Utente 341XXX
Buongiorno gentili dottori,

oggi ho ritirato gli esami del testosterone: 2,54 ng/ml. Settimana scorsa, il mio TSH è risultato essere 4,744 μU/mL . Negli ultimi tempi ho riscontrato calo della libido, difficoltà a mantenere l'erezione, difficoltà a concentrarmi e a ricordare le cose.

Venerdì avrò una visita urologica, ma leggendo in rete leggo che un problema del genere potrebbe avere origine nel cervello, nello specifico nella ghiandola pituitaria. Leggo che si parla di ischemie, tumori benigni e maligni...vi chiedo, dunque, che tipo di esami strumentali dovrei eseguire per verificare o escludere questa eventualità.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

non si butti in diagnosi complesse e non corrette dettate unicamente dalla sue paure ed ansie irrazionali.

Ora deve consultare in diretta un bravo ed esperto andrologo.

Nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/226-desiderio-sessuale-fare-viene-mancare.html

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1234-nuove-terapie-emergenti-trattamento-disfunzione-erettile-de.html

https://www.medicitalia.it/salute/disfunzione-erettile .

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 341XXX

La ringrazio Dott. Beretta, leggerò senz'altro gli articoli. Il mio medico curante ha prescritto una visita con un urologo, ritiene possa andare bene ugualmente?

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Se urologo con chiare competenze andrologiche sì!
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Utente 341XXX

Buongiorno dott. Beretta,

stamattina ho sostenuto la visita urologica: il medico mi ha chiesto informazioni sulla mia storia clinica, fatto un esame "tattile" del pene, dei testicoli e della prostata. E' emersa un'infiammazione della prostata, probabilmente a causa dell'infezione da e. coli curata male qualche mese fa: il medico ha prescritto un ciclo da 10 gg di Ciproxin 500 rm e supposte Topster.

Sostiene che questa possa spiegare, almeno in parte, la disfunzione erettile. Per quanto riguarda il calo della libido, sostiene possa essere legato ai valori di TSH e Testosterone, e mi ha invitato a effettuare una visita endocrinologica con ecografia tiroidea.

Il fatto che io riesca ad avere erezioni con stimolazione manuale (anche se la qualità e la durata sono lontane dall'essere accettabili e insufficienti per un rapporto penetrativo) e che abbia erezioni spontanee mattutine, anche se discontinue, lo ha fatto propendere per un integratore, il Vissex, per 90 gg, anziché cure ormonali (gel, cialis, etc).

Tra tre mesi dovrò effettuare esami del Testosterone (libero, totale), Prolattina, LH, FSH, per valutare se vi sia un problema a livello di ipofisi, oltre che uno spermiogramma.

Nel frattempo, c'è altro che io possa fare per la mia libido e le mie erezioni? Ho letto in rete che lo stile di vita e l'alimentazione possono incidere: io non fumo, non bevo e non uso sostanze (compresi zucchero - sostituisco con stevia - e caffè che non sia dec naturale biologico), sono normopeso (1.69 m per 59 kg) faccio sport 2-3 volte alla settimana per circa un'ora alla volta (soprattutto attività anaerobiche), faccio un lavoro d'ufficio su turni, notturni compresi (36,5 h alla settimana). sono vegan da 8 anni e da pochi giorni sto cercando di aumentare il mio consumo di grassi (avocado, noci, olio evo), di proteine e ferro (cacao amaro, legumi secchi con molto ammollo, combinati con acqua e succo di limone, data anche una carenza di ferritina dovuta probabilmente alla troppo assidua attività di donazione del sangue). Mangio molta frutta di stagione (fichi, anguria, melone, albicocche, pesche) e ortaggi prevalentemente cotti (in questo periodo zucchine, peperoni, patate, melanzane), cereali quasi sempre integrali o comunque mai da farina "00". Sto eliminando anche la soia, dato che ho letto che favorisce la produzione di estrogeni (si tratta di un dato corretto?).

Per caso ha (o altri medici sul sito hanno) altri suggerimenti o consigli? Un'opinione sulla diagnosi e la terapia proposta dall'urologo?

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006