Utente 485XXX
Buongiorno,
a giugno dopo un malessere notturno e una corsa al PS mi sono stati riscontrati enzimi cardiaci alterati .
I valori erano Troponina I 0,226 ug/L D Dimero 939,6 ug/L. L'ecocardiogramma non aveva evidenziato nulla quindi mi avevano fatto fare visita angiologica con doppler alle gambe inguine etc risultato negativo . Avevano deciso X una tac al torace con contrasto anche questa negativa . Alle 8 la Troponina era sempre 0,246 . Due elettrocardiogrammi normali . Alle 16 era sempre 0,256. Alle 21.30 0,266. D dimero 813 . Trattenuta per controlli non avendo alcun sintomo il mattino dopo mi hanno fatto fare un'altra visita cardiologica col cardiologo di reparto e nuovo ecocardiogramma sempre nella norma . Il dottore disse che il cuore era ottimo . Alle 8 avevano fatto anche CPK nella norma e P-LAD 248 , U/L un pochino fuori . Pressione sempre bene . Dopo tutti i controlli gli ECG, ecodopler , etc pur avendo riscontrato quei valori sono stata dimessa con l'ipotesi che i miei valori fossero fisiologicamente un po alterati.
15 gg dopo andai a fare sempre presso l'ambulatorio del PS di nuovo gli esami e i risultati erano sempre gli stessi.
Effettuai privatamente due visite cardiologiche nelle quali mi venne prospettata la stessa ipotesi e in ogni caso assicurandomi che al cuore non avevo avuto assolutamente nulla .
Unica nota da rilevare e che avevo anche specificato è stata che nella settimana che ha preceduto l'episodio avevo avuto sintomi legati a dolori articolari un po' ovunque come se avessi avuto una lieve influenza .
Durante le vacanze non sono stata tranquilla . Pur avendo effettuato l'ennesimo controllo prima di partire dopo la prima settimana iniziai ad accusare alla mattina senso di malessere con nausea e vertigini . Tornai prima dalle vacanze e mi recai nuovamente dal cardiologo . Rifeci tutte le analisi dove riscontrai che i valori degli enzimi erano rientrati ( non sono stati fatti all'ambulatorio del PS ma in un centro privato).
A quel punto l'ipotesi dei valori fisiologici non era valida ma sostanzialmente non seppero cosa dirmi .
Ripetei ancora ecocuore e anche un test da sforzo con anestesista presente . Il cardiologo mi assicuò che il mio cuore non aveva nessun segno di infarto o altro e che valvole e tutto erano a posto.
Sono passati mesi e io ogni doloretto e ogni disturbo lo vedo con paura.
VOrrei capire cosa ho avuto . A suo tempo avevo richiesto la prescrizione di esami per una possibile miocardite ma mi è stato detto che era inutile .
Soffro di reflusso e spesso dal lato sx ho fastidi che si riferiscono allo stomaco ma temo sempre sia il cuore.
Oggi andrò a farmi prescrivere nuovamente un controllo per gli enzimi e poi tornerò dal cardiologo per un ecocuore di controllo.
Vorrei capire: se si fosse trattato di un principio di infarto lo avrebbero visto con certezza? Fosse stata qualche vena arteria o altro con ecocuore e tac polmonare l'avrebbero vista ?
Cosa potrei fare di altro per controllare ?

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Mi scusi ma le ho gia' risposto nel Giugno scorso....ed altri due Colleghi nell' Agosto.
Non vedo cosa altro potrei aggiungere

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 485XXX

Buonasera dottore .
So che avevo già postato quesiti a suo tempo ma per quanto riguarda i colleghi erano quesiti legati a possibili disturbi allo stomaco e per quanto riguarda le sue risposte ad ultimo mi aveva detto di escludere la miocardite con esami del sangue . Purtroppo non sono riuscita a convincere ne il cardiologo ne il medico di famiglia per tale prescrizione , tantomeno per la risonanza . Io sono rimasta con l'ansia di non sapere cosa ho avuto e la paura che possa tornare per un problema non rilevato . Oggi per l'ennesima volta ho chiesto al mio medico se avessi potuto fare queste analisi ma non so neppure se ha senso farle ora . Venissero anche positive sarebbe una cosa già avvenuta e non saprei se questa estate o prima . La risonanza non parliamone neppure .... a suo tempo mi aveva detto di tutto quando l'avevo proposta . Ora io volevo solo sapere se un eventuale infarto o principio può vedersi dall'ecocuore con certezza e quindi escluderlo sicuramente o no . Il cuore viene guardato davanti ma dietro ? E poi le vene, arterie e altro come si controllano ? Se volessi pagarmi degli esami non saprei cosa chiedere con certezza .

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
gentile Signora , se lei avesse presentato un infarto lo,avrebbero rilevato alla ecografia.
lei è ossessionata, ma le ossessioni non le curano i cardiologi

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 485XXX

La ringrazio comunque del parere .credo che preoccuparsi della propria salute quando sostanzialmente ti viene detto che non si vede nulla ma gli enzimi sono alterati possa seriamente portare preoccupazione elevata. Le faccio comunque un'ultima domanda se vorrà rispondermi e cioè : dalla ecografia si possono vedere anche le vene che vanno al cuore ? Le coronarie ? A me a parte la tac ai polmoni l'eco cardio e ecocardio sotto sforzo non e' stata fatta altra indagine quindi mi chiedo .... tenendo anche conto del problema peso ... potrei avere qualche ostruzione che ha causato il malessere e che non e' stata rilevata X mancanza di controlli particolari ? Anche quando durante l'estate , prima del l'ecg sotto sforzo ho accusato per più di una settimana malesseri mattutini dati da vertigini e senso di nausea al risveglio , non mi e' stato detto da cosa poteva essere portato . GRAZIE