Utente 126XXX
Ringrazio fin da ora chi gentilmente mi risponderà perchè sono veramente disperata,ho bisogno di un parere.Sono una ragazza di 24 anni e più di un anno fa(esattamente fine Dicembre/inizi Gennaio2005)ho cominciato ad accusare tanta stanchezza e febbricola.Dalle analisi del sangue è risultato il MONOTEST positivo++; EBVCA IGG 1:80 , igm 1:10 ; citomegalovirus IGG 478 , IGM NEGATIVO. Oltre alla stanchezza ho cominciato a soffrire di nausea(che dopo un po'è andata via),capogiri,vertigini(soprattutto all'inizio molto forti)e per quasi 2 mesi sono stata costretta a letto. Dopo di che,nonostante non stessi bene ma leggermente meglio,ho cercato di riprendere in mano la mia vita,i miei impegni universitari,con non poche difficoltà. Dopo qualche mese il monotest è risultato negativo, il cito IGG è sceso a 236,anche se a volte sale,a volte scende.. L'EBVCA è rimasto sempre nei valori sopra indicati(a volte IGG 1:40). Non ho avuto,come di frequente accade,linfonodi ingrossati,nè mal di gola e anche i globuli bianchi sono sempre stati perfetti. Per fornire un quadro completo riporto tutte le analisi ed esami di controllo che ho fatto in quest'anno,risultati sempre,tutti,fin dall'inizio nella norma: emocromo,formula leucocitaria,toxoplasma,sideremia,ferritina,proteine totali,transaminasi ossalacetica e piruvica,LDH,CPK,PCR,FT3,FT4,TSH,acido folico,colesterolo,trigliceridi,microsomiali AB ANTI,tireoglobulina AB ANTI,tipo-perossidasi AB ANTI. Inoltre: RX TORACE,esame urine,esame parassitologico feci,ecografia addominale superiore e inferiore.
Il problema è che anche se tutti questi controlli sono andati bene,io da gennaio 2005non sto più bene come prima,ho continui alti e bassi,ancora stanchezza(a volte molto forte),vertigini o senso vertiginoso(ad es.2mesi fa mi hanno costretto a letto per 2giorni),spesso battito accelerato la mattina appena mi sveglio,stranezza generale. Ho parlato e sono stata visitata da più di un dottore specializzato(ospedale Torvergata e osp.Sandro Pertini)e mi è sempre stato detto che sto bene,che non mi devo preoccupare perchè è tipico del virus continuare a dare questi sintomi,a intervalli regolari. Ma essendo passato più di un anno e continuando a non stare bene le chiedo: è il caso che faccia altre analisi del sangue o altri tipi di esami?E soprattutto:ho letto di una possibile relazione tra il virus di Epstein barr e la Sclerosi multipla.Sono a rischio?Dovrei fare analisi del sangue più specifiche per il sistema immunitario? Sono molto preoccupata perchè temo di avere qualcos'altro(di grave) o che si sviluupi in me qualcosa a causa di questo virus,visto che non sono più tornata a stare bene e credo non sia normale.
Ho davvero necessità di avere un ulteriore parere circa il mio problema,che mi ha portato a perdere la serenità in quanto ha limitato e reso difficili le attività che normalmente svolgevo. Aspetto cortesemente una risposta. Grazie infinite.
[#1] dopo  
10161

Cancellato nel 2009
Lei ha una sindrome da stanchezza cronica determinata dalla continua presenza del virus di Epstein-Barr, nell'organismo, il sistema immunitario non riesce a portarlo via, pertanto si sviluppano i sintomi da lei indicati.
Poi "mi è sempre stato detto che sto bene,che non mi devo preoccupare perchè è tipico del virus continuare a dare questi sintomi,a intervalli regolari.", mi sembra che proprio perchè è tipico del virus fare così, questo va portato via. Il lavoro da fare è stimolare il sistema immunitario a riconoscere il virus e espellerlo.
Ma è presente anche il Cytomegalovirus, altro virus fetente che può danneggiare il fegato. Fortunatamente lei ha incominciato a interessarsi del problema in maniera autonoma, ed ha le possibilità di intervenire tempestivamente.
Si deve accertare con esami strumentali di medicina biologica la situazione esatta dell'organismo, oltre a esami ematochimici, in modo da eseguire una diagnosi precisa e una terapia efficace.
Indichi gli esami eseguiti, non mi piace tutti sono nella norma, in una persona con questi sintomi, anche una minima deviazione dai dati che vengono definiti normali, è importante. Gli esami vanno sempre letti con i dati clinici. Se i valori "normali sono indicati 0.80--3,50; un valore di 3,40 è normale? NO!!!! ma può indicare molte cose.
saluti
[#2] dopo  
Utente 126XXX

Iscritto dal 2006
Innanzitutto la ringrazio tantissimo dr.Moschini. Le riporto i dati precisi delle analisi, come da lei richiesto, che risalgono a fine ottobre2005(sono le ultime che ho fatto): globuli bianchi 8,15 ;globuli rossi 4,09;emoglobina 13,2;ematocrito 38,4; MCV 94; MCH 32,3; MCHC34,4; RDW 12,1; piastrine 210; MPV 12; granulociti neutrofili% 48,7; granulociti eosinofili% 1,86; granulociti basofili% 1,26; linfociti% 39,4; monociti% 8,78; granulociti neutrofili 3,97; GRANULOCITI EOSINOFILI 0,152; granulociti basofili 0,103; LINFOCITI 3,21; monociti 0,715; TRANSAMINASI OSSALACETICA 17; transaminasi piruvica 18; FERRITINA 43,86; sideremia 158; VIT.B12 632; acido folico 3,8; MONOTEST NEGATIVO; EBVCA IGG 1:80, igm 1:10; CITO IGG 375, IGM NEGATIVO; FT3 3,28; FT4 1,15; TSH 2,5950 ; tireoglobulina AB ANTI 21. Ho alcune domande da porle di chiarimento: cosa vuol dire stimolare il sistema immunitario?Come si espelle il virus? quali esami strumentali devo fare? QUALI ESAMI EMATOCHIMICI? Inoltre volevo sapere se mi dovevo preoccupare circa la domanda postale nel precedente consulto riguardo a questa relazione tra il virus di epstein barr e la sclerosi multipla.SONO A RISCHIO?Di base la mia paura è che si sviluppi o si sia sviluppato in me qlcosa di brutto visto che continuo a non stare bene.Lei che ne pensa a riguardo? La ringrazio di nuovo per la sua gentilezza infinita
[#3] dopo  
10161

Cancellato nel 2009
Gli esami che ha indicato, dimostrano la presenza del virus di Epsten-Barr e Citomegalovirus, il sistema immunitario sta rispondendo, per ora non sembra che il virus abbia provocato danni apprezzabili.
La medicina biologica ha farmaci che possono aumentare la risposta del sistema immunitario, identificare il virus e distruggerlo, operazioni che altrimenti non si verificherebbero.
Le consiglio, per approfondire, di eseguire:
Tipizzazione linfocitaria e sottopopolazioni:
CD3, CD4, CD5, CD8, CD19, CD20, CD16/56, CD23, CD25,
Tipizzazione HLA classe I e II. Con espressione genica e corrispondenze sierologiche.
anticorpi sierici anti tireoglobulina
anticorpi sierici anti microsoma tiroideo (TPO)
Tireoglobulina
anticorpi sierici anti recettore TSH (anti TRAK)
FT3, FT4, TSH
Anticorpi antinucleo (ANA e frazioni (ENA, Sm, RNP)
Calcitonina
Prolattina (possibilmente al 21°giorno mestruale)
saluti