Utente
Gentili Cardiologi di Medicitalia,
sono un signore di trenta anni, e sono affetto da lieve aritmia da ansia e insufficienza aortica di grado moderato a seguito di malattia reumatica acuta contratta in infanzia.
Riporto i valori dell' Elettrocardiogramma: Frequenza ventricolare 60, Int PR 147 ms, Durata QRS 106 ms, QTQTc 356408 ms, Assi P-R-T 60 60 45.
Ecocardiografia: Normale il tempo di conclusioni Av e RIV. Ventricolo sinistro con volumetria cavitaria, spessori parietali e cinesi, sia globale che da segmentazione nella norma. Atrio sinistro e sezioni destre normali (TAPSE 23 mm)
Lieve rigurgito tricuspidale. Soffio protodiastolico in mesocardio. Pressione arteriosa: 118 / 70. FE 67%. Ventricolo sinistro: diastole 52 mm, sistole 32. F.A. 40 Setto i.v. 10 Parete 10

Sono in terapia da cinque anni con B-bloccante (Cardicor 2,5) e mi è stato consigliato da settembre per ridurre il rigurgito e il post-carico l' ace inibitore Ramipril (Triatec 5 mg) la sera.

Il mio medico di famiglia, mi ha consigliato, di iniziare la terapia con un farmaco sartano più tollerabile, gravato da minori effetti collaterali e non provoca tosse stizzosa rispetto al Ramipril.

- Vorrei sapere cortesemente, se il farmaco sartano può andare bene in alternativa all' ace inibitore e come sartano tra Candesartan, Losartan, Olmesartan o Valsartan che mi consigliate come principio ?



Cordiali saluti

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Non e' chiaro se lei abbia tosse legata all' ACE inibitore.
Solo il 6-8% dei pazienti riferiscono tosse in terapia con tali farmaci.

Per cio' che riguarda i sartani hanno sostanziaomente lo stesso ruolo degli ACE inibitori e cioe' riducono il post carico.
Quindi e' indifferente la molecola da impiegare.

Arrivederci


cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dottor Cecchini,

La ringrazio per aver risposto al mio quesito. Mi è stato prescritto un mese fa dal cardiologo il Triatec 5 mg la sera, insieme al Cardicor 2,5 che assumo alle 8 del mattino. Il Medico di base, mi ha consigliato, di riferire al cardiologo se potevo sostituire l' ace inibitore con il sartano più tollerabile e ha lo stesso ruolo. Non ancora lo prendo però l' ace i.
E' vero che il candesartan, losartan e valsartan prevengono lo scompenso cardiaco mentre l' olmesartan (Olpress) non ha questo ruolo o l' articolo che ho preso visione è del tutto infondato ?

Cordialmente

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
L' Olpress e' un sartano che ha pochi lavori scientifici e pertanto e' quello che io non prescrivo.
Funzionano come riduttori del post- carico, ma io preferisco gli ACE inibitori, magari quelli a lunga emivita.

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#4] dopo  
Utente
Per ace inibitori a lunga emivita, Lei intende il Lisinopril (Zestril) o Perindopril ?
Io ho letto una Sua risposta ad un utente su medicitalia.it dove il Triatec va assunto ogni 12 ore, a me all' Osp. Policlinico Maggiore di MI padiglione Sacco mi è stato consigliato di prenderlo ogni 24h la sera alle 20.
Un ultima domanda, cortesemente:
se mi viene confermato il sartano, tra candesartan (Blopress), losartan (Lozaar) o valsartan (Diovan-Novartis) è indifferente o c'è un principio tra i tre enunciati che ha più lavori scientifici ?

Grazie.

[#5]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Il Ramipril ha una breve emivita e percio' e' opportuno assumerlo in due diverse somministrazioni .
Il Lisinopril, cosi' come il quinapril e perindopril hanno emivite piu lunghe e sono monodose giornaliera .
Per cio' che concerne i sartani io preferisco sempre il VAlsartan specie nel maschio giovane perche' libera nitrossido a livello dell'endotelio e pertanto non causa solitamente problemi erettivi

Con questo la saluto

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#6] dopo  
Utente
Va bene Dottor Cecchini, è stato molto esaustivo e La ringrazio per il riscontro molto tempestivo.
A questo punto assumo il Valsartan, previa anche conferma del cardiologo che mi ha visitato.

Cordiali saluti e buon lavoro.