Utente 484XXX
Buongiorno,
sono un ragazzo di 24 anni. Circa 3 mesi fa, durante la notte mentre stavo cercando di addormentarmi mi è presa una forte tachicardia, avevo bisogno di stare in piedi, di parlare e di non stare fermo e sentivo come se il respiro mi stesse per finire. Mi sono recato al pronto soccorso più vicino dove dopo l'elettrocardiogramma, nel quale hanno riscontrato PR corto e battito accelerato e dopo avermi ascoltato il cuore e il respiro mi hanno rimandato a casa con Attacco d'ansia, consigliandomi una visita cardiologica. Il giorno dopo ho avuto più o meno la stessa cosa ma in maniera più lieve e di seguito una settimana dopo lo stesso. Nei mesi successivi, non ho avuto più questi attacchi così forti, li ho avuti più lievi e a distanza di varie settimane. L'unica cosa che mi è cominciata e non se n'è più andata è il mal di testa tutti i giorni, che a casa a riposo è molto lieve quasi non c'è, ma come esco di casa e entro in negozio a lavoro, inizia e mi sento poco concentrato. Mi capita anche nei centri commerciali, o uscendo con gli amici ed inoltre a volte lo sguardo mi si fissa su un punto e devo concentrarmi per distoglierlo, non capisco cosa sia. Ho fatto due esami Ecocardiogramma e ECG 24 H. Nell' Ecocardiogramma mi è stato diagnosticato un modesto prolasso della mitralica di nessuna rilevanza emodinamica con fisiologico rigurgito, mentre nell ECG 24h i commenti sono: ritmo sinusale normofrequente, con fasi di discreta aritmia sinusale. PR BREVE. 2 extrasistoli ventricolari isolate. Un breve run sopraventricolare, condotto con aberranza.
Inoltre volevo precisare, che ho dei momenti in cui ho una sensazione strana al torace ed in quel momento non sento il mal di testa, viceversa quando sto a lavoro con il mal di testa non ho la sensazione strana al torace. Per sicurezza ho preso appuntamento anche per una risonanza magnetica riguardo il mal di testa. Perdonatemi per aver scritto tanto, ma ho bisogno di un consulto per avere più pareri. Grazie

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Dal punto di vista cardiologico lei non parrebbe avere alcun problema.
Per la restante serie di sintomi penserei ad un problema di artacchi di panico

arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza