Utente 478XXX
Gentili dottori, sono un uomo di 44 anni e 3 anni fa mi è stata riscontrata una "angina microvascolare da sforzo" con coronarie pulite. Al momento al mia cura consiste solo in una pasticca di Plavix 75 mg senza alcun problema, dapprima prendevo il Cardicor 1.25 (anche metà) e Cardioaspirina, ma il primo farmaco mi provocava crolli di pressione (80/50) e il secondo invece mi procurava fastidiosissimi reflussi e quindi si decise di toglierli ,nonostante questo riesco a praticare dello sport senza esagerare, tutto questo per spiegare un pò la mia situazione.
Ora in virtù, di quando descritto avrei 2 quesiti da porre, il primo è che in seguito ad una visita urologica mi è stato prescritto per 2 mesi il "Cialis 5 mg" e mi sono chiesto se potessi utilizzare tale farmaco nella mia situazione,( ad onor del vero l'ho fatto presente) ma sarei più tranquillo con un vostro parere.
Il secondo è che molte volte, in special modo la notte, ho un fastidio continuo in tutta quella zona che ricopre la parte del petto vicino all'ascella, interessando l'ascella stessa con la zona interna del braccio sinistro e mi chiedevo se potesse essere, anche se a riposo, un effetto derivante dall'angina.
Ringraziando anticipatamente i miei più cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
la angina microvascolare non si cura certo con le dosi pediatriche di beta bloccante che lei riporta.
si usa solitamente ranolazina o trimetazidina.
Se lei ha un ECG sotto sforzo negativo per ischemia non c è alcun problema alla somministrazione del Cialis, specie a quel bassissimo dosaggio
ma l importante è che il suo cuore venga curato bene

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 478XXX

Buongiorno e grazie per la tempestiva risposta, riguardo l'ECG sotto sforzo riportava le seguente conclusione:
Test ergonometrico interrotto all'80% della FcTmax, DP 19400, per alterazioni elettrocardiache (ST sottoslivellato da V1-V3 di circa 2 mm con onde T negative profonde in V1) in assenza di sintomatologia anginosa. lento ripristino nella fase di recupero. Normale andamento cronotropo e pressorio. Non aritmie. Si consiglia ulteriore indagine diagnostica mediante coronarografia.
E come Le dicevo nel msg precedente il risultato di tale esame è stato di Coronarie pulite e mi fu prescritto il Cardicor + cardioaspirina ma visto che i farmaci da Lei indicati non mi sono mai stati indicati, forse la mia non è una situazione così catastrofica. Mi piacerebbe sapere cosa ne pensa sulla base di ciò che le ho rappresentato.
Cordialmente la saluto

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Non ha eseguito neppure una scitnigrafia miocardica da sforzo?-
Per cio che riguarda la terapia che sta assumendo, con quella diagnosi che le e' stata posta , e' del tutto insufficiente.

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 478XXX

No, la scintigrafia miocardica non mi è stata richiesta, l'unica cosa che posso dire è che effettuata la visita annuale (prima della visita urologica) di controllo la mia terapia è rimasta invariata, ora oltre il dubbio del "Cialis" ( che non mi è tanto chiaro se rischioso o meno per me) ho anche quello della terapia.
La ringrazio della sua disponibilità e grazie alle sue indicazioni chiederò delucidazioni.
Arrivederci