Utente 365XXX
Gentilissimi dottori

Vi pongo questa domanda, riguardante il riassorbimento dello sperma.

Ho fatto diverse ricerche su internet e ho letto diversi libri di biologia, biochimica medicina e neuroscienze. Dai quali ho capito a grandi linee il processo di produzione dello sperma,il ciclo di vita etc. Ho fatto un esperimento su me stesso, sono rimasto un periodo di tre settimane e più senza eiaculare e ho notato un incremento delle energie, e tutti quei benefici che si possono riscontrare se si legge un libro sul tantra o filosofie orientali.
Ammesso che sono consapevole del fatto che sicuramente l'effetto placebo abbia influito a farmi percepire in maniera più accentuata questi benefici. L'astinenza eiaculatoria o la diminuzione diminuzione della frequenza di quest'ultima, può contribuire a regalarmi quello stato energizzante rispetto a periodi di maggiore frequenza eiaculatoria?

Potete fornirmi i titoli di qualche libro o manuale dal quale documentarmi?

Vi ringrazio

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

le sue osservazioni ci portano dritte dritte verso una visione taoista dell'"energia vitale" o, come meglio dicevano gli antichi saggi cinesi, il "Chi".

Questa non è purtroppo la sede per una tale complessa discussione filosofica; quello che noi possiamo dirle è che "bilanciare e regolare" le proprie energie sessuali, senza cadere in disastrosi eccessi, è sempre una buona cosa ma lungi da noi dare delle indicazioni categoriche come lei sembra chiederci sull'astinenza sessuale od altro, soprattutto in un giovane uomo.

A questo proposito qui le posso ricordare uno studio famoso, pubblicato alcuni anni fa da un gruppo di ricercatori statunitensi, coordinati dal National Cancer Institute, che ha osservato che vi è un rapporto inversamente proporzionale tra numero di eiaculazioni e rischio di avere un tumore alla prostata; qui per eiaculazioni si intendevano sia quelle ottenute attraverso rapporti sessuali, sia le emissioni notturne, sia le eiaculazioni da masturbazione; in sintesi più eiaculazioni meno tumori della prostata.

Detto questo poi testi specifici su questo argomento li può trovare, senza particolari problemi, in qualsiasi buona libreria alla sezione "filosofia e pratiche taoiste".

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 365XXX

La ringrazio per la tempestiva risposta.

Per quanto riguarda i titoli di pratiche taoiste mi sono documentato, sono presenti numerosi titoli ma ciò resta pur sempre un credo filosofico, molto interessante sicuramente, ed essendo cresciuto in una cultura che ci ha abituati a chiedere alla scienza, speravo ci fosse una risposta provata scientificamente.

Cordialmente.

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
La scienza, al momento, può "provare" molte cose ma purtroppo non tutto!

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com