Il segnale vascolare bilateralmente

Buongiorno gentili dottori, mi permetto di chiedere un consulto a seguito di varie indagini per la mia infertilità.
A maggio svolgo il primo spermiogramma:
METODO WHO 2010
Ph 7.8
volume 4.2 ml
viscosità liquido
colore giallastro
nr. totale spermatozoi 13020000
concentrazione spermatozoi 3100000
motilità progressiva veloce 0%
motilità progressiva lenta 0%
motilità debole o locale 10%
immobili 90%
vitalità 32%
morfologia 22%
anomalie della testa 42%
appendici citoplasmatiche 20%
anomalie del tratto intermedio 12%
anomalie della coda 4%
leucociti rari
agglutinazioni assenti
commento grave oligospermia - grave astenospermia - necrospermia

L'andrologo quindi mi ha visitato e prescritto esami del sangue, ecco l'esito:

VISITA ANDROLOGICA
EO: testicoli nella norma. Non diolatazionedel plesso venoso scrotalebilateralmente.
Ecodoppler scrotale. Normale il segnale vascolare bilateralmente. Non idrocele. Testicoli di volume ed ecostrutto normali.
Si consiglia di eseguire dosaggio di testosterone - FHS - LH - Prolattina.

ESAMI SANGUE:
LH: 2.23 mUI/ml (0.57-12.07)
FSH: 3.61 mUI/ml (0.95-11.95)
Prolattina: 9.0 ng/ml (3.0-19.0)
Testosterone totale: 6.16 ng/ml (2.40-8.71)

Quindi mi propone una cura di tre mesi con un antiossidante (Fertylor) e la ripetizione dello spermiogramma, che riporto:
METODO WHO 2010
Ph 7.8
volume 4.2 ml
viscosità liquido
colore giallastro
nr. totale spermatozoi 6.300.000
concentrazione spermatozoi 1.500.000
motilità progressiva veloce 0%
motilità progressiva lenta 0%
motilità debole o locale 13%
immobili 87%
vitalità 32%
morfologia 20%
anomalie della testa 38%
appendici citoplasmatiche 24%
anomalie del tratto intermedio 12%
anomalie della coda 6%
leucociti alcuni
agglutinazioni assenti
commento grave oligoastenospermia - il conteggio potrebbe risultare inaccurato per scarsa presenza di elementi

SPERMIOCOLTURA: Nessuno sviluppo (metodo colturale)

Praticamente lo spermiogramma non è migliorato con la cura ANZI E' PEGGIORATO.

Sono abbastanza disperato e vedo allontanarsi la speranza di avere un bambino...l'andrologo mi aveva prospettato l'ipotesi di eseguire una biopsia testicolare se la cura non avesse fatto effetto.

Potete darmi la vostra opinione? In particolare leggo che solitamente una scarsa scarsissima produzione di spermatozoi è legata ad un FSH elevato, il mio è relativamente basso (e buon testosterone), quindi deduco che i testicoli non stanno lavorando al massimo...giusto?
Attendo gentili risposte e ringrazio sin da subito.
[#1]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Gentile lettore,

purtroppo da questa sede ci è difficile conoscere, in modo preciso e dettagliato, tutta la sua storia e la sua situazione clinica completa.

Comunque , visto che la terapia con antiossidanti non ha dato l'esito sperato, potrebbe essere utile ore risentire in diretta il suo andrologo di fiducia e con lui valutare, se indicato, l'uso delle gonadotropine che nel suo caso risultanoa comunque nella norma; altra prospettiva è il ricorso all'utilizzo di una tecnica di riproduzione assistita.

Detto questo, se desidera poi avere informazioni più dettagliate sull’utilizzo di queste tecniche, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sempre sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/ginecologia-e-ostetricia/215-la-fecondazione-in-vitro-e-la-icsi-come-si-svolgono-e-cosa-avviene-in-laboratorio.html .

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta M.D.
http://andrologiamedica.org/prenota-consulto-online/
https://centrodemetra.com/prenota-consulto-online/

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie, ho dimenticato una cosa, leggo su tanti articoli che tra le indagini basi c'è anche la prostata.
A me non è stata fatta alcuna ecografia prostatica, è normale?
Grazie
[#3]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Generalmente durante una valutazione andrologica si procede anche ad una indagine ecografica dell'apparato uro-genitale che comprende la prostata e le vescicole seminali.

Ancora un cordiale saluto.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno, posso aggiornarvi?
l'andrologo mi ha fissato per inizio mese prossimo la biopsia testicolare.
Ho alcuni dubbi che vorrei porvi:
1) l'eccessivo caldo di questa estate può aver influito sul secondo esame, e quindi sulla cura?
2) sono impiegato, quindi dalla mattina alla sera seduto al PC. Quanto questo può incidere? E se incide ci sono tecniche per migliorare la situazione?
3) Un episodio di herpes (comunque curato) potrebbe aver scatenato questa situazione?

Grazie ancora per la pazienza e disponibilità!
[#5]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Per quale motivo le è stata indicata una biopsia testicolare?
[#6]
dopo
Utente
Utente
Al fine di indagare la causa della oligoastenospermia grave e capire se vi è soluzione o meno.
[#7]
Attivo dal 2017 al 2017
Ginecologo, Andrologo, Sessuologo
Gentile utente,

personalmente non avendola visitata, non potrei giudicare la opportunità dell'indicazione alla biopsia testicolare.
Normalmente, in un caso come il suo, si procede inizialmente a delle indagini di diverso tipo, che il suo andrologo sicuramente le avrà consigliato.

Tra queste, la indagine CROMOSOMICA.  Le anomalie cromosomiche (in parte degli autosomi, in parte dei cromosomi sessuali), AUMENTANO 10 VOLTE TRA 5 E 10 MILIONI/mL (4,3% contro 0,5% della popolazione con numero normale di spermatozoi (Vincent et al. J. of Andrology, 2002).

Non saprei che lei non ci ha riportato questo esame, o non l'ha eseguito.

Esiste anche la possibilità, prima di eseguire la biopsia, di tentare (UNA VOLTA CONCLUSO UN ITER DIAGNOSTICO COMPLETO), di trattare EMPIRICAMENTE con FSH i soggetti oligozoospermici (in presenza di valori di FSH sotto 8 IU/L) ottenendo un miglioramento dei parametri seminali ed un aumento del tasso di gravidanza spontanea (metanalisi).

La base di questo trattamento è empirica, e si basa sul concetto che, anche in presenza di valori "normali" di FSH, come nel suo caso, l'FSH prodotto dalla sua ipofisi, pur "normale", potrebbe NON essere appropriatamente sufficiente a stimolare la sua spermatogenesi.

Cordialmente
Dott. Angelo Tocci
Ginecologo Andrologo Sessuologo
www.donnamed.it
[#8]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille Dottore.
In realtà ho riportato tutti gli esami fatti, quindi non ho eseguito NESSUNA INDAGINE CROMOSOMICA.

La biopsia è un intervento delicato? Comporta conseguenza?

Quindi, se ho capito bene, con una somministrazione di FSH potrei tornare ad avere un quadro "normale"?

Grazie ancora.
[#9]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Gentile lettore,

non faccia a noi domande da un miliardo di euro!

Difficile, da questa postazione, dirle se una terapia a base di FSH possa esserle utile ma sicuramente l'indicazione a fare una biopsia generalmente parte, in primis, dall'assenza di spermatozoi nel liquido seminale e poi, prima di procedere verso questa indicazione chirurgica invasiva, bisogna essere sicuri di quale problema sta alla base della sua dispermia.

Riconsulti ora il suo andrologo di fiducia che si spera abbia chiare competenze in patologia della riproduzione umana.

Ancora un cordiale saluto.
[#10]
dopo
Utente
Utente
Il mio andrologo mi ha detto che la biopsia serve proprio a capire la causa, e quindi se è possibile correggerla oppure bisogna ricorrere alla fecondazione assistita.

La biopsia è un intervento delicato? Comporta conseguenza?

Grazie!
[#11]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Gentile lettore,

in presenza di una oligozoospermia la biopsia non è più considerata, da diverso tempo, una indagine diagnostica; prima devono essere fatte altre indagini più mirate e meno invasive; la biopsia si consiglia oggi solo e quasi esclusivamente nelle situazioni di azoospermia, cioè assenza di spermatozoi nell'eiaculato, per cercare di recuperare qualcosa a livello testicolare.

Comunque, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questo particolare problema riproduttivo, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/195-l-azoospermia-quando-non-ci-sono-spermatozoi.html

Un cordiale saluto.
[#12]
dopo
Utente
Utente
Grazie Dottore!
Ho letto l'articolo, decisamente interessante, ma parla di azoospermia, che non è il mio caso giusto? O la mia situazione è talmente drammatica da essere paragonata ad una azoospermia?
Grazie ancora infinite...
[#13]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
La sua, con i riferiti quasi 13 milioni di spermatozoi complessivi nel suo eiaculato, è da considerarsi una oligozoospermia tutta da valutare.

Ancora un cordiale saluto

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio