Utente 107XXX
Una settimana fa sono andata al pronto soccorso per allergia a ciprofloxacina: avevo pomfi e edema palpebrale.
Mi hanno fatto cortisone endovena e antistaminico intramuscolo. Non mi hanno dato particolari restrizioni.
Ieri sono andata dal mio medico curante per informarlo: anche se la reazione è sparita il giorno dopo, mi ha detto di mangiare SOLO riso bollito e tacchino (no verdure, pasta, pane, uova, latte ... nemmeno pollo e coniglio.... colazione con biscotti di riso) per due settimane, per evitare reazioni crociate che m potrebbero far diventare allergica agli alimenti che mangio.
Non è esagerato?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
3962

Cancellato nel 2010
Gentile signora, il fenomeno della cross-interazione, o interazione crociata, fra alimenti e farmaci o alimenti e pollini è reale, tuttavia mi risulta che si verifichi su una preesistente intolleranza alimentare e non il contrario. Quanto alla ciprofloxacina se l'episodio è unico potrebbe essere stato indotto da fattori concomitanti di altra natura. In ogni caso, una volta definite le intolleranze alimentari è sufficiente un wash-out di tre mesi e poi in genere si può rialimentarsi normalmente con gradualità. Cordialmente.