Utente 482XXX
Salve a tutti i Medici, da più di un mese ho dei sintomi riconducibili a sinusite quali:
Senso di pressione in mezzo agli occhi e fronte e leggero mal di testa non costante che si accentua quando rivolgo la testa verso il basso e, anche quando entro in un luogo caldo dall'esterno freddo.
Inoltre, ma questo tutto l'anno, ora solo un pò più accentuato, ho tanto muco (di colore trasparente) per cui mi devo soffiare molto spesso il naso in particolare con il freddo o in acqua (doccia o mare) e ho anche lo scolo retronasale che mi fa tossire.
Raramente sensazione di congestione nasale.
Sono stato dal medico di famiglia che ipotizzando una sinusite mi ha prescritto Fluimucil mucolitico da 600 per circa un mese e un ciclo di Fluimucil antibiotico aerosol da 500.
Il problema è rimasto invariato, allora sono stato da un otorinolaringoiatra dell' SSN che ha detto che, che secondo lui non è sinusite ma, avrei l'ipertrofia dei turbinati e la deviazione del setto nasale, aggiungendomi lo spray nasale Zhekort per un mese.
Inoltre mi ha prescritto una RX al cranio per esser sicuri che non sia sinusite.
Vi chiedo: se non è sinusite cosa può essere?
Ha senso la terapia che devo seguire e la RX?
Devo chiedere il parere di un altro otorinolaringoiatra?
Ringrazio anticipatamente i Medici che mi risponderanno.

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
L'RX del cranio per lo studio dei seni paranasali è ormai un esame obsoleto e inutile. In questi casi, si prescrive una tac senza mezzo di contrasto e, questo, lo Specialista dovrebbe saperlo.
Se il tutto è imputabile all'ipertrofia dei turbinati, allora giusta la terapia con uno spray decongestionante le mucose nasali del tipo di quello prescritto. Se vede che la sintomatologia non migliora entro una ventina di giorni, allora sarà il caso di consultare un altro Specialista.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente 482XXX

Grazie mille Dott. Brunori, quindi secondo Lei dai sintomi che ho riportato si può trattare di sinusite? E,secondo Lei è possibile da una semplice visita capire se è quello il problema o no?
Anche perchè, anche fosse vero che ho l'ipertrofia dei turbinati, questa ipertrofia l'avrei sempre avuta, invece i sintomi li ho da circa un mese.
Grazie Dottore!

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Non è detto che abbia sempre avuto l'ipertrofia dei turbinati, anzi, il contrario. Con una fibroscopia nasale, certo, si puo' appurare sia l'ipertrofia dei turbinati che una rinosinusite, se presente. La tac serve per una conferma della diagnosi, per studiare i seni paranasali al loro interno.
Esegua la terapia con lo spray nasale e, nel caso di insuccesso della cura, vedremo cosa sarà meglio fare , nel suo caso.
Buona serata
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente 482XXX

Ok la ringrazio per la sua disponibilità Dottor Brunori e per il servizio che svolgete, avrò piacere di riscriverle fra una ventina di giorni sperando che andrà meglio, anche perche è piu di un mese che ho questo "mal di testa".
Cordiali saluti!

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Mi farà piacere essere aggiornato sulle sue condizioni. A presto
Dr. Raffaello Brunori

[#6] dopo  
Utente 482XXX

Salve Dott. Brunori, ho piacere di aggiornarla sul consulto precedente.
I sintomi sono migliorati, forse complice anche il clima differente primaverile.
Nel frattempo ho eseguito anche una tac massiccio facciale che copio:

Normopneumatizzazione dei seni paranasali con recessi naso-frontali , sfeno-etmoidali e COM pervi bilateralmente, questi ultimi ristretti per ipersviluppo delle cellule dell'agger nasi e presenza di cellule di Haller da ambo i lati.
Aspetto a concha bullosa del turbinato medio sinistro, ipertrofia del turbinato medio ed inferiore a sinistra.
Cellula di Onodi a destra, minuti a sinistra.
Aspetto scoliotico del setto nasale con maggior deviazione verso sinistra con piccolo sperone osseo protunente in cavità nasale.

A me non sembra quindi che ci sia una sinusite?
Grazie Dottore, Cordiali saluti!

