Bambini a scuola, senza sedie!

Dr. Gaetano PintoData pubblicazione: 01 aprile 2016

Uno studio pubblicato su "Pediatrics" ha valutato la salute dei bambini a scuola, posti nei banchi senza sedie.

I risultati sono particolarmente positivi per quanto riguarda l'insorgenza di sovrappeso ed obesità. Si è registrato un consumo di 32 calorie per ora, per un totale di 225 calorie al giorno.

Lo studio condotto da Minges e coll. ha potuto riscontrare anche una più attiva partecipazione alle lezioni.

In una società in cui i bambini si muovono pochissimo,vengono portati a scuola con la macchina,fanno poca attività fisica, questo metodo scolastico innovativo potrebbe aiutare i bambini a combattere l'insorgenza della obesità,considerata una vera malattia con ripercussioni importanti, soprattutto sulla funzionalità epatica e metabolica in generale,specialmente nella prevenzione del diabete di tipo 2.

Lo studio è stato commentato positivamente anche dal Prof David Paul, primario di Pediatria al Christiana Care Health System di Wilmington.

 

Bibliografia: Minges KE,Chao AM,Irwin ML,Owen N, Park C,Whittemore R,Salmon J,

Classroom Standing Desk and Sedentary Behavior: A Systematic Review.Pediatrics 2016;137(2):1-18

Autore

gaetanopinto
Dr. Gaetano Pinto Pediatra, Allergologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1984 presso UNIVERSITA' FEDERICO II DI NAPOLI.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Napoli tesserino n° 20601.

1 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche obesita 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Pediatria?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test

Contenuti correlati