Utente 234XXX
Gentili dottori, scrivo per l'ennesima volta perché non ce la faccio più. I sintomi che avverto a livello fisico sono stati attribuiti all'ansia, eppure mi sembra così assurdo. Premetto che seguo una cura da uno psichiatra con xanax e cipralex per emetofobia e disturbi d'ansia. I sintomi da "presunta" somatizzazione sono: stomaco teso, contratto ma non dolorante...raramente avverto bruciori...continue eruttazioni e a volte nodo alla gola, come se avessi un corpo estraneo a livello del pomo d'Adamo. Quello che non riesco a capire e che mi dà più fastidio è proprio questa sensazione di stomaco teso, come se fosse vuoto: non so spiegare bene, è come se avessi una sorta di languore (tipico di un soggetto che ha fame) ma senza avere fame, anzi: a tutto questo si accompagna una costante sensazione di nausea. Voglio indagare per la via gastroentereologica, ho paura della gastroscopia ma ormai sono pronto a tutto (chiedo inoltre: come faccio a sapere dove eseguono la gastroscopia transnasale?)
Grazie mille.

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Gentilissimo,

non credo proprio ci sia necessità di eseguire "in primis" una gastroscopia. Credo invece sia utile che venga seguito da un gastroenterologo per definire i sintomi ed instaurare una terapia antisecretiva-procinetica. Solo dopo si parlerà di problemi di ansia e di eventaule necessità di gastroscopia (ma che penso proprio non ne abbia bisogno).

Cordialmente

Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
www.endoscopiadigestiva.it
CONSULTARE SEMPRE IL PROPRIO MEDICO.

[#2] dopo  
Utente 234XXX

Iscritto dal 2012
Grazie dottore, ma quel languore a che cosa può essere dovuto? Ora,mentre scrivo,sto avvertendo anche una nausea molto forte...Non credo sia il cipralex, che prendo ormai da 43 giorni.

[#3] dopo  
Utente 234XXX

Iscritto dal 2012
Aggiungo che 5 anni fa mi è stata diagnosticata un'esofagite molto lieve tramite gastroscopia...da allora,ad ogni cambio di stagione, per un mese seguo una terapia di una cpr di lucen 20mg al mattino (ho finito da 3 settimane il mese per il cambio inverno-primavera)...ma non pare che abbia fatto effetto, perché a giorni sto bene, altri no, e questo anche durante il periodo di cura con lucen...procinetici invece li prendevo in passato, ora invece, come ho già detto, faccio solo questa cura 4 mesi all'anno col lucen.

[#4] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Credo che possa anche non trattarsi, visto gli scarsi benefici, di una patologia acido-correlata. Penso, invece, che la problematica ansiogena possa avere un ruolo importante.

Legga l'articolo al link e mi faccia sapere:


http://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1064-corpo-va-ansia-sintomi-fisici-disturbi.html


Cordialmente


Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
www.endoscopiadigestiva.it
CONSULTARE SEMPRE IL PROPRIO MEDICO.

[#5] dopo  
Utente 234XXX

Iscritto dal 2012
Ecco, proprio questo è che mi chiedo io: può la sola ansia causare tutto ciò? Da una parte sapere che si tratta solo di ansia e non di altre patologie "reali" mi tranquillizza,ma dall'altra io continuo a stare male. Si ricorda che, come ho scritto, da ieri mattina mi sono alzato con questa sensazione di stomaco teso? Bene,ieri sera ho mangiato un panino (ero già agitato prima di iniziare a mangiare), ma dopo nemmeno due ore sentivo lo stomaco completamente vuoto: io riuscivo a percepire il vuoto di stomaco, il che mi dava nausea. E stamattina mi sono alzato con la stessa sensazione, ho mangiato una banana e si è un po' attenutato, ma tutto questo mi fa paura. Oggi comunque contatterò il mio psichiatra per aggiornarlo della mia situazione di questi ultimi giorni.
Grazie ancora dottor Cosentino.

[#6] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Si faccia, comunque, seguire anche dal gastroenterologo e mi aggiorni.

Cordialmente

Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
www.endoscopiadigestiva.it
CONSULTARE SEMPRE IL PROPRIO MEDICO.

[#7] dopo  
Utente 234XXX

Iscritto dal 2012
Bene, domani mi farò prescrivere dal medico curante una visita gastroentereologica e vediamo che cosa ne uscirà fuori.

[#8] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Molto bene. A presto.

Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
www.endoscopiadigestiva.it
CONSULTARE SEMPRE IL PROPRIO MEDICO.

[#9] dopo  
Utente 234XXX

Iscritto dal 2012
In attesa di andare dal medico, le vorrei raccontare ciò che è successo stanotte. In seguito ad un sogno che mi ha scosso non poco, mi sono svegliato con dei dolori molto forti al basso ventre (come se avessi lo stimolo di andare a diarrea)...Credo fosse aria, il dolore,appunto,era localizzato solo nella zona del basso ventre. In più avevo al solito questa nausea. E' durato circa una mezz'oretta, poi si è attenuato. Stamattina le feci non erano solidissime (ma non era nemmeno diarrea,questo è sicuro)....Quello che voglio chiederle è se si possa trattare anche in questo caso di somatizzazione da ansia o magari questa volta l'ansia non c'entra (forse mi avrà fatto male qualcosa che ho mangiato, ma in questi giorni ho mangiato poco e sano).
Le farò sapere ciò che mi dirà il medico.
Grazie ancora!

[#10] dopo  
Utente 234XXX

Iscritto dal 2012
Il mio medico di base ha detto che prima di prenotare una visita gastroentereologica, vuole aspettare altre due settimane circa per vedere se la terapia psichiatrica farà effetto (xanax+cipralex)...E questo è stato anche il pensiero del mio psichiatra, cioè aspettare ancora che faccia effetto l'ssri...Se fra due settimane questi sintomi saranno spariti o comunque notevolmente attenuati bene, altrimenti si procederà con la visita gastroentereologica. Da gastroentereologo, lei concorda?

[#11] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Molto bene ! Attenda pure l'effetto della terapia psichiatrica.

Cordialmente.


Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
www.endoscopiadigestiva.it
CONSULTARE SEMPRE IL PROPRIO MEDICO.

[#12] dopo  
Utente 234XXX

Iscritto dal 2012
Dottor Cosentino, vorrei aggiornarla su ciò che è successo in questi giorni per sapere come orientarmi. In quest'ultima settimana, fino a venerdì, sono stato molto meglio, più tranquillo, tanto che ho fatto cose che prima non facevo per paura di stare male. Poi venerdì sera,essendo fuori per lavoro, ho mangiato dei pezzi di rosticceria e già prima di iniziare a mangiare pensavo: "e se non li digerirò perché sono freddi e ovecchi?"...Presto detto, sabato (cioè ieri) passo una giornata da cani, con crampi fortissimi allo stomaco (sintomo mai avuto) e nausea permanente. Oggi sto un po' meglio ma avverto sempre lo stomaco tesissimo (non dolorante però) che si contrae, sensazione che si attenua solo con un rutto, anche se poi ricompare. Ormai è da un bel po' che sono entrato in questo circolo vizioso, cioè quello che rutto=sollievo...e quando il rutto non esce, cosa che capita spesso, vado ulteriormente in ansia. Lei come mi consiglia di procedere? Attendere ancora? Sono stato male dopo quei pensieri negativi di venerdì sera, come se queste somatizzazioni comparissero "a comando"...poi ovviamente uno perde le speranze.
Grazie!

[#13] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Mi sembra che ci sia uno stretto collegamento fra ingestione di cibo a rischio e sintomatologia addominale. E' sufficiente tornare ad una sana alimentazione e tutto rientrerà.


