Utente 146XXX
Buongiorno, vi scrivo per ottenere delle informazioni in quanto mi ritrovo in un momento di totale confusione.
Settimana scorsa Sono stato dal cardiologo in quanto a seguito di una visita nella quale mi era stato diagnosticato
un lieve prolasso mitrale con rigurgito mi era stato detto di fare tranquillamente sport.
Purtroppo però, dopo un'uscita nella quale ho spinto molto e forse troppo senza essere allenato ho avuto alcune
extrasistoli a coppie che si presentavano nel momento di massimo sforzo, per poi sparire con il diminuire dei battiti.
Una volta riferita la vicenda al cardiologo mi sono state messe davanti le peggiori ipotesi, facendo anche dei
riferimenti ai vari calciatori morti a causa di alcune patologie congenite.
Purtroppo quell'evento è successo un'altra volta sempre durante il massimo sforzo. Ho notato che sono successe
entrambe a seguito di esercizi a corpo libero (flessioni e corsa intensa) nella quale a mio parere ho esagerato.
Nelle ultime uscite di corsa leggera non si sono mai più presentate.
Ho notato che normalmente le extrasistoli da prolasso mitrale mi si presentano: a riposo con battiti del cuore che
stanno sotto ai 50 bpm , mentre mi masturbo ed alcune volte quando inspiro velocemente (forse questo accade
avendo ritmo sinusale?). Alcune volte percepisco un battito doppio e altre volte salta totalmente.
Secondo un cardiologo le extrasistoli avute sotto sforzo erano le stesse avute a riposo e secondo un altro
cardiologo la cosa non è possibile.
A seguito della preoccupazione del medico mi è stato fatto immediatamente ecg (negativo), ha solo evidenziato
ritmo sinusale e pensava avessi confuso le extrasistoli sotto sforzo con il mio normale ritmo. Impossibile!
Nel 2017 mi era stata fatta ecografia al cuore con colore dove è stato evidenziato il lieve prolasso e anche "residui
embrionali" su atrio destro (vado a memoria).
Credo siano stati effettuati altri 2 eco al cuore in pronto soccorso sempre negativi.
Ho già eseguito holter 24 ore completamente perfetto.
A seguito dell'ultima visita mi è stato consigliato anche test da sforzo che non ha evidenziato aritmie ed i risultati
sono stati 93% della FC Max a 200 Watt. Dicendomi che il test era eccellente.
Ora ho comunque prenotato anche risonanza magnetica, vi chiedo: posso praticare sport nonostante quegli episodi
avvenuti sotto sforzo. Dai vari medici mi è stato detto che non necessito nemmeno più di risonanze dopo che mi
erano state messe le peggiori ipotesi...che ne pensate?
Basta veramente un test sotto sforzo negativo a togliere tutti i dubbi?
I residui embrionali possono indicare una qualisasi caridopatia?
Sto inoltre passando un periodo in cui ho una stanchezza assurda e nonostante analisi del sangue, rx torace ed
eco addome è emersa solo una passata mononucleosi. Il problema di questa stanchezza è che la percepisco così
forte che il cuore sembra faticare a tenermi in piedi (infatti finisco sempre per dormire). Che ne pensate?

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Io penso che lei abbia dei notevoli problemi di ansia
Però se vuole mi invii via mail gli esami che ha eseguito
Completo di nome cognome data e luogo di esecuzione ( ufficiali)

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza