Utente 575XXX
Salve, da un po'di tempo noto una minore circonferenza e lunghezza del pene ed una difficoltà a mantenere l'erezione.

Vorrei specificare che un po' di tempo fa ho avuto un incidente che mi ha causato un momentaneo forte dolore nella regione ma, essendo passato quasi immediatamente non ci ho dato troppo peso.

Forse sarò un po'esagerato ma potrei avere qualche trauma/frattura del pene?
Inoltre, se così fosse, esiste un qualche esame strumentale che possa confermare o smentire la presenza di un problema organico?

So bene che problemi di erezione etc dipendono da molti fattori anche non organici ma ritengo sarebbe saggio cominciare così.
Se non ci fossero problemi organici posso eventualmente valutare altri fattori e relative soluzioni.

Qualche suggerimento?

[#1]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

il primo passa è quello di fare una valutazione clinica con il suo andrologo di fiducia in diretta e, se anche da lui indicata, potrebbe essere utile una ecografia preliminare dei corpi cavernosi e del corpo spongioso dell’uretra.

Sui suoi problemi all’erezione poi, se desidera avere più informazioni dettagliate, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1234-nuove-terapie-emergenti-trattamento-disfunzione-erettile-de.html

https://www.medicitalia.it/salute/disfunzione-erettile .

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione diagnostica mirata e poi eventualmente, quando è possibile, anche una prospettiva terapeutica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2]  
Dr. Patrizio Vicini

48% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
ALBANO LAZIALE (RM)
GROTTAFERRATA (RM)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Caro lettore una frattura peniena può causare fibrosi com accorciamento del pene.
Sicuramente è importante una visita per una corretta valutazione diagnostica e terapeutica.
Cordiali saluti.
Dott. Patrizio Vicini
www.patriziovicini.it
www.chirurgia-plasticaestetica.com
Roma

[#3] dopo  
Utente 575XXX

Gentili Dottori,
Anzitutto,Vi ringrazio per le risposte fornite.
Comprendo perfettamente che una visita specialistica può essere essenziale.
Ma,se il trauma è pregresso (anche di diversi mesi) può essere comunque diagnosticabile?

Tenete presente che, purtroppo, non ho "prove documentali" della riduzione del pene ma mi baso sulla mia esperienza personale.

[#4]  
Dr. Patrizio Vicini

48% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
ALBANO LAZIALE (RM)
GROTTAFERRATA (RM)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Certamente, zone di fibrosi o ispessimenti albuginea sono evidenti all' ecocolodoppler penieno dinamico.
La visita andrologica permette di apprezzare ispessimenti e nodularita'.
Rinnovo i saluti.
Dott. Patrizio Vicini
www.patriziovicini.it
www.chirurgia-plasticaestetica.com
Roma