L'informazione corretta per la scelta del miglior contraccettivo

Dr. Nicola BlasiData pubblicazione: 23 febbraio 2018

Contraccettivo

Per incoraggiare e favorire una corretta e completa informazione nell'ambito della contraccezione, la Società italiana di ginecologia dell'infanzia e dell'adolescenza (SIGIA) nella figura di Manuela Farris , Ginecologa e consigliere della Società è stato organizzato un incontro a MILANO dal titolo " Donne e contraccezione: la consapevolezza è libertà ". Questo incontro ha cercato di fare chiarezza sulla necessità di consentire a tutte le donne, fin da giovani, di avere la possibilità di prendere decisioni consapevoli e responsabili in ambito contraccettivo e di discutere col medico l'opzione più adatta, più comunemente noto come "counselling ".

L'ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA' (OMS) ci informa che il 41% delle gravidanze in tutto il mondo è indesiderato e ben il 50% di esse si conclude con una interruzione volontaria di gravidanza (IVG).

In Italia, l'uso dei contraccettivi ormonali risulta meno diffuso rispetto ad altri paesi europei (!), e per completare il quadro bisogna anche tenere conto del fatto che da nord a sud del paese la differenza nell'uso di tali contraccettivi diminuisce in maniera drastica, con la sola eccezione della Sardegna (problema della diffusione della talassemia). Considerando i dati recentemente pubblicati dal Ministero della Salute che mostrano un sostanziale aumento negli ultimi due anni del ricorso alla contraccezione d'emergenza, la cosidetta "pillola del giorno dopo", tutto ciò non deve stupirci.

La collega Farris afferma " E' fondamentale sensibilizzare tutte le donne, a partire dalle più giovani, a informarsi in maniera corretta e tramite i canali giusti. Internet mette a disposizione molte notizie ma circolano altrettante fake news " Queste considerazioni sono frutto di una grande esperienza nella gestione delle giovanissime per quanto riguarda la prevenzione delle gravidanze indesiderate.Risulta infatti che tra le giovani del nostro paese, l'89% utilizzi internet per informarsi sulla contraccezione (MEDICITALIA docet!), e che solo il 21% si affidi ai Consultori e strutture pubbliche deputate a questi compiti.Anche per questo motivo, la conoscenza dei giovani sull'efficacia dei metodi contraccettivi è purtroppo limitata, e alcuni pensano persino che la "pillola del giorno dopo" sia un metodo contraccettivo adatto a loro.Inoltre, anche se più della metà delle donne tra i 21 e i 29 anni, le cosidette "millenials", reputa di fondamentale importanza utilizzare un contraccettivo, quasi due terzi delle stesse ha avuto rapporti non protetti.

Queste notizie devono stimolare tutti gli OPERATORI SANITARI deputati a questo importante compito a informare le giovani donne su tutti i metodi contraccettivi e ridurre così le IVG (lo affermo da medico NON OBIETTORE) 

Autore

blasinicola
Dr. Nicola Blasi Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1976 presso Università di BARI.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Bari tesserino n° 4485.

9 commenti

#1
Dr. Nicola Blasi
Dr. Nicola Blasi

I millennials o generazione Y partecipano ai flashmob, aspettano l’happy hour, acquistano low cost. Sono youtuber, fashion blogger e instagrammer. Sono consumatori molto attivi, comprano online, sempre ed ovunque. Sono così detti i consumatori 2.0 o la prima generazione digitale. Sono nati in piena rivoluzione digitale .
Per chiarire il termine !

#2
Utente 489XXX
Utente 489XXX

Salve, assumo la pillola da quattro mesi e da poche settimane avverto dei forti mal di pancia che diventano più forti quando attraversano l'utero. Secondo lei dovrei interromperla o cambiarla definitivamente?

#3
Dr. Nicola Blasi
Dr. Nicola Blasi

Non trovo collegamenti tra pillola e disturbi intestinali, dovrebbe valutare questa situazione con un consulto con il suo ginecologo di fiducia.
SALUTONI

#4
Utente 502XXX
Utente 502XXX

Salve dottore, volevo porle il mio problema:
Assumo la pillola anticoncezionale da 3 anni. Prima utilizzavo Belara, per un periodo Loette, infine da un anno assumo yasminelle.
Oggi primo giorno del blister (dunque il ciclo mestruale è terminato ieri) ho avuto un rapporto completo.
Sono a rischio?
La ringrazio in anticipo, Eliana

#5
Utente 502XXX
Utente 502XXX

Dottore sono sempre Eliana, mi sono dimenticata di dirle la cosa più importante.
Questo ultimo mese ho assunto la pillola ad orari un po’ sballati, a volte rimanendo comunque in un ritardo contenuto di un’ora, altre volte invece di quasi 12 ore.

#6
Utente 502XXX
Utente 502XXX

Salve dottore, volevo porle il mio problema:
Assumo la pillola anticoncezionale da 3 anni. Prima utilizzavo Belara, per un periodo Loette, infine da un anno assumo yasminelle.
Oggi primo giorno del blister (dunque il ciclo mestruale è terminato ieri) ho avuto un rapporto completo.
Sono a rischio?
La ringrazio in anticipo, Eliana

#8
Utente 502XXX
Utente 502XXX

Grazie mille !!!!

#9
Utente 500XXX
Utente 500XXX

Salve dottore, la dottoressa del consultorio mi ha prescritto il cerotto Evra come prima esperienza di anticoncezionale ormonale poichè sto avendo problemi di stomaco in quest'ultimo periodo. Leggendo sul foglietto delle istruzioni, ho notato che è sconsigliato a chi abbia avuto casi di tumore al seno (mia nonna materna lo ha avuto). Secondo lei è meglio cambiare anticoncezionale?

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche Contraccezione 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Ginecologia e ostetricia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa

Contenuti correlati