acuto  
Utente cancellato
Gentili Dottori, scrivo a nome di mio padre, 62 anni.

La diagnosi è la seguente:
Infarto miocardico acuto. Angioplastica primaria con stent medicato su interventricolare posteriore. Dislipidemia. Abitudine tabagica.

Mi è stato detto che, grossomodo, l'infarto ha colpito il 45% del muscolo cardiaco e che "potrebbe riprendersi quasi del tutto con un po' di fortuna", cito testualmente.

Mio padre lavora in albergo come maître di sala ma non di rado capita di dover sollevare casse d'acqua e piatti pesanti, oltre a dover camminare e sudare parecchio. Lui al momento è ancora a casa e vorrebbe riprendere l'attività lavorativa. E' una cosa sicura? Che sforzi può sopportare una persona nelle sue condizioni?

Grazie in anticipo e buon lavoro.

[#1] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi

28% attività
8% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2012
L'ideale sarebbe che suo padre potesse fare una riabilitazione cardiologica.
In linea di massima, l'attività di maitre di sala non ha controindicazioni, ma dovrebbe evitare di sollevare pesi come casse di bibite.
Però solo chi lo ha seguito direttamente e ha tutte le informazioni (funzione di pompa, situazione delle altre coronarie, ecc.) può dare un consiglio personalizzato su modi e tempi di ripresa del lavoro. Possibilmente dopo aver fatto un test da sforzo.
E' essenziale comunque che suo padre smetta di fumare!
Dr. Chiara Lestuzzi
Cardiologia, Centro di Riferimento Oncologico (CRO), IRCCS, Aviano (PN)

[#2] dopo  
486078

dal 2018
La ringrazio infinitamente, riferirò tutte le informazioni apprese.