Mancanza di erezione mattutina

Buonasera,

dal primo sabato dall'inizio di questa quarantena (dal 14/03) noto una completa assenza nelle erezioni mattutine.
La cosa mi sta fortemente turbando e, non so se come diretta conseguenza, noto un calo del desiderio sessuale.
Fino al 06/03 ho condotto una normale vita sessuale con la mia ragazza ma dall'inizio della quarantena siamo separati e non riusciamo a vederci.
Sono un fumatore di circa 10 sigarette al giorno e sto inoltre notando un incremento della frequenza minzionale e del desiderio di urinare spesso accompagnato da uno scarso gettito pur in presenza del bisogno.
Nei giorni scorsi ho praticato della masturbazione dove comunque riuscivo a raggiungere un'erezione e in alcuni casi l'eiaculazione risultava lieve quasi assente e in altre invece completa e fluida.
In questi giorni sto pensando di essere affetto da disfunzione erettile e la cosa che più mi spaventa è che al momento in cui rivedrò la mia compagnia potrei avere una defaillance dovuta a questo.

Mi sono inoltre sottoposto a degli esami di natura ormonale che sintetizzo di seguito:

- S-ORMONE FOLLICOLO STIMOLANTE risultato: 3, 19 su un range di 1, 4 - 18, 1 mUI/ml
- S-ORMONE LUTEINIZZANTE risultato: 3, 4 su un range di 1, 5-9, 3 mUI/ml
- S-TESTOSTERONE risultato: 5, 86 su un range di 2, 4 - 8, 2 ng/ml

Ma è possibile che una disfunzione dovuta a cause organiche sopraggiunga all'improvviso?
E' inoltre possibile che sia legata a una prostatite o che tutto quello che sto manifestando può esser ricondotto al cambiamento delle routine e a uno stato di stress/angoscia?


Grazie mille e buona giornata
[#1]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Gentile lettore,

"una disfunzione dovuta a cause organiche di solito non sopraggiunge all’improvviso...

Detto questo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste problematiche sessuali, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1234-nuove-terapie-emergenti-trattamento-disfunzione-erettile-de.html

https://www.medicitalia.it/salute/disfunzione-erettile

Altri suggerimenti infine li può trovare anche sul mio libro: Disfunzioni sessuali maschili. Guida alla scoperta delle cause e delle terapie , Edizioni del Cerro - Pisa.

https://www.unilibro.it/libro/beretta-giovanni/disfunzioni-sessuali-maschili-guida-scoperta-cause-terapie/872551

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta M.D.
http://andrologiamedica.org/prenota-consulto-online/
https://centrodemetra.com/prenota-consulto-online/

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille Dott. Beretta,

quindi crede che possa essere dovuta agli effetti dello stato di isolamento misto a ansia?
E visto il periodo, è possibile dalle analisi delle urine fare una valutazione su eventuali infezioni prostatiche?
[#3]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Le eventuali infezioni prostatiche vanno in primis generalmente valutate con una spermiocoltura prima di fare altre valutazioni colturali più complesse come ad il test di Meares e Stamey.

Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta M.D.
http://andrologiamedica.org/prenota-consulto-online/
https://centrodemetra.com/prenota-consulto-online/

[#4]
dopo
Utente
Utente
Buonasera Dott. Beretta,

oggi mi sono recato dal mio medico di base che sulla base della descrizione dei sintomi ha effettuato una esplorazione digito rettale e ha notato che sembra esserci una leggera infiammazione della prostata. Nel frattempo ho effettuato l'esame delle urine con coltura e ABG e riceverò risposta venerdi prossimo. Da tale esame sarebbe possibile evidenziare una prostatite o altra infezione?
Il mio medico mi ha detto di aspettare l'esito delle analisi prima di diagnosticare un antibiotico e intanto di bere molta acqua.
Le chiedo infine che qualora effettivamente ci sia un'infezione prostatica se possa essere questa la causa dell'assenza di erezioni mattutine pur avendo osservato disturbi della minzione e fastidi piu accesi solo da ieri.
Qualora la risposta fosse affermativa, al seguito del trattamento antibiotico le erezioni mattutine e la libido dovrebbero tornare normali?

Grazie mille
[#5]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
[#6]
dopo
Utente
Utente
Grazie Dottore,
farò seguito aggiornandovi con gli esiti delle analisi il prossimo 09/04.

Comunque nel caso si trattasse di una infiammazione la cura antibiotica dovrebbe ripristinare la normalità? Ovviamente seguita da un aggiustamento di abitudini e comportamenti (per ora sto smettendo di fumare).

Grazie mille
[#7]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
[#8]
dopo
Utente
Utente
Salve dottore,

i risultati dell'esame delle urine sono arrivati anticipatamente e la coltura delle urine recita "assenza di crescita microbica significativa" e l'unico valore anomalo risulta dal peso specifico che è oltre i range (1028 su un range di 1015 1025). Il mio medico di base mi ha consigliato di assumere per 5 giorni un antibiotico (Tavanic 500) e di bere molta acqua per eliminare la lieve infiammazione anche considerando la precedente esplorazione digito rettale che aveva condotto a pensare a una lieve infiammazione della prostata.

Non so se possibile eseguirla in questi giorni, ma sarebbe il caso di effettuare una analisi del secreto prostatico per individuare eventuali congestioni pelvico prostatiche?

Infine alla luce di queste analisi immagino che la questione delle erezioni mattutine non sia correlata a tale infiammazione ma magari allo stato di angoscia che mi sto imponendo non riscontrandole ormai da 20 gg. Inoltre a tal proposito noto che effettivamente dormo un po' meno rispetto a prima e che non mi sento riposato al risveglio, magari può essere un fattore anche questo?
Cosa ne pensa? E cosa dovrei fare?

Grazie mille
[#9]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Gentile lettore,

segua ora le indicazioni ricevute dal suo medico di fiducia, al momento non è semplice, con la pandemia in corso, pensare di fare una valutazione colturale sul liquido prostatico, tipo test di Meares e Stamey.

A terapia terminata rivaluterà sempre con il suo medico di fiducia la sua situazione clinica.

Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta M.D.
http://andrologiamedica.org/prenota-consulto-online/
https://centrodemetra.com/prenota-consulto-online/

[#10]
dopo
Utente
Utente
Buon pomeriggio,

faccio seguito a quanto descritto in precedenza.
Continuo a non osservare erezioni mattutine e anche con la masturbazione noto che a seguito dell'eiaculazione il pene perde velocemente volume e lo stesso anche il glande e durante la giornata sento costantemente il pene flaccido. Ho concluso il ciclo di 10 gg di Tavanic e non mostro particolari problemi nella minzione tuttavia noto che a seguito della masturbazione ho un leggero fastidio nella zona lombare e, delle volte, un lieve fastidio ai testicoli.
Non so più a cosa pensare, sicuramente l'ansia e lo stare chiuso in casa non aiutano, ma comincio a pensare possa essere un problema vascolare e magari successivamente avrò sviluppato una lieve infiammazione prostatica.
Purtroppo passo le giornate con il pensiero che la mia vita possa essere drasticamente cambiata e non vedo molte soluzioni.
Cosa potrei fare?
Ma è possibile che abbia sviluppato una problematica cosi all'improvviso? E soprattutto qualora fosse davvero uno stato di paranoia la causa, può portare a mostrare dei sintomi o perdurare cosi a lungo come per l'assenza di erezione (è più di un mese che non ne vedo)

Grazie mille a chiunque risponderà e buona giornata

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio