Utente 477XXX
Buongiorno Dottori,
sono un ragazzo di 34 anni alla ricerca di un figlio e da circa un anno di rapporti non protetti con la mia compagna, non vedendo risultati (lei non ha alcun problema) ho pensato di sottopormi a spermiogramma e spermiocoltura e successiva visita urologica.
Il campione di sperma l'ho raccolto a casa con non poche difficoltà (mi sentivo un po' stressato e ansioso) alle 18:00 del pomeriggio e portato in un laboratorio analisi privato alle 18:30. Il risultato (a detta del dottore del laboratorio) e' stato disastroso. La spermiocoltura e' risultata negativa e quindi non vi sono infezioni mentre i risultati dello spermiogramma (che riporto qui di seguito) secondo lui sono stati sfalsati da una forte infiammazione. Il giorno seguente mi sono recato da un urologo il quale vedendo dette analisi mi ha consigliato di ripetere l'esame perché i valori secondo lui, anche per la mia età, erano troppo "strani" e valutandoli ha escluso la probabilità che mia moglie possa rimanere incinta naturalmente. Mi ha diagnosticato un'ipotrofia testicolare bilaterale e non si spiega sulla base di cosa mi abbiano detto che ho una forte infiammazione.
La domanda che mi sta logorando è: posso davvero escludere la possibilità di procreare naturalmente? L'unica possibilità e' quella di effettuare una fecondazione assistita? Oppure esistono cure meno invasive prima si procedere ad un'eventuale fecondazione assistita? Inoltre in questi giorni vorrei ripetere lo spermiogramma ed effettuare analisi del sangue.

Volume 1,7- ph 8- grigio opalescente- fluidificaz incompleta- viscosità fortemente aumentata, numero spermatozooi 320.000 ml- numero spermatozoi eiaculato: 544.000- motilità totale 5%- motilità lineare progressiva 1%- immobili 95%- grado di vitalità a 120': buona 1%- scarsa 4%- assente 95%.

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
PARMA (PR)
CHIAVARI (GE)
CASTIGLIONE DELLE STIVIERE (MN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gent.le utente

premesso che l'esame andrebbe ripetuto in un centro dedicato a problematiche riproduttive e che segua i criteri WHO 2010, dai dati macroscopici si evidenziano segni di infiammazione come la viscosità aumentata ma che andrebbero confermati con la visita, il numero di spermatozoi è molto basso e cioè sotto al milione/ml e se questo dato fosse confermato servirebbe valutare con dei dosaggi ormonali il suo asse ipotalamo-ipofisi-gonadi oltre ad accertare una eventuale alterazione genetica con esami specifici e quindi solo allora le sue domande potranno avere una risposta.

Un cordiale saaluto
Dott. Carlo Maretti
Specializzato in Andrologia
www.andrologia-online.it

[#2] dopo  
Utente 477XXX

Ma secondo Lei potrebbero davvero essere così pochi gli spermatozoi o quasi sicuramente c'è un'infiammazione? E se così non dovesse essere, che probabilita' ho di avere un figlio?

[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
PARMA (PR)
CHIAVARI (GE)
CASTIGLIONE DELLE STIVIERE (MN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

con i se non va da nessuna parte, bisogna basarsi su dati oggettivi attraverso la visita ed esami specifici che già le ho consigliato, quindi proceda e se poi servisse ci faccia sapere.

Ancora cordialità
Dott. Carlo Maretti
Specializzato in Andrologia
www.andrologia-online.it

[#4] dopo  
Utente 477XXX

Buonasera dottori. Vi scrivo perché sono preoccupato per i valori riscontrati dalle ultime analisi. Premetto che circa un anno fa dalle analisi effettuate risulto’ essere basso il valore del testosteron. All’epoca era 2.50 ng/ ml, quello libero 4.0 e l’FSH 10.10 mU/ ML. A questo punto feci uno spermiogramma ed il risultato fu disastroso. Oggi, a distanza di un anno, ho ripetuto le analisi e ho avuto un aumento del testosterone che e’ di 3,33 ng/ml, testosterone libero 13,9 pg/ml e l’ormone FSH 10.20. Quest’ultimo avevo già notato fosse alto dato che l’intervallo era di 2-10 ma non pensavo fosse preoccupante al punto tale di parlare di fecondazione assistita. Il mio andrologo visti questi valori ha ritenuto necessario farmi fare un altro spermiogramma ma non mi ha lasciato grandi speranze. Io vorrei sapere se realmente non ci sono probabilità che si abbassi naturalmente o tramite qualche integratore e che l’unica soluzione sarà quella della fecondazione assistita.
Grazie mille per le risposte che mi darete.

[#5] dopo  
Dr. Carlo Maretti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
PARMA (PR)
CHIAVARI (GE)
CASTIGLIONE DELLE STIVIERE (MN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
già 10 mesi fa le scrissi "...il numero di spermatozoi è molto basso e cioè sotto al milione/ml e se questo dato fosse confermato servirebbe valutare con dei dosaggi ormonali il suo asse ipotalamo-ipofisi-gonadi oltre ad accertare una eventuale alterazione genetica con esami specifici ..." il valore del suo FSH denota una sofferenza testicolare non risolvibile con terapie mediche, quindi le indicazioni del suo andrologo sono corrette.

Ancora cotrdialità
Dott. Carlo Maretti
Specializzato in Andrologia
www.andrologia-online.it

[#6] dopo  
Utente 477XXX

Buonasera dottori. Torno ad aggiornarvi. La scorsa settimana ho effettuato un altro spermiogramma e i valori riscontrati sono i seguenti:
n. spermatozoi: 6.200.000 per ml
n. spermatozoi per eiaculato: 14.260.00
motilità tempo “zero”:
- tipo D (immobili)/ ml: 5.000.000/ 81%
- tipo C (motilità in loco)/ ml: 300.000/ 5%
- tipo B (lentamente progressiva): 900.000/ 15%
- tipo A (rapidamente progressiva): 0/0%
motilità a 180 minuti:
- tipo D: 6.000.000 (97%)
- tipo C: 100.000 (2%)
- tipo B: 100.000 (2%)
- tipo A: 0 (0%)

MORFOLOGIA in %
morfologia normale: 9 (v.r. > =4%)
morfologia anomale: 91
LEUCOCITI: assenti
anomalie testa: 79
anomalie collo: 6
anomalie coda: 6
cellule immature: RARE

Ho fatto leggere al mio andrologo questi risultati e mi ha subito consigliato (onde evitare di perdere ulteriore tempo) di procedere con una fecondazione assistita. Alla mia insistenza sulla richiesta di tentare prima un’eventuale cura ormonale per cercare di far abbassare il mio valore di FSH che e’ pari a 10.20, mi ha dapprima risposto che ci sono poche possibilità che si abbassi perché superiore ad 8 ma poi (non so se perché ho insistito) mi ha detto che si potrebbe tentare e che le possibilità sono pari al 50%.
Vi chiedo se secondo voi con questi valori dovrei tentare la cura ormonale che durerà tre mesi o se e’ meglio risparmiare tempo e fatica e realizzare che l’unica soluzione e’ davvero quella della fecondazione assistita.
Grazie mille a chi mi risponderà.

[#7] dopo  
Utente 477XXX

C'e' qualche medico che può rispondermi? Vi prego!

[#8] dopo  
Dr. Carlo Maretti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
PARMA (PR)
CHIAVARI (GE)
CASTIGLIONE DELLE STIVIERE (MN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente
dopo due anni tra visite ed esami ci chiede se è possibile abbassare il suo FSH che è di circa 10 e che esiste la possibilità nel 50%, poiché non mi risulta che sia possibile tale possibilità le chiederei di illustrarci cosa le hanno proposto.

Un cordiale saluto
Dott. Carlo Maretti
Specializzato in Andrologia
www.andrologia-online.it

[#9] dopo  
Utente 477XXX

Mi ha prescritto una cura di tre mesi con GONALF F e CAIROMAN compresse. Lei pensa che non servi a nulla e che non ho speranze?

[#10] dopo  
Dr. Carlo Maretti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
PARMA (PR)
CHIAVARI (GE)
CASTIGLIONE DELLE STIVIERE (MN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
un integratore per abbassare il suo FSH ......direi impossibile, la follitropina cioè ormone follicolo stimolante quando lei ha un valore di 10, non solo è controindicato ma non è previsto dalle linee guida.... quindi ne tragga lei le conclusioni.

Cordiali saluti
Dott. Carlo Maretti
Specializzato in Andrologia
www.andrologia-online.it

[#11] dopo  
Utente 477XXX

Quindi rischierei di peggiorare la situazione? E inoltre, secondo lei dovrei approfondire facendo un ecodoppler, una ecografia, mappa cromosomica? Non so se rivolgermi ad altro specialista.

[#12] dopo  
Dr. Carlo Maretti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
PARMA (PR)
CHIAVARI (GE)
CASTIGLIONE DELLE STIVIERE (MN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Buongiorno, già in precedenza diversi mesi fa le consigliai alcuni esami e comunque confrontarsi con un altro specialista dedicato a problematiche riproduttive e certamente una buona idea.

Ancora cordialità
Dott. Carlo Maretti
Specializzato in Andrologia
www.andrologia-online.it