Utente 470XXX
Buonasera dottori,

Vi espongo qui il mio problema. Premetto subito che ho casi di infarti precoci nella mia famiglia, problemi di cardiopatie e aterosclerosi.
Sono un ragazzo di 22 anni e so che gli infarti a questa età sono rari ma tenendo conto di quello che mi è successo e i precedenti famigliari, mi sono un attimo preoccupato e vorrei capire delle cose.

Giorni fa ho sentito un intorpidimento al braccio sinistro, battito accelerato, formicolio e dolorini al petto. Mi sono precipitato al pronto soccorso. Ho fatto un ECG ed esami del sangue, tutto regolare. Ma quello che mi chiedo è: se ci fosse un principio di aterosclerosi? Che ovviamente non sono riusciti a vedere con gli esami che mi hanno fatto e sono comunque una persona molto giovane. Ma mi spaventa molto il fatto di miei parenti scomparsi precocemente. Vorrei andare piu a fondo e informarmi per fare una TAC.

Ma la mia domanda è: è possibile che con un'ostruzione di un'arteria coronarica impedisca l'ossigenazione delle arterie o muscoli del braccio sinistro che ho sentito formicolare e intorpidito? C'è una correlazione? Devo continuare ad indagare su questa via, oppure una cosa cosi anatomicamente è impossibile? Scusate non è il mio campo, non so bene come funzionano anatomicamente ossigeno, muscoli, arterie... Sono molto confuso. Ho fatto un ragionamento per associazione.

La mia seconda domanda è: se avessi veramente un principio di aterosclerosi senza saperlo, i segnali quali sarebbero? Si prende in tempo? Premetto che non ho sentito grandi dolori al petto giorni fa, l'ultimo "stadio" sarebbe quello? Non so se mi sono spiegato bene...

Grazie mille per la disponibilità!

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
I sintomi che lei descrive non hanno niente a che fare ne’ con l infarto ne’ con l aterosclerosi .
se ha una familiarita cosi elevata come dice occorre che controlli i valori di colesterolemia, di omocisteina, che cammini almeno un ora al giorno, che stia lontano dal fumo .

arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza