Utente 483XXX
Salve, sono una ragazza di 25 anni normopeso che non fuma e non beve ma che sta ferma, sportivamente parlando, da troppo tempo. Ho effettuato le analisi del sangue e visite necessarie anche con l'elettrocardiogramma sotto sforzo che non ha rilevato anomalie. Il mio battito cardiaco a riposo è abbastanza alto è sugli 80/90 bpm. Ho letto che per diminuire tale frequenza un ottimo allenamento è quello della camminata sportiva ovvero una camminata veloce protratta per più di 30 minuti ad una velocità superiore ai 5.5km/h. Il problema è che facendo questa camminata non si dovrebbe superare il 75% della frequenza cardiaca massima. Con questo ragionamento io non dovrei superare i 146 bpm, ma molto spesso arrivo ai 160 bpm andando ad un andamento medio/alto. Non accuso alcun fiatone o altro sintomo anomalo. Posso proseguire con questa media di battiti sperando che con la costanza mi diminuiscano o è troppo alta? Credete che questo problema è dato solo da scarso allenamento? Grazie in aticipo

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
E' solo lo scarso allenamento.
Butti via il cardiofrequenzimetro ed impari ad ascoltare il suo corpo: rallenti quando si sente stanca o ha affanno.
E' semplice.

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 483XXX

La ringrazio molto per la celere risposta. Non ho il cardiofrequenzimetro ma ogni tot di tempo (ogni 10 minuti piu o meno) sento le pulsazioni al collo e le cronometro proprio perché conosco la poca affidabilità di tale strumento. Credo che non mi fissero' piu cosi tanto ad ascoltarle ma ascolterò maggiormente il mio fisico. Grazie ancora dottore.