Meno casi di tumore della prostata nel sud Italia rispetto al nord. Merito di cosa?

Dr. Andrea MilitelloData pubblicazione: 20 dicembre 2013

Il tumore della prostata può nascere a tavola con l’uso e abuso di grassi saturi, carne rossa e fritti.

Tanto è vero che nel Sud Italia, per tradizione culla della dieta mediterranea la percentuale della malattia è nettamente inferiore rispetto al Nord.

Al Piemonte la maglia nera, seguita dall'Umbria dove vi è un alto consumo di carni e insaccati.

Quindi, come scritto recentemente in una news del Dr. Beretta, per driblare questa neoplasia, responsabile di 36000 nuove diagnosi nel 2013, bisogna privilegiare olio di oliva, frutta e ortaggi gialli.

Nell’ultimo anno la mortalità per tale patologia è diminuita del 10%. Questo grazie anche ai nuovi farmaci quali l’abiraterone e enzalutamide e alcuni chemioterapici quali il cabazitaxel.

 

Tratto da: Convegno Nazionale “Personalizzazione e strategia di trattamento nel carcinoma della prostata”, Napoli, 23 novembre 2013

Autore

andrea.militello
Dr. Andrea Militello Urologo, Andrologo, Sessuologo, Patologo della riproduzione

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1991 presso Università La Sapienza di Roma.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 43740.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche prostata 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Urologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Contenuti correlati