pancreatite cronica in fase attiva. Al momento non sono chiare le ragioni dell'acutizzazione. Gli esami non rilevano al momento insuifficenza pancreatica; infatti elastasi fecale e glucosio sono nei range pur se nel corso degli ultimi anno questi valori hanno gradualmente teso ai limiti rispettivamente inferiore (230) e superiore (99/113) dei range. Ho cominciato terapia con Creon 25.000 unità x 2 ma senza al momento beneficio. Vorrei chiedervi se sia contemplabile l'aumento del dosaggio di Creon e quanto rapida può essere l'evoluzione della malattia?
Grazie
[#1] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda
28% attività
8% attualità
16% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gentile signore se la causa della pancreatite cronica in fase attiva non è conosciuta è difficile programmare una cura. L'assenza di una insufficienza pancreatica rende inutile il Creon perchè serve proprio per supplire la carenza di enzimi pancreatici, che nel suo caso sembrano essere normali. Quindi bisogna concentrarsi sulle possibilità di fare una diagnosi chiara per poi procedere con una cura. Se crede mi faccia spare gli esami che ha fatto per vedere se riesco ad orientarmi. cari saluti
Gerunda
[#2] dopo  
Utente 431XXX

Iscritto dal 2016
Gent.le Dr., la causa della pancreatitee cronica è esotossica, alcolica, ma l'assunzione di alcol, sostanze e farmaci è interrotta da anni.
Ogni 6 mesi faccio esami di controllo per epatopatia cronica che oltre a rilevare un ciclico innalzamento ALT non superiore a 80, va bene.
All'ultimo controllo visto il perdurare da anni di diarrea cronica, feci che galleggiano, dolore aspecifico, deficit vitaminici, cibo non digerito, nausea e ciclici cali ponderali il dottore ha richiesto il controllo di amilasi e lipasi che sono risultate circa il doppio del valore Max. A questo punto non risultando chiara la causa dell'acutizzazione, se non forse il recente pregresso uso di cymbalta che prendevo per la labilità emotiva causata dalla patologia neurologica, è stato richiesto il controllo di elastasi, sottoclassi IgG, trigliceridi, glucosio e rmn addome superiore per la quale attendo di essere chiamato,
Fra le sottoclasse IgG la sola che risulta discretamente fuori norma evidenziando un deficit è IgG3. Trigliceridi poco entro i range, idem elastasi e glucosio.
Il Creon è stato somministrato al fine di migliorare la sintomatologia diarroica .

Grazie
[#3] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda
28% attività
8% attualità
16% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2009
Gentile signore in effetti il farmaco che lei usa è controindicato nei pazienti affetti da epatopatia cronica e porta ad un aumento delle transaminasi, oltre a disturbi digestivi (diarrea, nausea ecc). Se lei ha smesso l'abuso alcolico la situazione dovrebbe nel tempo normalizzarsi. Per la diarrea cronica ha mai fatto una colonscopia per verificare che non vi siano alterazioni a questo livello dosando anche la colpropectina fecale? L'uso di bustine di STOPPER dovrebbe rassodare le feci (3 al giorno ai pasti), in questo caso il CREON potrebbe essere utile, ma è difficile da capire quanto sia efficace. Ha fatto una ecografia con doppler a carico dell'addome per verificare la situazione epatica? I dolori quando si manifestano? prima o dopo aver mangiato o senza alcuna relazione con il cibo? Mi faccia sapere
Cari saluti
Gerunda
[#4] dopo  
Utente 431XXX

Iscritto dal 2016
Gent.le Dottore, il Cymbalta è sospeso da più di un mese e fra un mese dovrò ripetere gli enzimi per confermare o smentire che l'acutizzazione fosse dovuta ad esso.
La sospensione di fattori esotossici è di lunga durata e nonostante ciò la situazione non è mai andata migliorando, anzi, le riacutizzazioni delle problematiche GI appaiono indipendenti da ciò.
La calprotectina è stata fatta alcuni anni fa è risultava modestamente incrementata.
Ho effettuato nel tempo:
Colonileoscopia: nella norma
Eco Anse Intestinali: ispessimento dell'ileorisultato non più presente al controllo successivo di ca. un anno fa.
Videocapsula: rapido svuotamento gastrico, scarsa distensione anse, miscropolipo xantomatoso, lieve lacuna venosa.
EGDS: esofagite di II° grado, ernia iatale, cardias poco continente, gastrite di ndd (discreto infiltrato linfoplasmacellulare...)
ECO ADDOME: Scars renali bilaterali, non altre anomalie (il fegato nel tempo é molto migliorato.
Fibroscan: Tra F1 e F2 a entrambi i controlli, l'ultimo in occasione del riscontro delle problematiche pancreatiche.
Ho vescica e intestino neurogeni.
Ho usato stopper, mesalazina, intesticort, fermenti, probiotici senza alcun beneficio della diarrea.
Mai fatta ecodoppler addome. Ad una precedente TC era comparsa un'areola ipodensa di ca. 8mm al V seg. epatico, non rilevata però dalle successive eco di controllo. Presunto angioma...
I dolori in passato erano anche molto forti di tipo crampiforme sopprattutto al basso ventre. Mentre i dolori riguardanti epigastrio sono per lo più accusati a livello dorsale e di nausea continua. Ho avuto un paio di violenti episodi di vomito nero a getto. La diarrea spesso è immediata dopo i pasti e i dolori alla "schiena" si accentuano dopo i pasti soprattutto se abbondanti o, come la nausea, se sono disteso o seduto, e considerando che uso quasi sempre la carrozzina, sono moolto presenti...
Grazie!
[#5] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda
28% attività
8% attualità
16% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2009
Gentile signore il suo quadro clinico è molto complesso ed è stato trattato in vari modi senza un apparente successo. Mi è difficile trovare soluzioni accettabili al suo stato di salute. Perchè sta sempre su una carrozzina?
cari saluti
gerunda
[#6] dopo  
Utente 431XXX

Iscritto dal 2016
Buon giorno Gent.le Dottore, perché ho la malattia di Strumpell-Lorrain. Cosa intende per "accettabili"?

Grazie
[#7] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda
28% attività
8% attualità
16% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2009
Gentile signore sfortunatamente non ho una competenza per le paraplegie spastiche familiari e quindi comprendo la complessità del suo quadro clinico, ma non sono in grado di orientarmi nell'insieme delle situazioni neurologiche che lei presenta e contemporaneamente quelle legate alla epatopatia e pancreopatia. Mi dispiace dio non poterle essere utile. Le faccio i miei auguri. Cordialmente
Gerunda