Utente 467XXX
Gentili Dottori,

ho 52 anni e mi è stato diagnosticato un DIA ostium secundum.
Riporto quanto scritto nei referti di RMN cardiaca e Ecocardio
transesofagea :

RMN CARDIACA

Difetto del setto interatriale di tipo ostium secundum delle dimensioni di 11 mm, Qp:Qs = 2,9
Pericardio non ispessito, assente versamento pericardico.
Dopo mdc paramagnetico, non deficit di perfusione, non aree di late enhancement.

ECOCARDIO TRANSESOFAGEA

Cardiopatia congenita con conservata funzione sistolica biventricolare
(In presenza di dilatazione delle sezioni destre). Insufficienza mitro-aortica di grado lieve (+).
Presenza di ampio DIA tipo ostium secundum (dimensioni 20 mm x 11 mm) con associato
altro piccolo DIA (separato dal primo da tralcio di tessuto) che presenta meccanismo
apparentemente a valvola (dimensioni di 20 mm x 4 mm). Assenza di trombosi intrauricolare.
Aorta toracica non dilatata con lieve ateromasia parietale.

Vorrei avere un parere su come più opportuno intervenire.

Grazie molte anticipatamente.
[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci
32% attività
16% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
E' opportuno visionare le immagini RMN, prima di darle un parere definitivo.

E' comunque evidente la necessità di intervenire considerando i valori riportati (QP/QS e dimensioni cardiache)

Quando possibile si cerca sempre di intervenire per via percutanea a cuore chiuso (è la procedura che comporta il posizionamento del cosiddetto "ombrellino"); quando non si ha la possibilità di trattarla in questo modo è il cardiologo ad inviarla a noi chirurghi per un intervento a abasso rischio a cuore aperto.

GI
[#2] dopo  
Utente 467XXX

Iscritto dal 2017
Grazie molte, dottore, per le utili indicazioni. In effetti il cardiologo che mi ha visitato propende per l'intervento chirurgico, data la conformazione e dimensione del difetto rivelata dalla transesofagea, che renderebbe problematico l'uso dell'ombrellino.

Volevo chiederle cortesemente se si tratta di intervento che richiede una lunga degenza e convalescenza.

Cordiali Saluti.
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci
32% attività
16% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
La degenza è di circa 7 giorni in Cardiochirurgia e 2/3 settimane in uno specifico reparto di Cardiologia riabilitativa.
Dovrà considerare circa 30 gg per tornare in completa autonomia alle attività quotidiane.


GI