Usare spesso il collutorio e ipertensione

Dr. Daniele TonlorenziData pubblicazione: 02 novembre 2014Ultimo aggiornamento: 15 novembre 2014

L'ossido nitrico endoteliale (NO) è fondamentale per la salute cardiovascolare. Un punto critico in questa via è la riduzione dei nitrati in nitriti da parte della flora batterica orale. 

Uno studio di farmacologi e biologi della University of Western Australia pubblicato in questi giorni ha valutato l'importanza della flora orale nel funzionamento di questo meccanismo, attraverso l'uso di oltre tre giorni di colluttorio antibatterico in uomini e donne ipertese.

Metodi. È stata monitorata la pressione di quindici ipertesi (uomini e donne) di età media di 65 anni. L'uso di oltre tre giorni di colluttorio antibatterico, che riduce la flora orale, ha portato anche in una maggiore pressione arteriosa sistolica (2,3 millimetri Hg; 95% CI: 0.5, 4.0; p=0.01), lasciando invariata la pressione diastolica.

Questo studio indica come l'odontoiatra debba essere coinvolto maggiormente nella gestione della salute del paziente e come l'uso indiscriminato del colluttorio antimicrobico debba essere sconsigliato per periodi lunghi. Il suo uso induce la riduzione di un mediatore volatile (l'ossido nitrico) di fondamentale importanza per il controllo della pressione arteriosa e per la salute e l'omeostasi di molti altri organi corporei. 

 

Fonte 

Antibacterial Mouthwash Blunts Oral Nitrate Reduction and Increases Blood Pressure in Treated Hypertensive Men and Women. Bondonno CP, Liu AH, Croft KD, Considine MJ, Puddey IB, Woodman RJ, Hodgson JM2 - Am J Hypertens. 2014 Oct 30. 

 

Autore

dtonlorenzi
Dr. Daniele Tonlorenzi Gnatologo, Dentista

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1989 presso Università Pisa.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Massa-Carrara tesserino n° 1202.

14 commenti

#3
Dr. Alessandro Scuotto
Dr. Alessandro Scuotto

Sarebbe interessante disporre del lavoro in forma estesa.
Mi vengono in mente una quantità enorme di variabili che, spero, siano state valutate nella omogenizzazione dei campioni o almeno presentate nei limiti nel corso di discussione:
- tipo di terapia farmacologica (i pazienti sono "treated");
- quanti maschi e quante femmine?
- l'età media è di 65 a, ma con quale SD?
- percentuale di fumatori?
- presenza di sovrappeso/obesità?
- modalità di rilievo dei valori pressori? una variazione di 2,3 mmHg, per quanto sia descritta come differenza statisticamente significativa (che test hanno usato?), è suscettibile di errore operatore.dipendente?
- per quanto sia prestigiosa la rivista, l'espressione "a trend toward a decrease in plasma nitrite concentration (P = 0.09)" è davvero forzata (i reviewers stavano guardando da un'altra parte!)

Tutto ciò, caro Daniele, non influisce negativamente sulle tue conclusioni con le quali mi trovo in sintonia: "...l'odontoiatra debba essere coinvolto maggiormente nella gestione della salute del paziente"

#4
Dr. Daniele Tonlorenzi
Dr. Daniele Tonlorenzi

Sicuramente servirebbe il lavoro in forma estesa. I dati su soli 15 pazienti con indice di attendibilità per l'aumento di pressione di p=0,01 indica che il fenomeno è forte (non servono tanti pazienti) il numero 2,3 mm Hg indica che la misurazione è elettronica.
Il fatto che sia diminuito il nitrito salivare (P = 0.01) e un aumento di nitrati salivare (P <0,001) indica un ostacolo alla formazione dell'ossido nitrico.
"a trend toward a decrease in plasma nitrite concentration (P = 0.09)" p=0,9 sarebbe inaccettabile per qualsiasi altro fenomeno descritto. Ma l'ossido nitrico è un mediatore volatile del sistema parasimpatico, così volatile che (in questo caso) più della tendenza è difficile avere.

Il dato interessante è che l'uso prolungato di collutorio è sconsigliato. Se ci sono modifiche della pressione (sia pur minime) dopo soli tre giorni chissà cosa succede con l'uso cronico.

#5
Dr. Alessandro Scuotto
Dr. Alessandro Scuotto

Daniele,
purtroppo in molti lavori scientifici la statistica viene "interpretata" in maniera superficiale e i matematici rabbrividiscono a ragione.
Il valore di "p", ad esempio, non indica la "forza" di un fenomeno, ma soltanto se la differenza riscontrata fra i campioni (o tra le popolazioni) osservati per una o più variabili è attribuibile al caso oppure no.

L'attendibilità è un'altra cosa: indica la costanza dei valori nel tempo, non è indice di accuratezza né di validità.

Il numero 2,3 non deriva necessariamente da una misurazione elettronica: la differenza tra le medie su 15 coppie di osservazioni di numeri interi può dare un risultato simile.

Non mi trovo in accordo - dai dati che abbiamo letto - con la tua ultima affermazione nella replica: non possiamo infatti sapere se la modifica presenta un incremento progressivo nel tempo o resta costantemente attestata sui valori già espressi. E non siamo autorizzati ad estrapolare questo dato in mancanza di una funzione matematica che ce lo suggerisca.

Ciao
A

#6
Dr. Daniele Tonlorenzi
Dr. Daniele Tonlorenzi

Hai descritto bene quello che intendevo. Il fenomeno non è attribuibile al caso, ma succede sempre. Non sono un esperto di statistica e nelle mie pubblicazioni c'è sempre un biologo che le fa.


Non mi trovo in accordo - dai dati che abbiamo letto - con la tua ultima affermazione nella replica: non possiamo infatti sapere se la modifica presenta un incremento progressivo nel tempo o resta costantemente attestata sui valori già espressi.

Sono d'accordo infatti ho scritto chissà.

#7
Utente 269XXX
Utente 269XXX

egregi dottori,sono un iperteso controllato..ho l'abitudine di usare due volte al giorno il colluttorio,per la freschezza che mi dona al cavo orale..in seguito a queste notizie devo smettere questa piacevole abitudine? posso usare almeno quello alle erbe? grazie mille!

#8
Dr. Daniele Tonlorenzi
Dr. Daniele Tonlorenzi

L'aumento della pressione è minimo, ma è segno di un'alterazione dell'armonia del cavo orale. Io eviterei collutori antimicrobici.

#9
Utente 269XXX
Utente 269XXX

grazie..quindi un collutorio naturale alle erbe va bene? grazie per l' ulteriore domanda..non disturbero' piu' :)

#10
Utente 269XXX
Utente 269XXX

o mi esprimo meglio..da quale elemento capisco che un colluttorio non è anti microbico? grazie!

#13
Utente 269XXX
Utente 269XXX

grazie! non si puo' stare tranqulli su niente..ogni giorno ne esce una!

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

L'ipertensione è lo stato costante di pressione arteriosa superiore ai valori normali, che riduce l'aspettativa di vita e aumenta il rischio di altre patologie.

Leggi tutto

Guarda anche ipertensione 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Odontoiatria e odontostomatologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Contenuti correlati