Utente 462XXX

Buongiorno
vi ringrazio in anticipo per il riscontro che mi darete, confidando nella vostra solita cortesia.

Riassumo di seguito il percorso di mio padre (70 anni):
La doccia fredda è arrivata a giugno, con iniziale diagnosi tramite ecografia della presenza di un nodulo nella mammella sinistra, l'ago aspirato conferma che si tratta di un carcinoma.

Mio padre viene poi operato il 20/07 con mastectomia + sampling ascellare.
Siamo stati oggi dalla chirurga senologa che ci ha consegnato gli esiti e il piano di prenotazioni per esami ecografici all'addome sup/inf e scintigrafia ossea.

Dagli esiti emerge quanto segue:

- SEDE DEL PRELIEVO
Mammella sinistra e linfonodi ascellari sinistra -1 filo in alto, due fili laterali.

- QUESITO DIAGNOSTICO
Carcinoma mammella sinistra (agobiopsia carcinoma infiltrante)

- DESCRIZIONE MACROSCOPICA
Mastectomia sinistra: mammella orientabile di cm 11x12x2 con losanga di cute di cm 10x4 con capezzolo retratto. Ai tagli, in sede retroaereolare, presenza di neoformazione a margini irregolari e consistenza aumentata, di cm 1,7x1,5x1,7 condizionante retrazione del capezzolo e distante più di 1 cm da tutti i margini.

E' presente prolungamento ascellare di cm 8 nel contesto del quale si isolano numerosi linfonodi. Materiale pervenuto "fresco", successivamente posto a fissare in formalina. Sul materiale inviato si allestiscono 9 inclusioni.

- DIAGNOSI ISTOLOGICA
Carcinoma infiltrante di isotipo non speciale.
Grado istologico secondo Nottingham Score: 3.
Neoplasia in sito associata pari al 5% di tipo solido con comedonecrosi di grado nucleare 3.
Dimensioni della neoplasia: cm 2
Non evidenza di invasione vascolo linfatica, presenza di invasione perineurale.
La cute del capezzolo appare indenne ma la neoplasia infiltra il derma papillare dell'area sottostante il capezzolo.
Margini di resezione su tessuto sano.

- VALUTAZIONE IMMUNOISTOCHIMICA DEI FATTORI PROGNOSTICI E PREDITTIVI
Recettori per estrogeni: >99%
Recettore per progesterone: 80%
Frazione di proliferazione (indice Ki67): 3%
Test per HER2: negativo (score 0 secondo linee guida ASCO-CAP 2013)
Metastasi da carcinoma duttale a 1 su 6 linfonodi esaminati.
T-04030 M-85003 G-C017
- TNM
pT1c pN1

La terapia adiuvante proposta è CT con EC x 4 cicli - Taxolo x 12 sett. + Ormonoterapia TAM 20 mg/die x 5 aa.
La raditoreapia è da valutare a seguito di visita.

Anche se in attesa di completare la stadiazione, vi pongo i seguenti quesiti:

  • Cosa significa che il carcinoma infiltrante è di isotipo non speciale?
  • Inoltre è corretto che, anche se la neoplasia infiltra il derma papillare dell'area sottostante il capezzolo, il carcinoma sia stato classificato come un T1c e non un T4?
  • Che cosa significano le sigle: T-04030 M-85003 G-C017?
  • Che significato ha la presenza di invasione perineurale?
  • Il Grado G3 e il linfonodo positivo rappresentano fattori molto infausti, è corretto?
  • L'oncologo lo vedremo il 27/09 con tutti gli esami mancanti alla mano, ma sarà passato già troppo tempo dall'intervento per iniziare le cure?

Ringrazio cordialmente
Gaia

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
In gran parte I fattori prognostici sono favorevoli, mentre per I pochi sfavorevoli (compreso il linfonodo metastatico) e' stata proposta correttamente una chemio precauzionale

Tanti saluti
[#2] dopo  
Utente 462XXX

Iscritto dal 2017
Grazie Dottor Catania,
siamo in tensione per i prossimi esami per terminare la stadiazione...
Mio padre lamenta dei fastidi/dolori lievi alla schiena più o meno costanti da circa un mese e mezzo - è stato operato il 20 luglio (soprattutto quando sta molto in piedi, di notte non li sente). Possono essere dolori post-operatori o potrebbe essere il campanello di allarme per una diffusione alle ossa?
La scintigrafia la farà il 13 settembre.

