Utente
di cui soffro ormai da anni e che mi preoccupano molto. Ho cominciato a soffrire di tachicardie ed extrasistoli, in genere subito dopo la palestra o dopo uno sforzo (tipo scale o salite a piedi). Il primo pensiero ovviamente è andato al cuore. Ho fatto una visita cardiologica con ECG,tutto nella norma, il medico non ha neanche voluto indagare ulteriormente con ecocuore o altro perché diceva che ero sana come un pesce e soffrivo di tachicardia parossistica non ben identificata, probabilmente perché in quel periodo respiravo male a causa di un polipo nasale. La tachicardia ricomincia, non sono tranquilla, faccio gli esami del sangue e quelli per la tiroide, tutto ok anche in questo caso. Il mio medico curante dice che potrebbe essere lo stomaco anche perchè nel frattempo avevo tolto il polipo e comincio ad avere anche dolorini sotto il seno ed eruttazioni frequenti, mi prescrive allora ipp e antiacidi. Dopo un anno e più di cure decido di fare la gastroscopia, risultato: ernia iatale e cardias beante. Comincio la cura con lucen e riopan. Sto meglio,ma solo nei periodi in cui non sono stressata, perchè altrimenti lo stomaco si fa risentire nonostante la cura, continuo a non fare sport per paura che possa ritornare la tachicardia! Prima di iscrivermi in palestra, per precauzione vado da un altro cardiologo, faccio ECG, ecocuore e prova da sforzo , tutto nella norma, mi dice che sono sana come un pesce e che posso fare tutto lo sport che voglio, la prova da sforzo segnala qualche extrasistole, ma assolutamente benigna! Ieri ho fatto sport dopo tempo che non lo facevo, ma ogni volta che mi muovo un po' di più è la stessa cosa, tachicardia o extrasistoli dopo averlo fatto sopratutto quando mi rilasso, senso di sbandamento (non so se dovuto alla paura a questo punto), ed eruttazioni! Il cardiologo dice che durante lo sport aumenta la secrezione gastrica e che quindi essendo un soggetto che soffre di reflusso,ho questi disturbi.Mi posso fidare? Io ho sempre paura che mi venga un coccolone!! Cosa posso fare per non avvertirle...ogni volta la stessa storia, inizio la palestra e poi per paura stacco, ma io voglio muovermi! Grazie in anticipo

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
"perché diceva che ero sana come un pesce e soffrivo di tachicardia parossistica non ben identificata, probabilmente perché in quel periodo respiravo male a causa di un polipo nasale"

Complimnti al suo dottore.
Detto questo cara Signora, io ritengo che lei abbia dei notevoli problemi di ansia.
Programmi un Holter cariaco delle 24 ore.

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente
Salve dottore, devo ringraziarla infinitamente perché grazie al suo consulto ho messo l'holter e, probabilmente grazie all'intervento divino, visto che la tachicardia veniva una, due volte l'anno, l'ho beccata! Esito: tachicardia da rientro nodale, ho fatto l'ablazione a Milano al San Donato, mi ha operata un medico famosissimo! Dopo l'intervento mi hanno dato un aggeggio che, collegato al cellulare, faceva gli ECG in tempo reale. Mandavo loro i referti settimanalmente e quando si verificava qualche evento strano, tipo tachicardie o Extrasistoli e loro mi rispondevano ogni volta che si trattava di tachicardia sinusale non preoccupante e non parossistica o Extrasistoli benigne! Mi hanno rivisto dopo sei mesi dall'intervento (ho rifatto, holter, ECG e ecocuore) e mi hanno detto che il mio cuore è sano, che non devo avere più paura perché non verranno più e che posso fare tutto lo sport che voglio! Unico neo di questa situazione che non me la fa considerare a lieto fine: sono rimasti l'ansia, le extrasistoli e soffrendo di reflusso gastroesofageo (ho una piccola ernia iatale e il cardias beante), si complica il tutto.Quando avverto le extrasistoli vado in tilt perché ho paura che possa ritornare la tachicardia, in genere proprio un' extrasistole la innescava! Non è più tornata e mi assicurano che non tornerà perché non so per quale motivo esatto, ma dicono che la mia era la più banale da trattare. Io però sono rimasta profondamente scossa da tutta sta situazione e sto pure facendo psicoterapia perché l'ansia e l'ipocondria non mi abbandonano! Tutti i cardiologi del San Donato mi hanno consigliato di fare sport per controllare ansia e gastrite, mi sono iscritta in palestra da poco e dopo varie resistenze dovute alla paura di allenarmi, (non mi allenavo seriamente da almeno 4 anni per la paura di avere qualcosa al cuore). Ho fatto poche lezioni e non appena faccio lo sforzo fisico avverto qualche Extrasistole e comincio a spaventarmi! I medici che mi hanno operata dicono che le extrasistoli sono benigne che non devo preoccuparmi e che posso ammazzarmi di sport, anzi devo farlo perché anche dall'attività fisica dipende la salute del cuore! Le Extrasistoli non le avverto solo durante lo sport, ma anche anche a riposo non sono tantissime e non sono costanti, spesso non le ho per giorni e poi magari le avverto per giorni di fila, qualche volta le ho anche quando mi emoziono, quando parlo in pubblico, quando piango o rido,ma soprattutto sono di più quando ho problemi gastrici e quando mi sdraio dopo mangiato, cosa che non faccio più; appena prendo un riopan in genere mi passano. Altra cosa...dopo lo sport (le poche lezioni che ho fatto)comincio a stare male di stomaco, eruttazioni continue, cattiva digestione che non mi fanno vivere serenamente questo momento!
Altra cosa...capita anche che in seguito a cattiva digestione avverto una leggera tachicardia che loro dicono essere sinusale e dovuta allo stomaco e che non devo preoccuparm! Mi dicono anche che non si sa il motivo esatto per cui vengono le extrasistoli...ancora non lo hanno pienamente scoperto, ma le mie sono benigne, probabilmente causate dallo stomaco e posso strare serena. Dicono che probabilmente allenandomi potrebbero anche sparire o ridursi e che facendo attività fisica ne gioverebbe la mia mente e il mio stomaco! Lo stomaco lo sto curando con lucen 20 e riopan, ma ho notato che neanche la lucen mi fa più nulla, anzi ultimamente spesso sto meglio quando non la prendo perché mi rallenta la digestione,per cui il mio medico di base proprio ieri ha detto di sospendere la lucen, dopo almeno due anni che la prendo,aiutarmi solo con riopan e neo-carvi prima dei pasti. Io credo proprio che il mio reflusso sia aggravato dall'ansia e ,come un cane che si morde la coda, che dalla salute del mio stomaco dipenda anche la mia salute psichica!Lei che dice?Posso stare tranquilla? Posso fare sport nonostante le extrasistoli? Ho letto su internet che se vengono durante lo sport bisogna preoccuparsi!il mio medico curante dice di non demordere e continuare con la palestra, perché devo riabituarmi,ma io sto pensando di non farla più!
Scusi, ma ho bisogno di rassicurazioni, nonostante tutte quelle che mi hanno dato i cardiologi di Milano, perché mi è rimasta molta paura!
Comunque non voglio più tediarla...in realtà le volevo scrivere solo per ringraziarla infinitamente perché solo lei mi ha dato la forza di indagare nonostante tutti qui mi dicessero che ero stressata e mi davano della malata immaginaria! Mi dispiace.... è venuto fuori un altro papello!Non ho il dono della sintesi e volevo raccontarle i particolari!
Grazie mille di "cuore"!

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Sono molto contento che lei abbia risolto il problema.
Non si ossessioni con quelle banali extrasistoli , le lasci perdere e faccia sport, attivita' fisica.


Si tranquillizzi

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente
Ok, ci proverò, ci tenevo tanto al suo parere!
grazie ancora