[#7]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
No, non risulta alcun processo infiammatorio dei seni paranasali, ma solo una deviazione del setto nasale ed una ipertrofia dei turbinati
Dr. Raffaello Brunori

[#8] dopo  
Utente 482XXX

Ok dott. Brunori, mi sono rivolto ad un otorinolaringoiatra il quale visionando la tac, anche le immagini, mi ha confermato esattamente quanto mi ha detto Lei.
Mi ha consigliato di fare il decongestionamento dei turbinati con il laser in Day Hospital e sicuramente lo farò, certo il setto rimarrà sempre deviato ma almeno migliorerà la respirazione.

La ringrazio per la disponibilità, per gli utili consulti ricevuti e per il servizio gratuito che svolgete.
Cordiali saluti.

[#9]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Piu' che il laser, per la decongestione dei turbinati oggi si preferisce utilizzare la tecnica della radiofrequenza.
Cordialità
Dr. Raffaello Brunori

[#10] dopo  
Utente 482XXX

Ok, chiederò all'otorino cosa secondo lui è meglio nel mio caso fare, se la radiofrequenza o il laser e poi magari aggiorno il consulto.

Per ora La ringrazio molto Dott. Brunori.
Cordiali saluti!

[#11] dopo  
Utente 482XXX

Buongiorno Dott. Brunori, vorrei aproffittare della sua passata disponibilità per porLe un quesito:

Oggi è il terzo giorno che ho la febbre che però, ad ora, va diminuendo da (39,5 a 37,5) ma il problema più grave è il forte "mal di gola" che mi rende molto dolorosa la deglutizione anche solo di acqua e inoltre ho anche nausea a mangiare quel poco che posso.
La gola è rossa e con sensazione di gonfiore, non sembra presentare pus, salvo ieri sera che però ho subito eliminato sciacquando con coca cola e limone.
Ho dolore alla testa, collo, linfonodi del collo ingrossati e fastidio alle orecchie, il naso è regolare.
Ho assunto negli ultimi due giorni tachipirina 1000 mattina e sera che, per qualche ora alleggerisce i sintomi e la febbre e, neoborocillina senza trovare nessun miglioramento oltre a a miele e propoli.

Come faccio a sapere se si tratta di un virus o dello streptococco e di conseguenza iniziare una terapia antibiotica che vorrei assolutamente evitare dato che ho già la nausea?
Ho telefonato al medico di famiglia e dicendo che non può visitarmi a domicilio mi ha detto di prendere o klacid 250 o macladin 250 mattina e sera x 5 gg.

Secondo Lei cosa dovrei fare?
La ringrazio infinitamente per l'attenzione.
Cordiali saluti!

[#12]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Prima di iniziare una cura antibiotica, bisognerebbe effettuare un tampone faringeo per la ricerca di germi patogeni. Assumere inutilmente gli antibiotici vuol dire non risolvere la patologia e creare delle resistenze al farmaco.
Se non ha iniziato con gli antibiotici, faccia il tampone consigliato. Nel frattempo, utilizzi un qualsiasi antinfiammatorio per via orale e faccia dei gargarismi con the molto scuro o con coca cola.
Cordialità
Dr. Raffaello Brunori

[#13] dopo  
Utente 482XXX

Grazie per la risposta.
Si, so bene che prima di iniziare la terapia antibiotica servirebbe il tampone, però purtroppo erano già 3 giorni di febbre e poi ne seguivano due festivi e di conseguenza il risultato sarebbe arrivato troppo tardi; inoltre ho letto anche che, anche se pochi casi, se fosse stato streptococco sarebbe stato pericoloso non curarlo (endocardite, febbre reumatica etc...)
Non sapevo che i medici di famiglia non lavorassero nei giorni prefestivi e cosi ho dovuto chiamare la guardia medica, la quale ha confermato che si trattava di "faringotonsillite febbrile" purulenta (in effetti fra le tonsille e l'ugola e anche sulla lingua c'era una patina bianca) e cosi ho dovuto iniziare la terapia antibiotica: macladin 250 ogni 12h x 6gg + probiotico.
Dal giorno seguente i sintomi sono spariti quasi completamente (febbre, dolore nella deglutizione, dolore aa stare sdraiato etc).
Secondo Lei la terapia è corretta?

[#14]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Generalmente, si preferisce utilizzare un antibiotico ad ampio spettro ma, visto, il miglioramento delle condizioni cliniche nel suo caso, la cura prescritta sembrerebbe essere stata idonea, sperando che il batterio sia stato eradicato. Comunque sia, per scrupolo , faccia sempre un tampone , non prima di una decina di giorni.
Le auguro una buona giornata
Dr. Raffaello Brunori

[#15] dopo  
Utente 482XXX

Grazie Dottore, vorrei fare un'ultima domanda: quali possono essere le cause della tonsillite batterica (giusto per evitare di riprenderla)?
Possono centrare alcune condizioni climatiche come pioggia, vento freddo o c'è sempre un contagio, anche indiretto con persone infette?

Le auguro anch'io una buona giornata,
cordiali saluti!

[#16]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
La maggior parte delle tonsilliti hanno origine virale, in misura minore batterica. Virus che circolano nell'aria, persone "infette" possono farci ammalare, specialmente in condizioni di abbassamento delle difese immunitarie. Chi è portato ad ammalarsi, quindi, dovrebbe fare delle cure preventive con integratori immunostimolanti o con lisati batterici.
Buon fine settimana
Dr. Raffaello Brunori

[#17] dopo  
Utente 482XXX

Grazie per la risposta.
I pareri sugli integratori (in generale) sono contrastanti fra chi sostiene la loro utilità e chi, la loro inutilità pertanto, se le linee guida del sito lo consentono potrebbe consigliarmene uno?

Vorrei inoltre chiedere secondo Lei, se dovesse servire in futuro un antibiotico ad ampio spettro con meno effetti collaterali gastrointestinali, quale consiglierebbe?
Buon week end anche a lei.

[#18]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Puo' utilizzare, per esempio, un prodotto a base di pidotimod od un probiotico sotto forma di spray nasale. Purtroppo, in questa Sede, non mi è consentito fare nomi di marche.
Buon fine settimana
Dr. Raffaello Brunori

[#19] dopo  
Utente 482XXX

Grazie Dottore per la sua grande disponibilità.
Ne parlerò col medico curante, nel frattempo guardandomi la gola ha detto che 6 gg di macladin 250 bastano ma essendo ancora infiammata e rossa però senza piu placche e febbre, di continuare con un integratore antiflogistico tipo "futurase" x 10gg.
Per ora la ringrazio.
Cordiali saluti, buon week end anche a lei!

[#20] dopo  
Utente 482XXX

Buonasera dott. Brunori, la faringotonsillite è passata da un pò e tutto è tornato nella norma, anche l'intestino molto disturbato dall'antibiotico.
Vorrei chiederLe: lo streptococco responsabile di questa malattia, credo quello "beta emolitico gruppo a" , come fa a creare l'infezione?
Vive in gola e riesce nel suo scopo sfruttando un abbassamento delle difese immunitarie o si trasmette tramite persone infette (tosse, starnuti etc)?
Grazie per la disponibilità,
Cordiali saluti!

[#21]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Si è dato la risposta da solo. Quando parliamo di streptococco beta emolitico di gruppo A, si deve fare una cura per cercare di eradicare il batterio che , se lasciato nell'organismo, puo' provocare dei danni a distanza /cuore, articolazioni, reni). Mi raccomando, non trascuri questo ultimo aspetto e si rivolga al suo Medico di famiglia.
Buona giornata
Dr. Raffaello Brunori

[#22] dopo  
Utente 482XXX

Grazie Dott. Brunori sempre molto disponibile.
Farò un tampone faringeo.
Cordiali saluti!

[#23]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Mi farà piacere conoscere la risposta del tampone.
Buona serata
Dr. Raffaello Brunori

[#24] dopo  
Utente 482XXX

Sicuramente glielo farò sapere, grazie per l'interessamento.
Dottore, vorrei approfittare nuovamente della sua enorme disponibilità per porLe un quesito:

Perchè, sopratutto d' inverno, quando mi bagno i piedi oppure quando c'è vento forte, mi viene subito dopo un bruciore in gola e nell'immediato mi cola il naso?
Poi nella quasi totalità dei casi questi due "sintomi" spariscono, o comunque in una piccolissima percentuale di casi si sviluppa un raffreddore o faringite o addirittura faringotonsillite.

Quindi, che relazione c'è fra queste condizioni meteorologiche (pioggia, vento, correnti d'aria, aria condizionata se sudati etc...) e i sintomi sopra descritti dato che il raffreddore è sempre virale e la faringotonsillite o virale o batterica?

La ringrazio anticipatamente per la risposta,
cordiali saluti!

[#25]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Indipendentemente da una causa virale o batterica, ormai il suo punto debole è la regione faringonasale e, pertanto, è sufficiente un fattore climatico per riacutizzare il processo infiammatorio ormai cronico. Ha iniziato una cura immunostimolante?
Dr. Raffaello Brunori

[#26] dopo  
Utente 482XXX

No, a dir la verità non ho mai utilizzato un immunostimolante come quello da Lei consigliato nel #post18 circa un mese fa perchè, ho dovuto utilizzare un antibiotico per la tonsillite i primi di dicembre e mi ha dato non pochi problemi all'intestino con conseguenti probiotici per risistemarlo, pertanto cerco di assumere meno farmaci possibile.
Inoltre come ha confermato anche Lei nel post precedente, a parte quest'ultimo episodio di tonsillite batterica dopo anni che non si ripresentava (forse grazie alle cure alle Terme di Tabiano) gli altri sintomi quali: naso che cola e bruciore in gola, sono di origine infiammatorio cronico.
Lei vede comunque necessità di assumerlo?
Grazie, cordiali saluti!

[#27]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Si, lo raccomando
Un cordiale saluto anche a Lei
Dr. Raffaello Brunori

[#28] dopo  
Utente 482XXX

In effetti l'avevo chiesto al mio medico di famiglia che però mi ha detto sarebbe meglio iniziarlo prima dell'inverno pertanto ormai di aspettare.
Magari rivalutiamo la possibilità se Lei in quanto Specialiata lo raccomanda.
Invece, c'é una base scientifica nel correlare la vitamina C - oppure mi dica Lei se esiste, quale altro micronutriente - all'immunostimolazione ?
Grazie, cordiali saluti!

[#29]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Certo, la dieta mediterranea, ricca di vitamine, proteine e carboidrati favorisce il buon funzionamento del nostro sistema immunitario. Nei casi come il suo, una integrazione con un immunostimolante puo' rafforzare sicuramente il sistema immunitario stesso.
Buona serata
Dr. Raffaello Brunori

[#30] dopo  
Utente 482XXX

Grazie dr. Brunori per i suoi preziosi consigli e il servizio gratuito che svolge.
Buona serata, cordiali saluti!

[#31] dopo  
Utente 482XXX

Buongiorno dr.Brunori, è quasi un anno che ci scriviamo e mi sembra quasi di conoscerLa, vorrei aggiornare il consulto facendoLe sapere che ieri mattina ho eseguito la "decongestione chirurgica dei turbinati inferiori con radiofrequenze" .
Sinceramente non credevo fosse necessaria tutta quella preparazione all'intervento che necessita di anestesista, sala operatoria, barelle etc, fortunatamente l'intervento in sè dura pochi minuti anche se un pò doloroso.
Oggi mi sento abbastanza bene, ad ora non ho dolori, ho solo un pò di sangue nel naso ma meno di ieri.
Non respiro ancora bene ma mi ha detto il Chirurgo che è normale.

Motivo del ricovero: difficoltà respiratoria.
Diagnosi di dimissione: rinopatia ipertrofica.
Mi è stata consigliata la seguente medicazione:
-lavaggi nasali 2 volte al dì.
-doricum 5 gocce x narice 2 volte al dì.
-abiostil pomata 2 volte al dì.
controllo fra due settimane circa.

Secondo Lei è tutto nella norma?
Avendo io anche il setto deviato, potrò avere dei miglioramenti così senza operarmi e sopratutto saranno duraturi?
Grazie.

[#32]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Vista la presenza di una deviazione del setto nasale, avrei fatto tutto nell'ambito della stessa seduta. Comunque, ormai è fatta e speriamo di ricevere un beneficio dalla decongestione. la cura è idonea e tutto cio' che descrive rientra nel normale decorso post- decongestione.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#33] dopo  
Utente 482XXX

Grazie per ora Dr. Brunori.
Cordiali saluti!

[#34] dopo  
Utente 482XXX

Buongiorno Dottor Brunori, vorrei aggiornare il consulto comunicandoLe che:

L'intervento di decongestione dei turbinati eseguito un mese fa circa, mi ha migliorato la respirazione sopratutto da sdraiato, con i limiti ovviamente imposti dal setto deviato a sx.

Il tampone faringeo da Lei scrupolosamente consigliato è negativo, visionato anche dal medico di famiglia (faringotonsillite streptococcica a dicembre).
Soffermandoci su quest'ultima, vorrei chiedere:

Dato che una terapia antibiotica si impone in presenza di streptococco e, a me nel caso "Claritromicina" ha dato grossi problemi intestinali portandomi una colite, in seguito curata con "Pentacol" , se avessi in futuro bisogno di antibiotici cosa mi consiglia di fare?
Mi creda, ho più paura dell'antibiotico che della tonsillite, mi danno noia quasi tutte le molecole, dalla semplice diarrea o bruciore di stomaco ad addirittura come ho detto la colite.

Grazie infinitamente, cordiali saluti.

[#35]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
La scelta dell'antibiotico viene fatta in base al tipo di batterio che provoca la patologia. Comunque, per gli effetti collaterali che descrive, direi di utilizzare un protettore gastrico ed un probiotico/fermenti lattici per tutta la durata della cura.
Buona serata
Dr. Raffaello Brunori

[#36] dopo  
Utente 482XXX

Grazie.
Qualsiasi gastroprotettore e probiotico o esiste qualcosa di specifico?
Cordiali saluti.

[#37]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Il gastroprotettore è prescrivibile e, quindi, si rivolga al suo medico di famiglia, a cui potrà chiedere il tipo di probiotico da acquistare. Comunque sia, non ci sono differenze fra i vari prodotti in commercio.
Buona giornata
Dr. Raffaello Brunori

[#38] dopo  
Utente 482XXX

Grazie D. Brunori, buona serata anche a Lei!

[#39] dopo  
Utente 482XXX

Data la Sua professionalità, disponibilità e preparazione vorrei farLe una domanda non pertinente alla Sua specializzazione ma, sono sicuro che mi risponderà.

Nell'ultimo periodo mi sono un pò fissato sull' helicobacter, ho eseguito il test ed è negativo ma vorrei sapere:
è possibile contrarlo mangiando ad esempio in negozi di genere alimentari o bar, ristoranti etc, se il cibo viene "infettato" da chi lo manipola ad esempio con mani non pulite o saliva?

Ringrazio anticipatamente, saluti.

[#40]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Buonasera. La trasmissione del batterio puo' avvenire con il bacio o attraverso la saliva. Contrarre il germe attraverso stoviglie od alimenti contaminati è praticamente impossibile, piu' con il contatto diretto.
Cordialità
Dr. Raffaello Brunori

[#41] dopo  
Utente 482XXX

Dr. Brunori buonasera torno a disturbarLa.
Prima che Lei me li menzionasse non ne conoscevo l'esistenza dei lisati batterici o Pidotimod, in seguito chiedendo al mio medico di famiglia mi ha consigliato:

Pigitil 800mg - 1 al dì x 10gg poi pausa 20gg e altri 10gg si.
Mi ha consigliato comunque di iniziarla ad ottobre.

Il motivo sono le tonsilliti.

Vorrei chiederLe un parere riguardo il prodotto o se c'è qualcosa di più specifico, sulla durata e sulla "stagionalità".

Grazie come sempre, saluti.

[#42]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Il prodotto menzionato è ideale, solo che farei ugualmente subito un ciclo di 10 giorni, per poi riprenderne l'utilizzo per 10 giorni al mese per tre mesi, a partire da ottobre prossimo.
Buona serata
Dr. Raffaello Brunori

[#43] dopo  
Utente 482XXX

Grazie Dottore come sempre.
Cordiali saluti.

[#44] dopo  
Utente 482XXX

Buongiorno Dr. Brunori,
Torno a disturbarLa con un dubbio che mi é sorto:

L'aria condizionata può essere causa di tonsillite batterica o altre infezioni batteriche?
Paragonabile quindi allo sbalzo termico contrario in inverno (indoor caldo e outdoor freddo)

Lo chiedo perche questo inverno ho avuto tre tonsilliti di cui una da sbea dopo tanti anni che non ne avevo più.
Io lavoro come autista e sono quindi soggetto a sbalzi di temperatura e a stare a contatto con tanta gente.

La ringrazio anticipatamente per la risposta, cordiali saluti.

[#45]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Certo, il clima, gli sbalzi termici possono far ammalare di faringotonsillite
Dr. Raffaello Brunori

[#46] dopo  
Utente 482XXX

Grazie Dr. Brunori.

Si la teoria é chiara, la pratica é un pó più complicata perché in estate magari si superano i 30gradi e si é molto sudati e si entra in auto, ufficio, supermercato, bar, ristorante etc e spesso c'é quasi freddo.
Ogni tanto mi si tappa il naso e mi brucia un po la gola ma tutto passa velocemente al massimo un po di propoli.
Non credo comunque ci siano alternative.

Lei ha qualche consiglio?

[#47]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Facciamo una cosa, ovvero iniziamo un ciclo di bustine immunostimolanti a base di pidotimod: 1 bustina al mattino, a digiuno, per 10 giorni. Incominciamo cosi' a rinforzare le difese immunitarie.
Dr. Raffaello Brunori