Grazie ancora!
[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Sino a dimostrazione contraria e tenendo conto dei fattori prognostici allegati, in primis penserei ad una NON-CORRELAZIONE.
[#4] dopo  
Utente 462XXX

Iscritto dal 2017
Grazie ancora Dottor Catania, lo speriamo davvero!
La aggiorno poi con gli esiti degli esami.

Cordiali Saluti
[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
D'accordo....
[#6] dopo  
Utente 462XXX

Iscritto dal 2017
Mi scusi un ulteriore chiarimento: come Le dicevo, siamo in attesa di effettuare la scintigrafia ossea ed eco addome sup/inf... Documentandomi leggo però che sarebbe opportuno iniziare le cure chemioterapiche non oltre le 6 settimane dall'intervento. Come ci è stato pianificato dall'ospedale dove siamo seguiti, vedremo l'oncologo che pianificherà le cure il giorno 27/09 e mio padre è stato operato il 20/07. Non dovrebbero esserci protocolli standard?Dovremmo sollecitare o sono tempi ancor corretti?

Grazie mille
[#7] dopo  
Utente 462XXX

Iscritto dal 2017
Buongiorno Dott. Catania,
Ecco di seguito gli esiti della scintigrafia ossea eseguita su mio papà (70 anni):

[... L'esame è stato condotto con tecnica total body...]
L'indagine scintigrafica documenta una disomogenea ipercaptazione del tracciante osteotropo a livello del rachide cervicale, di possibile natura artrosico-degenerativa ma in relazione al quesito di invio meritevole di controllo TC mirato.
Diffusa captazione alle maggiori articolazioni di verosimile significato artrosico-degenerativo. Non si segnalano ulteriori anomalie di distribuzione del radiofarmaco a livello dei restanti segmenti scheletrici.

Che cosa ne pensa?
Grazie molte Dottore!
[#8] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
penso quello che puo' leggere anche Lei
"di possibile natura artrosico-degenerativa "

La scintigrafia e' molto sensibile, ma poco specifica quindi nel caso del papa' ha captato una lesione compatibile con l'eta' e che non sembra destare alcuna preoccupazione.
In altre parole occorre tener conto della elevata (probabile nel suo caso) di un falso positivo.
Ne vediamo tutti i giorni'

Faccia consultare l'esame al suo oncologo che decidera' per un eventuale approfondimento (TC).

Saluti
[#9] dopo  
Utente 462XXX

Iscritto dal 2017
Grazie per la sua rassicurazione, ad ogni modo vedremo l'oncologo il 27 p.v.

In ogni caso, da quanto ho potuto capire, generalmente le lesioni secondarie ossee si manifestano con la presenza di molteplici aree di iperattività. Se l'ipercaptazione del tracciante osteotropo è solo in un punto, verosimilmente è più probabile che sia una lesione di possibile natura artrosico-degenerativa. Corretto?

Grazie ancora!
[#10] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
E' corretto , ma a prescindere da questa osservazione, quel che conta e' che il tipo di captazione rilevato e' piu' caratteristico di un quadro artrosico-degenerativo, piuttosto che di un secondarismo osseo.
[#11] dopo  
Utente 462XXX

Iscritto dal 2017
Speriamo davvero!
La aggiornerò e grazie ancora.

Cordiali Saluti
[#12] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Speriamo
[#13] dopo  
Utente 462XXX

Iscritto dal 2017
Buonasera Dott. Catania,

Oggi abbiamo avuto l'incontro con l'oncologo (ovviamente è stato valutato di effettuare approfondimento con TC del rachide, esame che farà nei prossimi giorni) e vorrei sottoporle quanto ci è stato detto.

Inizialmente, dal consulto multidisciplinare all'interno della Brest Unit, e in attesa di terminare gli esami di stadiazione, era stata valutata la seguente proposta di terapia adiuvante: CT con EC x 4 cicli - Taxolo x 12 sett. + Ormonoterapia TAM 20 mg/die x 5 aa.
La raditoreapia da valutare.

Oggi, a seguito di visita e valutazione dei pregressi di mio papà, ci viene riferito che pensano di non fargli la chemioterapia ma solo radioterapia + terapia ormonale per i seguenti due motivi:

1) Biologia molto buona:
- Recettori per estrogeni: >99%
- Recettore per progesterone: 80%
- Frazione di proliferazione (indice Ki67): 3%
- Test per HER2: negativo (score 0 secondo linee guida ASCO-CAP 2013)
(anche se grading G3 e 1/6 linfonodi coinvolto).

2) Pregressi problemi di ulcere duodenali sanguinanti di mio papà; il primo ricovero nel 2002 con recidiva nel 2016 (curata endoscopicamente mediante l'applicazione di 5 clip metalliche). Mio padre è da anni in cura con gastroprotettori e non può assumere FANS.

La motivazione è che non vorrebbero creare un danno a mio padre con la chemioterapia che al momento non c'è: nuova ulcera sanguinante che dovrebbe portare conseguentemente all'interruzione della chemioterapia (quindi si renderebbe vana).

Secondo l'oncologo si avrebbero dei comparabili vantaggi di prevenzione solo con la terapia ormonale.

Lei cosa ne pensa?

Grazie dottore
[#14] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Nel bilancio benefici/rischi, tenendo conto dell'eta', patologia concomitante, fattori prognostici in maggioranza molto favorevoli [(nonostante G3 ed N+(ma solo uno metastatico} e soprattutto perche' la copertura chemioterapica aumenterebbe di poco il tasso di sopravvivenza, senza alcun dubbio per mio padre opterei per una terapia meno aggressiva.
Si ovviamente a radio+ormonoterapia
Quindi concordo per il no alla chemioterapia.
[#15] dopo  
Utente 462XXX

Iscritto dal 2017
Grazie Dottore, è sempre molto chiaro e disponibile!

Di quanto parliamo dicendo che la copertura chemioterapica aumenterebbe di poco il tasso di sopravvivenza? Sostanzialmente mio papà è a rischio sopravvivenza per una possibile recidiva loco-regionale e per una diffusione secondaria della malattia giusto? Di che probabilità possiamo parlare?

Se non avvenissero questi episodi, essendo stato operato con mastectomia, potremmo definirlo "guarito"?

Grazie grazie grazie ancora!
[#16] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
"Sostanzialmente mio papà è a rischio sopravvivenza per una possibile recidiva loco-regionale e per una diffusione secondaria della malattia giusto? Di che probabilità possiamo parlare?"

Per il rischio di recidiva locale e' stata proposta la radioterapia
Per il secondo rischio e' proposta la ormonoterapia (si tratta di un tumore ormono-responsivo) .

Usare il termine "guarito" e' quanto mai impegnativo e occorrerebbe un volume e forse non basterebbe per correggere alcuni suoi pregiudizi su questa malattia derivati probabilmente da una esplorazione senza guida di informazioni sulla rete.

Nessuno puo' negare che la situazione sia complessa, ma CURABILE senza alcun dubbio.

Le suggerisco un differente approccio alla malattia, perché di cancro si guarisce, ma è più difficile guarire dalla seconda e più grave malattia che si accompagna ad esso : la paura del cancro !


Di questo ci occupiamo da anni nel mio blog RAGAZZE FUORI di SENO, cui partecipano anche molte figlie di madri ammalate e anche figli di padri ammmalati e diversi mariti

http://www.medicitalia.it/news/senologia/6986-blogterapia-ragazze-fuoridiseno-rfs-bilancio-anniversario.html

in cui e' possibile correggere molti dei suoi pregiudizi su ereditarieta', prevenzione, e soprattutto PAURE e DARE SEMPRE SPERANZA

http://www.medicitalia.it/blog/oncologia-medica/4700-dare-speranza-fattori-predittivi-mera-informazione-condanna.html

Se lo desidera (si presenti con un nome, anche fasullo) e dica pure che l'ho invitata io, cosi' puo' saltare tutti i preamboli ed entri nel nostro blog delle RAGAZZE FUORI DI SENO e Le prometto che non vi lasceremo soli.