Cordialmente

Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
www.endoscopiadigestiva.it
CONSULTARE SEMPRE IL PROPRIO MEDICO.

[#14] dopo  
Utente 234XXX

Iscritto dal 2012
Grazie dottor Cosentino, quei sintomi si sono attenuati definitivamente ieri, infatti ieri sono stato decentemente. Ma è durato poco, stamattina credo di aver accusato i sintomi tipici del reflusso: io sentivo qualcosa di bloccato in esofago (come se fossero succhi gastrici, anche se non avvertivo minimamente acidità)...ho mangiato 2 fette biscottate e una banana, poi quella sensazione è passata, anche se sono rimaste le clasiche eruttazioni (non acide,ma di aria)...Credo però che questi sintomi di oggi siano stati causati da un mio errato comportamento di ieri sera,perché subito dopo cena (pollo e patate) mi sono seduto col pc sul divano e non mi sono più alzato se non per andare a dormire. Quello che volevo sapere è: stamattina ho preso mezzo cucchiaio di gaviscon sciroppo per attenuare quella sensazione di reflusso (che poi è effettivamente sparita)...dopo circa mezz'oretta però ho avuto delle forti contrazioni allo stomaco seguite da rumori fortissimi,i classici brontolii, ma erano davvero forti...continuano tutt'ora seppur con minore intensità, il tutto accompagnato da sensazione di dover fare rutti (che non escono) e agitazione (le ricordo della mia emetofobia)...non riesco a distinguere più il confine fra problemi d'ansia e problemi organici (se ci sono)...vorrei prenotare una visita gastroentereologica, poi però penso alla settimana scorsa in cui i sintomi si sono notevolmente attenuati (forse perché la cura con ssri iniziava a fare effetto): insomma, brancolo nel buio.
La ringrazio per l'attenzione e mi scuso se sono così insistente, ma temo di stare sviluppando una certa forma di ipocondria.

[#15] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Come dice Lei l'ansia realmente gioca un ruolo importante. Non si allarmi.


Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
www.endoscopiadigestiva.it
CONSULTARE SEMPRE IL PROPRIO MEDICO.

[#16] dopo  
Utente 234XXX

Iscritto dal 2012
Dottore, mi scuso per l'insistenza, ma vorrei il parere anche di un gastroentereologo. Ho sentito anche il mio psichiatra, che mi ha detto di tranquillizzarmi, però mi stupisco della fisicità di questi miei sintomi. In questo giorni ho ritrovato un benessere che non provavo da tempo, ieri sera poi, per lavoro, mi sono mosso molto (praticamente ho ballato per aiutare una coreografa a dimostrare dei movimenti, cosa che non faccio da tempo)...sarà stato questo movimento, non lo so, ma stamattina mi sono alzato con una sensazione di corpo estraneo in esofago, credo tipico del reflusso. Dico "credo" perché non so più nemmeno se io abbia mai sofferto di reflusso. Poi le classici eruttazioni e poi, circa 5 ore dopo pranzo (zuppa di legumi fra cui farro, orzo, lenticchia, fagioli) rumori "liquidi", non so spiegare bene, all'intestino con flatulenza liquide anch'esse, nel senso che è venuto fuori del liquido, credo acqua. Può essere stata la zuppa, può essere l'ansia, può essere l'ipotetico reflusso? Non avrei scritto se non fosse per il fatto che questi sintomi si sono presentati dopo aver ballato,il che avvalorerebbe l'ipotesi di un eventuale reflusso.
Quella sensazione di corpo estraneo nell'esofago ce l'ho tuttora, si è attenuata un po' a pomeriggio, ora è ripresa.

[#17] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Gentilissimo,

I disturbi intestinali sono legati (meteorismo) alla zuppa con legumi. Il nodo in gola può essere legato a un reflusso , ma più frequentemente ad uno stato ansiogeno.

Cordialmente

Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
www.endoscopiadigestiva.it
CONSULTARE SEMPRE IL PROPRIO MEDICO.