Utente 357XXX
Salve. Da poco tempo ho scoperto di essere finalmente in dolce attesa ! Sono al secondo mese. Devo dire che ho sempre avuto problemi di denti ,in passato molte carie mi si formavano internamente senza che fossero visibili e quando mi faceva male era già stato toccato il nervo e alcuni infatti sono stati devitalizzati per questo .Inoltre ho spesso gengive sanguinanti . Tornando alla gravidanza ,mi si è improvvisamente rotto un molare mentre addentavo del cibo .Non ricordo se era già otturato, forse si ma comunque non devitalizzato. Il buco è notevole e si vede nero per cui è cariato. Il dentista saputo del mio stato ha detto per ora di non fare nulla ,oltre a tenerlo sempre ben pulito .secondo lui va devitalizzato e se posso tirare avanti meglio o comunque almeno passare un po di mesi.a me fa un po impressione mangiare con quel buco nero aperto ,ho paura la situazione peggiori o arrivi a farmi male .volevo chiedervi se veramente in gravidanza è meglio non fare cure dentali , come dovrei comportarmi ora con questo dente rotto , ed anche se per evitare un peggioramento delle gengive sanguinanti facilmente già di loro posso usare qualche prodotto specifico oltre o al posto del normale colluttorio. Ah voglio aggiungere che precedentemente avevo un'altra dentista di fiducia ma questo ha cambiato città ,lui aveva una cartella dettagliata per ogni paziente in cui annotava ogni intervento ,e da li potrei far vedere al nuovo dentista la situazione dei denti già aggiustati, quali sono devitalizzati e quali solo otturati. ..c è modo di reperire la mia cartella ? Tra l'altro sono passati molti anni .
[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio
28% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Puo' eseguire tranquillamente cure odontoiatriche in gravidanza,quali si rendessero necessarie,a giudizio del curante,con queste precauzioni:

1)se possibile, effettuare le cure a partire dal secondo trimestre della gravidanza, evitando il periodo più delicato per la formazione del feto.

2) evitare le radiografie durante il primo trimestre: eventuali devitalizzazioni possono essere effettuate con l’uso di rilevatori apicali, in assenza di esami radiografici.

-3)evitare l’utilizzo di vasocostrittori(norepinefrina)spesso associati ad alcuni anestetici, perché potenzialmente dannosi per il feto.


Cordiali Saluti
[#2] dopo  
Dr. Diego Ruffoni
28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Gentile utente, le cure odontoiatriche in gravidanza sono praticabili rispettando determinati protocolli, nel suo caso non sappiamo nulla del quadro clinico, ma se vuole stare tranquilla può fare scrivere al collega la risposta e poi darci qualche informazione in più,. Mi raccomando l'igiene domiciliare e le consiglio la visita di controllo semestrale di portarla a trimestrale. Auguri.di buon a continuazione.
[#3] dopo  
Utente 357XXX

Iscritto dal 2014
Gentili dottori,grazie della vostra tempestiva risposta.
La gravidanza è stata molto attesa per cui non vorrei in alcun modo comprometterla,anche a rischio di stare un'anno con questo fastidioso buco in bocca! Il collega da cui mi sono rivolta pure non conosce il mio quadro clinico,poichè ci vado da poco,ma mi ha consigliato per ora di non fare nulla,più avanti ha detto sarà possibile se proprio necessario,ma che se riesco a resistere senza far nulla è meglio e poi si pensa. Ho avuto la sensazione che non voglia agire.
Ciò vorrebbe dire però arrivare al parto con un molare bucato? Mi sembra un'eternità! E mi chiedo,possibile che in tutti questi mesi la situazione tenendolo cosi aperto (si vede la carie) non peggiori ulteriormente? Non sono tanti i mesi a venire? I guai ai denti progrediscono in fretta o sono piuttosto stabili?
Per il momento oltre il fastidio di percepire il buco con la lingua,ed al mangiare che vi ci si infila,non ho particolari fastidi,forse leggermente una sensibilità al caldo e freddo.Se almeno avessi l'altro lato perfetto per la masticazione,invece avevo problemi da sistemare anche li ed anzi tendevo a masticare più sul lato di questo che ora si è rotto!
A proposito,aver accidentalmente ingoiato il pezzo,con probabilmente una parte otturata (non ricordo precisamente se era sano o più probabile già otturato)non fa niente vero?
[#4] dopo  
Dr. Diego Ruffoni
28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Praticamente se questo dente aperto incontrasse un processo flogistico di tipo infettivo, ci potrebbero essere rischi maggiori oltre le cure farmacologiche che in parte arriverebbero al feto. Di norma si valutano sempre i rischi rispetto ai benefici e i rischi seguendo i protocolli si avvicinano allo zero, mentre non ci possono essere benefici senza cure.
L'ingestione del pezzetto o dell'otturazione non è preoccupante ne per lei ne per il feto se non c'era la presenza di viti o perni.
[#5] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
Se vuole evitare problemi odontoiatrici più seri si rivolga ad un dentista che nel secodo trimestre la curi limitandosi quanto meno ad effettuare l'essenziale. Dovesse malauguratamente insorgerle un pulpite o una necrosi settica le implicazioni per lei e per il feto sarebbero maggiori.
Cordiali saluti
[#6] dopo  
Utente 357XXX

Iscritto dal 2014
La devitalizzazione (perché sicuro questo sarà ) nel secondo trimestre si può fare senza rischi ? Devo assicurarmi che nella anestesia non ci sia noripinefrina come detto nel post del dottor De Socio ? Posso pretendere che il professionista mi faccia vedere prima il farmaco che intende usare ? Se Sto il più attenta possibile alla pulizia del buco caricato è realistico pensare come mi ha suggerito chi mi ha visitata di tirare avanti ? Dunque anche oltre il secondo trimestre ,o è meglio procedere con la cura comunque il prima possibile ?
[#7] dopo  
Dr. Luigi De Socio
28% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2016
Rispondo sinteticamente:
La devitalizzazione si puo' fare tranquillamente .
Chieda espressamente
dell 'anestetico.
Proceda con la cura il prima possibile per evitare possibili complicanze come giustamente evidenziato dal Dott.Di Iorio.
Cordiali Saluti