RIASSUMA LA STORIA del padre e parli liberamente delle SUE PAURE senza remore..... e delle varie fasi dell'iter diagnostico e terapeutico che andra' ad affrontare (terapie, controlli) solitamente vissute come privo di nesso tra di loro, motivo questo generatore di ansie.
Gli ammalati di cancro le spiegheranno bene cosa voglia dire vivere senza alcuna necessita' di essere considerate "guarite"
Non c'e' differenza tra tumore della mammella maschile con quello femminile, anche se esiste il pregiudizio che non esista il tumore del seno maschile
http://www.medicitalia.it/spazioutenti/forum-rfs-100/come-si-calcola-il-rischio-reale-per-il-tumore-al-seno-44-890.html

Tra l'altro la sua partecipazione e' particolarmente gradita proprio perche' ci aiuterebbe a rompere il tabu' del tumore della mammella nei maschi

E aiuterebbe anche suo padre a non sentirsi come "un caso raro" quando sara' in sala di attesa dell'oncologia.

L'aspettiamo e Le ricordo che coperto da un nick potra' mantenere segreta la sua identita'
[#17] dopo  
Utente 462XXX

Iscritto dal 2017
Grazie dottor Catania, seguirò sicuramente il suo consiglio e mi iscriverò al blog!

Nel frattempo ecco gli aggiornamenti, che ci lasciano un po' confusi: oggi ci chiamano per fissare un appuntamento martedì per ridiscutere il caso, ma ci anticipano che, a seguito di consulto tra il team, propongono comunque un percorso di chemioterapia che ha differenti effetti collaterali rispetto al percorso inizialmente ipotizzato (la terapia adiuvante proposta era CT con EC x 4 cicli - Taxolo x 12 sett.) per poi proseguire con la ormonoterapia. Di che cura può trattarsi?Ne esiste un tipo che potrebbe farci stare più tranquilli con il problema di mio papà?E ancora... Non sta passando troppo tempo dall'intervento effettuato il 20/07?Saremmo in linea coi tempi per iniziare la chemioterapia?

Che cosa ne pensa?

As usual, grazie grazie!
[#18] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Ora comincio ad avere qualche difficolta' a riuscire ad apportare il contributo che Lei si aspetta da me e sono costretto a rifugiarmi (non a sottrarmi) in ovvieta' che poco la possono aiutare.

1) il mio parere potrebbe indurla a decisioni su una terapia cosi' impegnativa e questo a distanza non e' consentito senza una verifica diretta reale. Non consentito nel senso proprio di categoricamente vietato

2) Posso solo ribadire quanto gia' espresso sul criterio "empatico" (trattare il paziente come se fosse il proprio padre.) di fare un bilancio rischi/benefici non tenendo conto della eta' anagrafica del paziente ma delle sue condizioni generali (+patologie concomitanti).


E credo che il team ne abbia tenuto conto "ma ci anticipano che, a seguito di consulto tra il team...."
Traducendo dal medichese in italiano vuol dire che un paziente di 70 anni e' in grado di affrontare una terapia
di tal fatta se in buone condizioni.

Diverso atteggiamento se avesse avuto 60 (non 70) ma in condizioni precarie.
In questi casi non puo' prendersi tutta Lei la responsabilita', si suole sentire un altro parere oncologico (io sono specialista anche in oncologia, ma in realta' faccio il chirurgo oncologo) magari in un centro di eccellenza e...poi non pensarci piu' : ci si fida e basta.
In caso contrario sara' attanagliato dai sensi di colpa "vorrei fare il massimo disponibile per mio padre"

Spero di non essermi....sottratto (^_____^)