Utente 488XXX
Gentilissimo Dott. Sono un ragazzo di 28 anni e chiedo un consulto per una problematica che mi sta facendo vivere quasi un inferno in terra. 28 anni, sportivissimo, non fumo, corro, faccio pesistica e lotta, bevo nei weekend ma mai da stare male. Mai avuto problemi di cuore e faccio un ecg annuale e ecocardio. In passato mi e’ Già successo di recarmi un paio di volte al pronto soccorso per dolori al petto scambiati per attacco di cuore. Tutto sempre nella norma da eco e tracciato ecg. Tutto inizia un mese fa quando in macchina provo probabilmente un attacco di panico. Ero alla guida quando dal nulla ho avuto tachicardia fortissima, paura di morire, fame d aria. Tremendo. Sono arrivato in discoteca e tutto era passato. Nei giorni dopo sono seguiti altri sintomi tra cui: dolori al petto(lato sinistro), spalla, braccio sinistro, sensazione di sbandamento, fiato corto. Sensazione costante e dolori altalenanti. Dopo qualche giorno , vado in guardia medica dove mi dicono di stare tranquillo Che trattasi di ansia, e che una persona colpita da attacco di cuore non poteva correre 45 minuti di fila. Sta di fatto che i sintomi scompaiono per qualche giorno per poi riapparire. Vado di nuovo a fare un ecocardio ed ecg, tutto nella norma tranne che il dottore rileva “un trascurabile rigurgito tricuspidale” dicendo che io sono nato così, e che il tutto non pregiudica nessuna attività fisica. Preso un po’ dal panico vado a rivedere i vecchi eco e noto che effettivamente già il primo dottore anni fa aveva constatato questa cosa. Il mio medico di base dice di stare tranquillo Che e’ Ansia. Vengo Da un periodo stressante sopratutto emotivamente .
Quello che mi fa preoccupare però e’ che io avverto davvero dei sintomi fisici Che perdurano e mi fanno pensare davvero di avere qualche problema: in particolare ho sempre questo dolore simil oppressivo alla scapola sinistra. Fitte al petto sinistro, sensazione di sbandamento, mancanza d aria con voglia di prendere aria fresca, tachicardia. Li sento davvero e mi chiedo se posso avere una patologia cardiaca o dovrei fare accertamenti ulteriori. Preciso che non ho notato particolare affaticamento negli allenamenti ma la sensazione di sbandamento c’è, quella si. Corro senza avere il fiatone anche se delle volte il fiato mi si accorcia così, senza motivo. Non ho mai assunto psicofarmaci (solo lexotan un paio di volte) e prendo eutirox 50 per Hashimoto, però ho controllato di recente i valori tiroidei ed erano a posto.
Vorrei appunto sapere come comportarmi, se una patologia cardiaca può avere questi sintomi e se sarebbe utile fare ulteriori accertamenti . E’ Il dolore alla scapola sinistra Che mi preoccupa di più, le fitte al petto e la fame d aria che , ripeto, accuso davvero.
Vi ringrazio anticipamente !

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
il ripo di dolori e di sintomi che riporta non sono certo cardiaci.
Mi pare che lei soffra di attacchi di panico, che sono di pertinenza dello specialista psichiatra.

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 488XXX

Grazie per la risposta dottore. Quello che Mi fa preoccupare però e’ la presenza di sintomi fisici come dolore alla scapola sinistra(alle volte brucia), fiato corto, sensazioni di sbandamento. Fiato corto alle volte accompagnato da fame d’aria, e fitte non costanti al petto sinistro, spostate più verso la zona sotto-ascellare. Questo tipo di sintomi possono essere cardiaci? Da un lato penso che problemi e sintomi cardiaci non avrebbero perdurarono per quasi un Mese ma l’insorgenza di questi sintomi mi appare inspegabile. Per questo sono preoccupato.

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Mi pare di averle gia' risposto: paiono dei sintomi da attacchi di panico

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza