Utente 499XXX
Salve e grazie anticipatamente per il vostro operato.
Vi scrivo perchè da qualche giorno sono eccesivamente in ansia rispetto all'esito di un ecocardiogramma.
Ho fatto l'ecocardiogramma in quanto mio padre qualche mese fa ha fatto un intervento al cuore (fortunatamente andato bene) ed ha avuto la sostituzione della valvola sia mitrialica che aortica. Congenitamente aveva una valvola bicuspide ragione per cui ci è stato consigliato, a noi figli, di indagare la possibilità di avere una valvola bicuspide e risulta che la valvola è tricuspide ma ho un leggero soffio (non so dovuto a cosa) ma il cardiologo mi ha detto che non è significativo e che può essere anche normale e che potevo stare tranquillo e che avrei dovuto ripetere l'esame tra qualche anno. Ora dopo mesi da quell'esame mi è capitato tra le mani la diagnosi e mi sono accorto della dicitura "Lieve insuficienza della valvola mitriale" e li iniziano le mie preoccupazioni.

Di seguito vi riporto il referto:

P.A. 130/80 (di solito 120/70)
ritmo sinusale a fc 71/m (forse ero agitato di solito mi sta sui 60 specie da quando faccio sport)
Conduzione AV normale
Ripolarizzazione ventricolare normale

Ventricolo destro nei limiti, TAPS 2,30 mm
Ventricolo sinistro di normale dimensione, con spessori normali (SIV 1,01 cm), senza alterazioni cinetiche.
F.A 8% circa
Atrio sinistro (15 mq)
Aorta BUlbo (2,57 mm)
Setto interartriale senza soluzione di continuo (con i limiti della metodica)
Valvola aortica tricuspide con v massimo transvalvolare di 1,25 m/sec
E > A Pattern mitralico normale
LIeve insufficienza della valvola mitrale
Valvola tricuspide con normale apparato valvolare.

Prima di fare questo esame avevo iniziato una dieta ed ho perso ad oggi 21 chili, a questa dieta ho abbinato attività fisica prima camminata e poi corsa. Attualmente ho 35 anni e peso 95 chili.
Attualmente faccio corsa tre volte a settimana coprendo distanze di 8 km (battiti intorno ai 148) e qualche volta spingo andando con i battiti intorno a 155-160 per coprire una distanza maggiore. Quando corro se sono rilassato non avverto nulla respiro bene e mi stancano un pò le gambe se sn in pensiero come in questi ultimi giorni sento il bisogno di prendere fiato ma continuando sempre a correre. Posso continuare a fare questa attività?O rischio di aggravare l'insufficienza della valvola?è possibile che sia nato con questo difetto valvolare e che questo possa restare immutato o necessariamente diventerà moderato e poi grave? posso fare sforzi?posso continuare a svolgere ogni tipo di attività o devo limitarmi?
Ho letto molte cose su internet e penso che l'ansia la stia facendo da padrone al punto che sento pesantazza al petto e avverto tutti i sintomi che ho letto.
Grazie mille anticipatamente.
Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
lei na 7na ecografia cardiaca normale.
Se pensa di far bene al suo cuore correndo come 7n matto si sbgalia di grosso.
cammini un ‘ ora al giorno

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 499XXX

Innanzi tutto la ringrazio per la risposta...è stato davvero molto gentile. Vista la sua disponibilità mi permetto di farle un'altra domanda...mi sconsiglia di correre per via del range cardiaco che mantengo?io pensavo che non fosse altissimo...onestamente se copro una distanza di 8 km in 60 minuti non mi sento particolarmente stanco non ho nemmeno molto fiatone (e il battito mi si mantiene intorno ai 145-150) mentre se spingo un pò di più per coprire una distanza maggiore avverto stanchezza e faccio l'ora di corsa con fatica. Ma se lei mi dice che è più indicato camminare è logico eseguire questi esercizi. Non vorrei affaticare inutilmente il cuore. Che battiti cardiaci dovrei avere durante la corsa per non sovraccaricare?grazie mille buona giornata e buon lavoro

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
lasxi perdere le tabelle che trova in rete.
La fatica non fa bene ad alcun organismo
Le piramidi i Faraoni le facevano costruire agli schiavi.
Avesse fatto bene faticare le avrebbero costruite loro...

saluti

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 499XXX

chiarissimo...è sempre meglio evitare di affaticare il cuore ma mantenere comunque un pò di esercizio leggero.
Rispetto all'insufficienza lieve della valvola devo avere qualche accorgimento?ho letto di terapie che evitano infezioni o peggioramenti ma il mio cardiologo non mi ha detto nulla in merito...mi ha solo detto che c'era un soffietto ma che non è niente e che dovrei ricontrollare fra 5 anni...leggere su internet mi ha messo mille pensieri e mandato in ansia...grazie davvero tanto per la sua disponibilità e per la sua pazienza...buon lavoro

[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
lei puo condurre un regime di vita normale .
non ha bisogno di alcun accorgimento o terapie particolari

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#6] dopo  
Utente 499XXX

Grazie tante ancora...