Utente 497XXX
Salve. Premetto che non so se questa sia la categoria giusta.
Tutto è iniziato ieri pomeriggio, quando ho iniziato ad accusare dei dolori addominali piuttosto forti; dopo qualche ora, ho avuto due scariche di diarrea e per un po' i dolori addominali sono scomparsi. Sono andata a letto e solo ogni tanto avvertivo il mal di pancia.
Stamattina sono andata di corpo normalmente, non era diarrea, ma ho un sintomo "strano": da seduta non avverto alcun tipo di dolore, solo un lievissimo indolenzimento, ma quando sono in piedi la pancia inizia a farmi male, a 'tirare'. Purtroppo sono anche un po' ipocondriaca e cercando sul web mi sono imbattuta nell'infarto intestinale.
La sintomatologia può corrispondere? Devo preoccuparmi? Soffro, comunque, di reflusso gastro-esofageo.
Se avessi qualcosa di grave avvertirei il dolore soltanto quando sono in piedi o costantemente? E' impossibile fare diagnosi online, lo so ma mi piacerebbe sapere se i miei sintomi possono essere preoccupanti.
Grazie.
Saluti

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Infarto intestinale?
Ma per cortesia non diciamo sciocchezze...

Perche' non un tumore intestinale allora?

Smetta di andare su internet a cercare diagnosi strampalate.
Vada dal suo dottore che visitandole l'addome potra' consigliarla per il meglio.

La saluto
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 497XXX

La ringrazio moltissimo per la sua gentile risposta. Recentemente mi rendo conto di essere diventata ansiosa e ipocondriaca, per questo inizierò un percorso psicologico a breve.
Intanto vorrei farle una domanda sapendo che lei si occupa di morte improvvisa (cosa per cui le faccio i miei più sinceri complimenti): è, ovviamente, un'altra cosa che mi preoccupa.
Pur sapendo che non esiste il rischio zero, quale sarebbe il mio? Mi sono sottoposta due mesi fa ad ecocardio ed elettrocardiogramma, non bevo, non fumo, svolgo regolare attività fisica (passeggiate soprattutto), pressione normale.
Con questi presupposti qual è il mio rischio? Grazie se vorrà rispondermi. A presto.

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Basssimo, come quello dei miei figli.
Ma non zero

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 497XXX

Buon pomeriggio e buona estate, dottor Cecchini.
Mi dispiace disturbarla un'altra volta a distanza di tempo, ma la mamma di un caro amico di famiglia è deceduta improvvisamente (collassando, in apparenza senza che avesse problemi). Si è parlato di arresto cardiaco e basta. A parte che questo ha incrementato le mie ansie che ho appena iniziato a tenere a bada con una terapia ansiolitica, volevo bene a questa signora e voglio bene a suo figlio e vorrei chiederle se la morte improvvisa da' sintomi prima, o se questa signora, come sembra, sia svenuta senza neanche rendersi conto di nulla, neanche, magari, di un'accelerazione dei battiti.
E' così? Il paziente che muore improvvisamente non soffre e non ha il tempo di accorgersi del minimo cambiamento? So che forse a queste domande non si può rispondere, ma conoscendo la sua esperienza mi rivolgo a lei.
Grazie infinite per la disponibilità.

[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
No, non ci sono sintom premonitori.
Il paziente si accascia e se non c e chi massaggia ed un defibrillatore entro i primi 3-5minuti il paziente è perso.

Il paziente non si accorge di niente, perché i pazienti rianimati hanno totale amnesia di cosa sia loro successo.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza