Utente 455XXX
Buongiorno dottori. Cerco di spiegare in breve la mia situazione.
Il mese scorso ho risentito del prurito prima delle mestruazioni e durante il ciclo mestruale anche 1 giorno di bruciore( da impedirmi il rapporto.) Esattamente quei giorni, il mio fidanzato ha avvertito un leggero prurito e quando abbiamo esaminato la zona ci siamo resi conto che l'asta del pene e i testicoli erano rossi con la pelle un po tesa e lucida. (avevamo avuto un rapporto non protetto circa una settimana prima) Il giorno dopo mi sono subito recata da ginecologo il quale non ha trovato nulla dal tampone vaginale perchè avevo applicato della creme i giorni prima(meclon). Nonostante questo secondo lui è candida. Me l'aveva già diagnosticata attraverso un tampone a dicembre. Anche il mio fidanzato si è fatto vedere da un urologo il quale ci ha spiegato che il mio fidanzato non ha presentato la balanite perchè aveva delle difese immunitarie molto alte. Ora lui sta mettendo una crema e il rossore è praticamente sparito mentre la pelle è ancora un po' lucida. Io ho preso un ovule e itraconazolo per os e nei giorni successivi al ciclo sono stata meglio. Per una settimana niente sintomi. Questo mese , prima delle mestruazioni i sintomi si sono ripresentati : prurito e bruciore.
La mia preoccupazione è la seguente : dato che prima di lui ho avuto dei rapporti non protetti, e visti i sintomi , secondo lei che altro tipo di mst può essere? Inoltre è normale che il tempo di guarigione sia cosi lungo? Ovviamente farò la analisi del sangue, urine e tronerò dal ginecologo per un pap test nei prossimi giorni ma ho bisogno di tranquillizzarmi anche solo un po'. Il fatto di avergli passato qualcosa mi sta facendo stare malissimo. Grazie in anticipo.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
le diagnosi non si fanno con i "Secondo me" se un tampone correttamente eseguito e piastrato non rileva la presenza di candida.
Perchè nel caso si sia convinti della diagnosi clinica si ripete il tampone ed eventualmente lo si integra con la ricerca di altri patogeni.
Lo stesso vale per il suo partner, di cui ovviamente non è dato di vedere il quadro clinico, tuttavia presente, che "non ha manifestato candida per difese immunitarie molto alte".
Senza un tampone.
E quale sarebbe la diagnosi formulata al suo compagno?
Per via telematica altro non si può aggiungere, se non la raccomandazione di farsi vedere entrambi da un infettivologo o da un dermatologo di un centro altamente qualificato.
Faccia sapere se vorrà.
Saluti cordiali,
Dott. Caldarola.