Tumore della prostata... meglio la dieta mediterranea!

Dr. Giovanni BerettaData pubblicazione: 06 settembre 2013Ultimo aggiornamento: 09 settembre 2013

Da tempo sapevamo che i tassi di mortalità del tumore alla prostata erano inferiori nei paesi che si affacciano sul Mediterraneo rispetto a quelli situati nel Nord dell’Europa.

Pochi studi epidemiologici avevano però, fino ad ora, valutata questa differenza geo-sanitaria e nessuno aveva confrontato, in modo preciso, gli stili di vita (in particolare la dieta) ed il relativo rischio di progressione, soprattutto in presenza di un carcinoma prostatico senza metastasi (CAP), cioè senza invasione di altri distretti anatomici; in sostanza poco si sapeva della relazione tra stili di vita, diete, rischio di sviluppare un cancro, capace di progredire verso una fase avanzata, e relativa mortalità.

giovanniberetta_NEWS_93030
"Piatto mediterraneo"

Ora uno studio, appena pubblicato da alcuni ricercatori del Department of Urology della University of California in San Francisco, ha analizzato i dati di 4.538 pazienti con diagnosi di tumore prostatico, non metastatico e ha cercato di valutare queste correlazioni.

Gli studiosi californiani hanno analizzato i dati di questi uomini seguiti dalla diagnosi fino al gennaio 2010 o all’esito letale, su un totale di 47.867 maschi, inseriti nell’Health Professionals Follow-up Study dal1986 al 2010.

Da questa ricerca non è stato possibile rilevare alcuna associazione significativa tra il seguire una dieta di tipo mediterraneo, dopo la diagnosi di un CAP, e il rischio di progressione della malattia o di morte per tumore prostatico; ma questo studio ha osservato la riduzione del 22% del rischio di mortalità globale in chi seguiva questo stile di vita e di dieta, definiti appunto come mediterranei.

giovanniberetta_dietamedit
Dieta mediterranea

In estrema sintesi si è visto che gli uomini, con diagnosi di carcinoma della prostata senza metastasi, che rispettano uno stile alimentare di tipo mediterraneo, sembrano manifestare evidenti effetti positivi, seguendo un tale comportamento dietetico, sia sulla sopravvivenza che sulla riduzione della mortalità globale.

 

Fonte:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=%22European+urology%22%5BJournal%5DMediterranean+Diet+and+Prostate+Cancer+Risk+and+Mortality+in+the+Health+Professionals+Follow-up+Study.+Eur+Urol.+2013+.. 

 

Altre informazioni:

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/200-le-malattie-della-prostata-stili-di-vita-prevenzione-e-nuove-indagini-diagnostiche.htmlle-malattie-della-prostata-stili-di-vita-prevenzione-e-nuove-indagini-diagnostiche,

https://www.medicitalia.it/salute/prostata.

 

Autore

giovanniberetta
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1977 presso Università di Milano.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Firenze tesserino n° 12069.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche prostata 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Urologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Contenuti correlati