Utente 469XXX
Buonasera,
vi elenco il mio problema che mi affligge praticamente da sempre, il pene curvo.
Ho letto che ci sono più casistiche e molte cause differenti, come ad esempio il pene curvo congenito o la malattia di la peyronie.
I miei sisntomi in realtà non sono riconducibili alla malattia di la peyronie in quanto non ho difficoltà nelle erezioni, dolori e nemmeno al tatto percepisco la "famosa placca". il mio pene curva verso sinistra di circa 30-45°, non mi impedisce i rapporti sessuali ma, ne soffro psicologicamente perchè comunque non mi mette a mio agio. ho letto che ci sono vari modi di intervenire e, ho visto che per la peyronie si interviene anche con lo xiapex, ora, la mia domanda è la seguente, siccome ho timore dell'intervento vero e proprio, visto che comunque riduce anche la lunghezza del membro, è possibile intervenire con xiapex anche se la mia curvatura non è riconducibile alla malattia di la peyronie?
Grazie in anticipo e Buona Domenica

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
FERRARA (FE)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
La terapia dene curvo congenito è unicamente chirurgigica, quel farmaco le farebbe dei buchi nei corpi cavernosi mandandole in malora il pene. Il pene si accorcia con intervento: le tecniche alternative danno impotenza nella metà dei casi. Se vuole vedere quanto si accorcia si misuri il lato concavo in erezione. L intervento è bene standardizzato e quando il pazienti tarda a prendere provvedimenti può essere necessario intervento psicologico
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org