Utente 485XXX
Buongiorno .
Dopo la consueta visita annuale agonistica sportiva sono stato fermato e ritenuto non idoneo a causa di un aritmia ( Tachicardia ventricolare ) premetto che non ho mai avuto il minimo disturbo e nemmeno ho avvertito qualcosa durante la visita dove sono comparse queste aritmie . Ho sempre praticato sport agonistico calcio , ciclismo , nuoto ...
Dopo vari esami tac coronari negativa, holter ecc ho eseguito una Rm con contrasto di cui elenco l esito: dimensione e funzjone biventricolare conservate , evidenti minimi segni di fibrosi di tipo non ischemico al ventricolo sx .
Ora sono in cura con beta bloccante con nadololo 80mg .
Ora vorrei capire ma questa fibrosi puo essere la causa delle aritmie ? In se stessa e una cosa pericolosa .? L aritmia puo essere stato solo un caso ? E pericoloso fare sport ?
Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi

28% attività
8% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2012
nell'ordine:
1) sì: aree di fibrose possono causare aritmie.
2) in sè la cosa non è pericolosa. Ma il problema è: perché si sono formate queste aree di fibrosi. Se non sono dovute a ischemia, potrebbero essere i segni diana pregressa miocardite (infiammazione del cuore), che però dovrebbe essere passata in forma asintomatica. Sempre che ci siano veramente aree di fibrosi (la RM può anche dare falsi positivi, dovuti a problemi tecnici).
3) qualsiasi sia la causa, delle aritmie ventricolari sono da considerare una controindicazione all'attività sportiva finché non viene dimostrata la loro non pericolosità. E' una diagnosi complessa che richiede molta esperienza.
La prima cosa da fare è un test da sforzo, per vedere se le aritmie sono peggiorate dallo sforzo. Poi, altri esami vanno decisi dal cardiologo e dal medico sportivo. Ci sono medici sportivi con particolare competenza in problemi aritmici; in Veneto certo non mancano!
Dr. Chiara Lestuzzi
Cardiologia, Centro di Riferimento Oncologico (CRO), IRCCS, Aviano (PN)

[#2] dopo  
Utente 485XXX

Grazie mille dottoressa per la sua risposta . Sono stato da un bravo cardiologo mi ha prescritto lui coronografia holter e Rm che ho eseguito all ospedale di Padova . Ho rifatto anche il test da sforzo 225watt pero sotto beta bloccante e non si sono presentate aritmie .
Durante la prova di sforzo normale le aritmie si erano presentate dopo i 160 bpm anche se io non avvertito niente . Volevo solo capire come si puo fare a capire se sono pericolose e se possono comparire di nuovo . Sono dubbioso perche ho sempre fatto sport : calcio a livello agonistico , mtb con gare in montagna con parecchio dislivello e lunghe camminate in montagna e sicuramente spesso se non sempre ho superato i 160 bpm ma io non ho mai avvertito niente ne dolore ne malori di altro tipo . Non vorrei essere condizionato
nell attivita sportiva per una cosa che in realta non ce . Mi era quasi venuto il dubbio che fosse la macchina dell elettrocardiogramma dove ho fatto la visita sportiva diffettosa ma non penso
Solo una curiosita dottoressa ma l effetto del nadololo quanto dura . ? Cioe io ne prendo una compressa al giorno se mi dimentico e tipo vado sotto sforzo sono coperto essendo in cura oppure i battiti vanno piu su ? Grazie