Utente 439XXX
Cari medici,
vi scrivo perchè da un po di mesi soffro di un fastidio al testicolo destro. I sintomi che avverto sono: dolore non acuto e intermittente che spesso diventa solo un fastidio, dolorini all'inguine fino al fianco, a volte all'interno coscia e qualche volta al gluteo. questi dolori sono più o meno lievi e sempre intermittenti, comunque non sono mai acuti da piegarmi in due dal dolore e non sempre si manifestano insieme. ci sono giorni che non ho nulla, altri invece si. Per quanto riguarda il testicolo sento una pallina morbida nella parte superiore, più grossa rispetto a quella che ho trovato a sinistra, che si sposta toccandola, a volte è gonfia e altre volte no e quando è gonfia ho dolore al testicolo (il gonfiore si nota soprattutto quando lo scroto è in tensione). Poi sempre nella parte superiore avverto un piccolo chicco millimetrico che però è duro, che non fa male al tatto, diciamo che mi crea fastidio e un leggero indolenzimento, poi dovo averlo palpato spesso cominciano i dolori intermittenti. Ho una visita martedi prossimo, ma nel frattempo informandomi su internet leggo cose catastrofiche, perchè questi sintomi che descrivo sembrano essere quelli del tumore. Come si manifestano i sintomi del tumore? la cosa che mi preoccupa di più è questa pallina che mi appare dura. Leggo di cisti dell'epididimo, calcificazioni, cisti del Morgagni, cisti dell'albuginea e cisti epidermoide.
queste patologie possono avere gli stessi sintomi del tumore?
Potrebbe trattarsi di infiammazione del testicolo o dell'epididimo? e in questo caso perchè a volte fa male ed è gonfio, altre volte no? oppure infezioni alle vie urinarie?
grazie,
attendo un vostro gentile riscontro

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

in effetti i sintomi da lei lamentati sono aspecifici e possono essere presenti in numerose patologie testicolari.

Bene ora sentire in diretta il suo andrologo od urologo di riferimento.

Nel frattempo, se poi desidera avere altre notizie più dettagliate su eventuali problemi di natura andrologica che interessano i giovani uomini le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/196-prevenzione-andrologica-eta-pediatrica-puberale.html

Qui potrà trovare tutte le raccomandazioni, date dal National Cancer Institute statunitense, su come fare correttamente l'autopalpazione del testicolo.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 439XXX

Gentile dott. Beretta,
grazie, avevo già letto l'articolo,
il mio dubbio è quel chicco lì,
che percentuale c'è che una massa con queste caratteristiche e su quella posizione nel testicolo possa essere un tumore?
poi non so se magari è l'edipidimo infiammato e quel chicco è qualcos altro di benigno..ma leggo che non è frequente avere cisti sul testicolo, mentre sono frequenti sull'epididimo...o magari sono io che non riesco a capire dove si trovi, se sull'epididimo o sul testicolo...

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

percentuali molto basse ma ora sempre sentire in diretta il suo urologo od andrologo di fiducia.

Ancora un cordiale saluto
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Utente 439XXX

Grazie per le risposte Dott. Beretta,
la settimana entrante scoprirò di cosa si tratta, visita ed ecografia.
Sono davvero terrorizzato perchè questo dolore/fastidio non è costante, ad esempio negli ultimi giorni non l'ho, e so che di solito una formazione tumorale può non dar sintomi, mentre quando ho dolori i sintomi corrispondono e poi c'è sempre quella cosa al tatto...
Mi sono sposato da poco e l'idea di poter attraversare questo calvario e la possibilità di non poter avere figli mi distrugge. Con mia moglie pensavamo di cominciare a provarci dopo l'estate, ma questo potrebbe far saltare le speranze.
leggo che le cure per i tumori in questo ambito sono eccellenti e c'è una grossa percentuale di guarigione, non vorrei fasciarmi la testa prima di essermela rotta, ma mi creda il pensiero è fisso lì.

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Si rilassi, non drammatizzi inutilmente e appena fatte le valutazioni del caso, se lo desidera, mi riaggiorni.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#6] dopo  
Utente 439XXX

Gentile Dott. Beretta,
ho fatto eco color doppler,
di seguito le scrivo il referto:

"Didimi di regolare volume ed ecostruttura. Cisti della testa dell’epididimo di destra, DT 6mm, a contenuto tenuemente corpuscolato. Modesto ispessimento del funicolo spermatico di destra come per fenomeni flogistici. Ansa intestinale impegna il canale inguinale di destra al III prossimale con una modesta ulteriore protrusione dopo manovra di Valsalva. Non segni di varicocele. Non versamento endoscrotale. Si consiglia consulenza chirurgica."

farò visita chirurgica per ernia. per quanto riguarda la cisti e il funicolo spermatico, cosa mi consiglia?
grazie
un cordiale saluto

[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Il consiglio in questi casi è quello di concentrarsi sull'ernia inguino-scrotale e trattare la flogosi, cioè l'infiammazione e di non toccare la cisti.

Senta comunque ora in diretta sempre il suo andrologo di fiducia.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#8] dopo  
Utente 439XXX

Il medico mi ha prescritto BRUFEN 400 per 5 giorni mattina e sera. Secondo lei come antinfiammatorio va bene?

farò visita chirurgica prossima settimana per operazione entro aprile.
Grazie Dott. Beretta
un cordiale saluto

[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Segua le indicazioni ricevute!
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#10] dopo  
Utente 439XXX

Caro Dott. Beretta
lunedi avrò visita chirurgica per stabilire come e quando operarmi all'ernia.
in questi giorni i dolori si sono attenuati, anzi devo dire che sono quasi scomparsi, se non qualche dolore all' inguine, ma adesso è tutto più chiaro e riesco a non farmi suggestionare..l'unica cosa che ancora non mi è chiara è...l'ispessimento del funicolo spermatico e dunque la relativa infiammazione è dovuta all'ernia che andando nello scroto comprime lo stesso canale?
sento comunque sempre la presenza del testicolo destro come se ci fosse qualcosa... penso sia dovuto all'ernia..comunque... qual'è l'attendibilità di un eco color doppler per l'individuazione di cisti o altro? nel senso, quella lì posso star tranquillo che è una cisti dell'epididimo?
grazie

[#11] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

la sintomatologia lamentata è compatibile con la presenza di un ernia pinguino-scrotale; sull'ecografia, se fatta da esperto ecografista, non ci possono essere dubbi su una cisti.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#12] dopo  
Utente 439XXX

si la eco l'ha fatta un medico radiologo in un centro di diagnosi per immagini (radiografie, ecografie, ecc), il referto poi è stato visto dal mio medico di famiglia e poi da un mio amico medico, successivamente da urologo e dopo ancora da medico chirurgo con il quale ho la visita lunedi prossimo.
Nessuno dalla lettura del referto con relative immagini, ha manifestato dubbi in merito, tutti si sono concentrati sull'ernia, dicendomi di lasciare stare la cisti, l'urologo mi ha prescritto brufen per 5 giorni, come accennavo in qualche messaggio precedente, il che mi ha alleviato il fastidio per un po, ma in effetti quella sensazione testicolare di fastidio e pesantezza continuo ad avvertirla.
certo io non sono un medico, ma quella cisti la sento proprio sul testicolo e non sull'epididimo, ma se l'eco dice il contrario e 4 medici in scala non sospettano il minimo dubbio, non posso fare altro che rasserenarmi... concorda? :)

[#13] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene, ci siamo capiti!
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#14] dopo  
Utente 439XXX

Caro Dott. Beretta,
scrivo per aggiornamento...
visita chirurgica fatta, da referto:
esame clinico: in regione inguinale dx, l'esplorazione dell'anello inguinale, anche sotto sforzo, lascia apprezzare occasionalmente, la presenza di impulso compatibile con punta d'ernia in atto non meritevole di trattamento chirurgico. Si apprezzano alla palpazione la presenza di alcuni millimetrici linfonodi in regione inguinale bilaterale.

il medico in sostanza dice che secondo lui l'ernia non è da operare, mentre per i linfonodi non si è espresso.. come cura mi ha dato 3 cicli di tauxib 90, 7 giorni al mese per tre mesi, e poi nuovo controllo.

l'ingrossamento dei linfonodi quando è da approfondire e ritenere sospetto?
grazie
a presto

[#15] dopo  
Utente 439XXX

Caro Dott. Beretta,
scrivo per aggiornamento...
visita chirurgica fatta, da referto:
esame clinico: in regione inguinale dx, l'esplorazione dell'anello inguinale, anche sotto sforzo, lascia apprezzare occasionalmente, la presenza di impulso compatibile con punta d'ernia in atto non meritevole di trattamento chirurgico. Si apprezzano alla palpazione la presenza di alcuni millimetrici linfonodi in regione inguinale bilaterale.

il medico in sostanza dice che secondo lui l'ernia non è da operare, mentre per i linfonodi non si è espresso.. come cura mi ha dato 3 cicli di tauxib 90, 7 giorni al mese per tre mesi, e poi nuovo controllo.

l'ingrossamento dei linfonodi quando è da approfondire e ritenere sospetta?
grazie
a presto

[#16] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Segua la terapia indicata e poi, senza drammi, rivaluterà con il suo urologo od andrologo di fiducia questa "presenza di alcuni millimetrici linfonodi in regione inguinale bilaterale".

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com