I farmaci antipertensivi aumenterebbero il rischio di sviluppare la degenerazione maculare senile?

Dr. Ruggiero PaderniData pubblicazione: 30 settembre 2014

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa

Vasodilatatori e Beta-bloccanti: alleati del cuore ma nemici della vista?

Secondo lo studio Beaver Dam Eye, pubblicato sulla rivista Ophthalmology nell'Agosto 2014, l'utilizzo di farmaci antipertensivi come betabloccanti e vasodilatatori, comporterebbe un incremento dell'incidenza di DMS (Degenerazione Maculare Senile) pari al 71%.

In particolare i betabloccanti sarebbero associati ad un maggior rischio di sviluppo della forma essudativa rispetto ai vasodilatatori.

Tuttavia, mentre i vasodilatatori sarebbero in grado di accelerare la progressione di una DMS già manifesta, i betabloccanti non influiscono sul decorso della patologia.

Lo studio è stato condotto su ben 9676 pazienti, sottoposti ogni 5 anni ad una valutazione oftalmoscopica del grado di severità della maculopatia, per un follow up totale durato 20 anni.

 

Fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24793737 

Autore

r.paderni
Dr. Ruggiero Paderni Oculista

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 2008 presso Università di Palermo.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Milano tesserino n° 42769.

1 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche maculopatia 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Oculistica?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Contenuti correlati