Fumare il Narghilè fa male e può trasmettere malattie infettive

Dr. Luigi LainoData pubblicazione: 24 febbraio 2014

Sebbene nell'immaginario collettivo il Narghilè - antico strumento per fumare di origine mediorientale - appaia meno dannoso o invasivo della sigaretta, molti recentissimi lacori scientifici metanalitici confermano gli effetti dannosi paragonabili al fumo di decine di sigarette.

Non solo: il rischio non appare solamente esteso ai polmoni, ma è evidente che la condivisione fra più persone (rapida e tipica del passaggio del bocchino di questo strumento) può facilitare la trasmissione di malattie infettive cagionati da Virus influenzali (adenovirus) e della mononucleosi (epstein barr virus) oltre a malattie infettive e sessualmente trasmissibili quali

Herpes simplex virus

HPV - condilomatosi

Sifilide (treponema pallidum)

La trasmissione di quest'ultima malattia sessuale è causata dalla presenza del sifiloma nel cavo orale, proprio come accadeva nella storica Sifilide dei soffiatori di vetro di Murano.

Quindi, visto il dilagare dell'uso di questo strumento anche nei paesi industrializzati occidentali e nelle fasce più giovani è bene allertare su questi seri rischi!

 

Fonti:

Autore

luigilaino
Dr. Luigi Laino Dermatologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 2000 presso UNIVERSITA' LA SAPIENZA di ROMA.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 50938.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche mst 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Dermatologia e venereologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa

Contenuti correlati