Utente 363XXX
Egr. dott. Cecchini, desidererei un suo parere su quanto mi è capitato ieri sera.
Donna. 59 anni. Alle 19,30 comincio ad avvertire un senso di peso al torace, parte alta fin sotto il collo con irradiazione alla mandibola sinistra e un dolore sordo, poco più in basso all’altezza dello stomaco. Stavo All’inizio non gli dò peso più di tanto. Soffro di ansia e attacchi di panico, ho perso da poco il mio adorato fratello, e ho pensato che fosse solo ansia. Decido di cenare. Il fastidio sembrava essersi un po' attenuato e invece poco dopo ricomincia con più intensità; si aggiunge una forte sudorazione fredda e formicolio al braccio sinistro. Prendo una compressa di Xanax ma non passa. A quel punto, e sono le 22,30, decido di andare al Pronto Soccorso.
Non ho fattori di rischio familiari o personali, fumo sporadicamente qualche sigaretta, avevo eseguito prova da sforzo 3 anni fa, risultata nella norma.
ECG (refertato da cardiologo: ritmo sinusale. Fc 62, scarsa progressione delle R V1-V3, nei limiti la ripolarizzazione ventricolare);
ECOCARDIO: aorta ascendente nei limiti alti della norma 37,5 mm, con visualizzazione, dopo la GST, di una neoformazione sessile, mobile, di incerta caratterizzazione, dubbia per FLAP medio-intimale.
Aorta tripartita con minima insufficienza centrale. Arco aortico 22 mm.
Ventricolo sinistro di normali dimensioni, spessori parietali e cinesi miocardica globale e distrettuale. Ventricolo destro nella norma. TAPSE 20 mm. Scollamento sistolico del pericardio a livello della parete posteriore VSn. VCI nella norma.
In considerazione della sintomatologia, dell’assenza di alterazioni ischemiche all’ECG e all’Ecocardiogramma e dell’immagine dubbia in aorta ascendente si consiglia angioTAC per lo studio dell’aorta nel dubbio di una dissezione.
TAC torace con e senza contrasto: l’esame mostra aorta toracica nei limiti della norma per dimensioni, senza evidenti significative alterazioni parietali ed in particolare non si evidenziano segni di dissezione in atto. Modesto versamento pericardico.
ECOCARDIO di stamane: normali dimensioni cavitarie con buona funzione sistolica biventricolare.
Aorta di normale calibro, valvola tripartita con lieve IA.AO ascendente 37 mm.
Placca aortica con riverbero nel lume.
VCI normale.
Pericardio: minimo scollamento posteriore con fibrina.
Esami ematici tutti nei limiti ad eccezione della PCR (38,16 stanotte; 28,55 stamane)
D Dimero =325
Chiedo gentilmente il suo parere su quanto riportato. Tutto regolare?
Grazie sin da ora

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
La TC pare escludere il sospetto, peraltro fondato, di dissezione aortica.
Se l ' ECG fosse stato eseguito durante il dolore, risultando normale, e' difficile che si tratti di una sindrome cononarica acuta.
Se invece fosse stato registrato con il dolore oramai receduto occorre che lei esegua un ECG sotto sforzo.

Per cio' che riguarda invece il D dimero, risultato cosi' elevato e' stata eseguita una emogasanalisi arteriosa? e' stato ripetuto? e' sempre ricoverata? Sta assumendo farmaci?

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 363XXX

Grazie per la celere risposta.
No, il D dimero non è stato ripetuto. I valori di riferimento del laboratorio sono normali se <250.
Nessuna emogas analisi. Mi hanno mandato a casa con la diagnosi di "dolore toracico aspecifico".
Quando è stato eseguito il primo ECG avevo ancora un po' di dolore, poi me ne hanno fatto un altro dopo circa un'ora, sempre considerato normale.
Cosa mi consiglia di fare?
Cordialità.

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Beh se il D dimero e' elevato e c'e' stato un dolore toracico e sudorazione va esclusa una embolia polmonare.

Ne parli con il suo medico per ripetere un nuovo dosaggio del D dimero ed eseguire una emogasanalisi arteriosa in PS

Se vuole ce ne faccia sapere l'esito

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 363XXX

Grazie per le sue sollecite indicazioni. Domani mi reco dal curante e riferisco. Buona serata.

[#5] dopo  
Utente 363XXX

Buonasera dottore.
Stamane ho parlato con il medico di famiglia.
Consultando la mia cartella, è emerso, che anche nel 2015, quando mi recai al Ps per un episodio simile, il d dimero aveva un valore alto (398 su un limite massimo di laboratorio di 250). Non ha dato quindi importanza a questo singolo dato.
Si è orientata invece verso una possibile origine gastrica della sintomatologia, in particolare reflusso gastro-esofageo prescrivendomi Gaviscon Advance per una settimana.
Anche la cardiologa che ha eseguito il secondo ecocardio, non trovando traccia del reperto che ha fatto supporre la dissezione aortica e considerando la normalità dell'eco, a voce mi aveva suggerito di indagare in tal senso, consultando un gastroenterologo.
Approfitto ancora per chiederle il significato di "placca aortica con riverbero nel lume" e che cosa comporta questo reperto.
E da brava ipocondriaca le chiedo: visto tutto ciò che ho riportato sopra, posso stare tranquilla riguardo al mio cuore?
La ringrazio sin da ora per la sua cortesia.

[#6] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
L immagine airtica ecografica è stata smentita dalla TC
Il valore del d dimero va invece giustificato
Una emogas è banale da farsi

Questa è la mia opinione

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#7] dopo  
Utente 363XXX

Proverò ancora con la mia dott.ssa a chiedere questo esame. Dubito che l'avrò vinta, ma proverò.
La terrò informata.
Grazie per la sua attenzione.