Utente 497XXX
Buonasera...scrivo per mia madre...81 anni....ipertesa...prende parvati 10 + 5 e come anticoagulante xarelto 15 mg...

per tanti anni ha preso il cordarone per la fibrillazione atriale...ma 2 anni fa....a causa di un malore l'accompagnai in ospedale e invece della fibrillazione ( come avveniva sporadicamente ) le riscontrarono la bradicardia e la ricoverarono 3 giorni....durante i quali valutarono l'intervento per il pacemaker...ma poi cambiarono idea....ritenendo come probabile responsabile il cordarone.....il giorno delle dimissioni le ordinarono di non prendere più il cordarone....per quasi 2 anni non ha avuto problemi con la fibrillazione....tanto che io immaginavo fosse sparita....mentre avvertiva e avverte ogni tanto i sintomi della bradicardia...con extrasistoli...ma non ha mai avuto bisogno di intervento medico....un mese fa però....ha avvertito un episodio che io pensavo di bradicardia invece era fibrillazione tanto che l'ho accompagnata in ospedale..è rimasta ricoverata 3 giorni....una volta dimessa...ci hanno detto di non prendere nulla nè per la bradicardia....nè per la fibrillazione....perchè ovviamente se si prende qcs per la fibrillazione....si può andare in bradicardia....ci hanno consigliato un holter ogni tanto........sono preoccupato....siamo preoccupati....perchè ci troviamo in una situazione un po' così...non chiara....se potete cortesemente dare dei consigli....delle opinioni...grazie.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
spesso negli anziani si assiste alla presenza di una f.a. bradicardica .alternata a momenti nei quali la frequenza ventrixolare aumenta.
puo essere difficile talora somministrare dei farmaci per ridurre la frequenza perche il paziente si bradicardizza eccessivamente.
in tali casi puo essere opportuno l impianto di un. PM.
a tale propositto è utile un esame holter per studiare meglio,il comportamento del ritmo

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 497XXX

Grazie Dott. Cecchini....sì....è quello che sapevo... Il problema è che l'holter di un giorno....o massimo 3 non ha quasi mai rilevato bradicardia grave....non le nego che soprattutto la notte ci facciamo prendere dall'ansia e temo che un giorno possa avere un arresto cardiaco..esagero?..non temo tanto la fibrillazione quanto la bradicardia...

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Prima o poi tutti avremo un arresto cardiaco....

Tenga tuttavia presente che non si muore certo per bradicardia; per cio' che riguarda la fibrillazione atriale , se trattata anche con anticoagulanti, e' compatibile con una vita normale per l'eta'.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 497XXX

Buongiorno....ieri ho accompagnato mia madre all'ospedale per la fibrillazione atriale..prima di recarci in ospedale le ho dato una pillola di cordarone....visto il rischio di passare a bradicardia una dott.ssa le ha dato un betabloccante...cardicor 2,5....2 pillole.......stamattina sta male....pressione e frequenza cardiaca basse.....ha la bradicardia......

[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Mi scusi ma c e qualcosa che non torna...lei scrive che per il rischio da passare in bradicardia la dottoressa le ha somministrato 5mg di cardicor?

Non ha alcun senso e non è possibile che sia cosi
Piuttosto lei ha avvertito l’amore dottoressa che aveva somministrato una cpr di Cordarone?

E perche h ha portato,ieri sua madre in PS? Che frequenza ha stamani?
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#6] dopo  
Utente 497XXX

Buonasera dottore....certo che l'avevo avvertita...ieri l'ho portata per fibrillazione.....aveva 129 bpm...la dottoressa disse che era preferibile non darle altro cordarone in flebo....visto che le avevo dato una compressa....e in passato dopo il cordarone ha avuto bradicardia....stamattina pressione e frequenza bassissime....pressione sistolica non arrivava a 80...frequenza....pochissimi battiti al minuto....la dottoressa ieri le somministrò 2 pillole di cardicor 2.5 per farle passare la fibrillazione....e avrei dovuto iniziare questa terapia con una pillola al giorno...da oggi....ma ieri non ero convinto assolutamente....figuriamoci oggi....grazie per le risposte...

[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
La f.a.. non passa certo con il beta bloccante...non so che volume abbia l atrio sinistro di sua madre, ma dato che è molto anziana non vedo possibilita di cardiovertirla con i farmaci e tantomeno con una cardioversione elettrica
Occorre banalmente lasciare la paziente in f.a. Permanente , scoagularla, in questo caso assume Xarelto, e controllare la frequenza della f.a. Per esempio con calcio antagonisti come dilatiate o verapamile, oppure beta bloccanti .
Sarà il suo cardiologo a decoderlo, ma certo non deve somministrare farmaci per conto suo

Cordialita

Cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#8] dopo  
Utente 497XXX

Controllo ecocardiografico: ventricolo sinistro lievemente ipertrofico con conservata funzione sistolica globale ( FE 60%), non alterazioni della cinesi regionale, calcifico l'anulus posteriore, lieve insufficienza mitralica, sezioni destre nei limiti, VCI non dilatata, non versamento pericardico. Aorta ascendente ed arco nei limiti.

Quindi dottore.non ho ben capito.....per controllare la frequenza della fibrillazione....è giusta la terapia giornaliera del betabloccante come mi aveva consigliato la cardiologa dell'ospedale? Oppure da usare alla bisogna in caso di episodio di fibrillazione?...è chiaro che devo consultarmi col cardiologo...che ora è fuori...volevo capire se ha un senso quello che ho scritto...grazie mille..

[#9] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Certo o essere su atomica un beta bloccante , oppure un calcio antagonista commento diltiazem o verapamile , che hanno anche un effetto positivo sul circolo coronarico.

Arrivederci

Cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#10] dopo  
Utente 497XXX

dottore mi scusi di nuovo....cosa vuol dire su atomica un beta bloccante...e comunque beta bloccante o calcio antagonista da prendere giornalmente....me lo conferma? ...,Mia madre comunque prende un antipertensivo...parvati...non so se il calcio antagonista andrebbe a sostituirlo o integrarlo eventualmente...nel messaggio precedente ho riportato il controllo ecocardiogradico...grazie...

[#11] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Scusi , maledetto T9.....
Dicevo puo essere indicato un beta bloccante ...

Il Parvati è una associazione di un Ace inibitore con un calcio antagonista che è amlodipina ? Quest ultima, benché eccellente farmaco per la ipertensione può provocare tachicardia. Quindi l. Impiego di un beta bloccante è ancora più consigliato

Arrivederci .
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#12] dopo  
Utente 497XXX

ok ....quindi un beta bloccante da prendere giornalmente....il cardicor 2,5 consigliatomi dalla cardiologa è un dosaggio giusto secondo lei? .....c'è rischio che la frequenza si abbassi troppo? (bradicardia)...grazie...

[#13] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Questo non lo,posso certo sapere...non lo puo saper nessuno prima di iniziarlo.
Ma smetta di preoccuparsi della bradicardia eventuale perché l’amore paziente è in f.a. , eventualmente modificheranno il dosaggio

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza