Utente 410XXX
Buonasera Dottor Cecchini, approfitto ancora una volta della sua pazienza. Faccio seguito ad un precedente consulto dal titolo "Disfunzione erettile e coronarie".
A distanza di due anni il medico mi ha fatto rifare per controllo un ecocardiogramma ed un eco alle carotidi. Le riporto i referti per un suo parere.

TSA: bilateralmente asse carotideo di calibro regolare, flusso conservato a livello di CC, CE e CI; aree diffuse di iperplasia mio-intimale e note di inspessimento fibroso, più accentuate a livello bulbare/origine della CI bilateralmemte, in assenza di lesioni steno-ostruttive con significato emodinamico o morfologicamente instabili. Tracciato morfologico ed emo-velocimetro NEI LIMITI DI NORMA, QUADRO COMPATIBILE PER ETA' (51 ANNI). Vertebrali e succlavie di calibro regolare, flusso ben rappresentato nelle componenti sistolica e diastolica.

Eco (sintetizzo): iniziale rimodellamento del ventricolo sinistro, lieve ingrandimento atriale sinistro. Onde E ed A parzialmente fuse per tachicardia (E 0,89-A 1,08-E/A 0,82). Due anni fa era stato segnalato un pattern mitralico da alterato rilasciamento, questa volta no, anche se il rapporto E/A non è nei valori (0,9-1,5).

Esami del sangue tutti nella norma, nessun "asterisco" da segnalare.

Pressione da un anno circa sotto controllo (75/115 o più bassa) con Rapipril 2,5/Idroclorotiazide 12,5 al mattino e Ramipril 5 alla sera.

Ex fumatore.

In regime dietetico con calo di peso.

Che significa iperplasia mio-intimale? E inspessimento fibroso? Il medico che ha eseguito l'esame non ritiene necessario ed oggi un test da sforzo. Il rimodellamento concentrico e l'eventuale alterato rilasciamento possono essere in parte reversibili?

La ringrazio tantissimo per una sua eventuale risposta e le auguro una buona giornata.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
"Che significa iperplasia mio-intimale? E inspessimento fibroso?"

Sono il fisiologico invecchiamento della parete delle arterie legato all'eta.

"Il rimodellamento concentrico e l'eventuale alterato rilasciamento possono essere in parte reversibili?"

Diciamo che l'importante e' "mantenere la trincea" nel senso che e' importante non peggiorare.

L'ipertensione e' un nemico che si vince con una guerra di posizione...e non indietreggiare

Sorridera' di questo mio paragone "bellico" ma mi pare che sia calzante

Si tranquillizzi

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 410XXX

Grazie mille Dottor Cecchini. Si, in effetti il paragone è molto calzante e, come dice lei, mi ha fatto positivamente sorridere. Anche di questo la ringrazio.
Un ultima cosa..... Concorda anche lei sul fatto che attualmente non sia necessario eseguire anche un test da sforzo visto l'esito dell'eco TSA? Oppure, data la mia non più giovanissima età, è un esame che conviene comunque fare al fine di verificare, per quanto possibile, lo stato delle coronarie?
La ringrazio nuovamente tanto e con l'occasione, visto che siamo ormai a fine luglio, le auguro buone vacanze.

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Un paziente di più di mezza eta ed in sovrappeso dovrebbe eseguire un test da sforzo ogni paio di anni

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 410XXX

Seguirò il suo consiglio e lo farò senz'altro. Grazie ancora per la sua gentilezza e professionalità. Buona estate.