Utente 225XXX
Buonasera,

Soffro da anni di disfunzione erettile a causa di una prostatite abatterica, situazione che non mi ha mai permesso di avere rapporti senza medicinali.
Ho quasi sempre risolto i miei rapporti occasionali con il Cialis 5mg ma da qualche mese sono sotto antidepressivi che mi hanno decisamente peggiorato il quadro clinico.
Il pene non ne vuole sentire.


Non so per quanto tempo dovrò prendere questi ssri e non so se nel post, qualora dovessi interrompere la terapia, la situazione migliorerà.


Ho letto delle protesi peniena tricomponenti.
Sono stanco di spendere soldi per Cialis, ecc ecc.
Il Viagra forse permetterebbe un rapporto ma non si è mai liberi.
Non voglio programmare il sesso.


Ho 27 anni e chiedo info su un eventuale installazione.

[#1]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

scelta la sua drastica che va comunque discussa in diretta sempre con il suo andrologo di fiducia.

Se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste problematiche sessuali, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1234-nuove-terapie-emergenti-trattamento-disfunzione-erettile-de.html

https://www.medicitalia.it/salute/disfunzione-erettile .

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2]  
Dr. Edoardo Pescatori

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
MODENA (MO)
LUGO (RA)
BOLOGNA (BO)
VERONA (VR)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Gentile lettore, concordo con il collega Beretta: la scelta sarebbe drastica. E' peraltro l'unica che le permetterebbe di poter avere una vita sessuale senza dover pianificare l'atto, e potrebbe essere considerata qualora in effetti la sua difficoltà di erezione non avesse una possibilità di cura. In quest'ottica sarebbe opportuno preliminarmente avere una scrupolosa valutazione andrologica che metta una parola definitiva sull'eventuale irreversibilità del problema, e capire che prospettive ha per l'uso degli antidepressivi.
Oltre agli articoli segnalati dal collega le segnalo anche il seguente dal titolo La protesi peniena: una soluzione anche ai casi piu' gravi di difficolta' di erezione , al link https://www.medicitalia.it/minforma/Andrologia/674/La-protesi-peniena-una-soluzione-anche-ai-casi-piu-gravi-di-difficolta-di-erezione di questo sito.

Cordialmente,
Dott. Edoardo Pescatori
Specialista in Urologia - Andrologo
www.andrologiapescatori.it