Utente
Cortesi dottori,
mio padre, 76 anni, soffre di ipertensione e di IRC. Per la prima assume Karvea 300mg e Cardura 2mg, oltre al Lasix a gg alterni (per cercare di preservare i reni) con la massima che oscilla tra 130-140. Per la seconda (ClCr che oscilla tra 25 e 30) assume Zyrolic 300mg e Rocaltrol 0,5 entrambi a gg alterni.
A partire dal 2006 ha avuto n.3 fenomeni di Fibrill. Atriale, l'ultimo a fine 2017. Solo a partire da Giugno 2018 mio padre assume un anticoagulante (Lixiana 30mg) mentre fino a quel momento (per anni quindi) ha assunto la cardioaspirina (erroneamente consigliato dal precedente cardiologo aggiungerei).
Il punto è che a distanza di qualche mese dall'assunzione di Lixiana sono iniziati gli effetti collaterali: sangue nelle urine (avendo subito a Maggio 2018 un intervento alla prostata tali fenomeni ci dicono essere ancora più frequenti). dolori addominali e sanguinamento oculare. Quest'ultimo è ormai costante da diverse settimane mentre i primi, per fortuna, sono meno frequenti anche se ovviamente preoccupano di più.
Inoltre anche la funzione renale che sembrava inizialmente stabile è leggermente peggiorata nelle ultime analisi.
La mia domanda è la seguente: considerando che i fenomeni di F.A. sono molto sporadici e che per diversi anni mio padre è stato scoperto di anticoagulante (assumendo addirittura un antiaggregante in suo luogo) laddove gli effetti indesiderati del Lixiana dovessero accentuarsi e la funzione renale indebolirsi ancora, ritenete assolutamente sconsigliata la sospensione dell'anticoagulante? Parlo di sopensione perchè l'alternativa del Coumadin, avendo effetti indesiderati (dicono e leggo) ancora superiori, vorrei davvero evitarla.
Posso immaginare la Vs. opinione in merito ma un eventuale assunzione di integratori con potere anticoagulante tipo Curcudyn, sarebbe completamente da evitare?
Grazie molte per un vostro feedback.
Cordiali Saluti.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Innanzitutto l'uso del LAsix in pazienti anziani con ridotta funzione renale (almeno cosi' mi pare di capire, anche se lei non indica il valore della creatinina e della'azotemia, e neppure del filtrato glomerulare) e' controindicato.
Cosi come sono controindicati i sratani (Karvea) ed anche lo Zyloric (nefrotossico).
Questi pazientio debbono essere incoraggiati a bere almeno 1,5 litri di acqua al di che e' l'esatto contrario di somministrare diuretici.
Anche il Lixiana non e' il piu' indicato tra ui nuovi antiocoagulanti orali nei paziernti con prblemi renali (il piu' indicato tra questi e' Apixaban ).
Se la funzione renale, che non conosco, fosse estremamente ridotta il Coumadin sarebbe il piu' indicati.

Che poi , in corso di antiicoagulante si manifestino emorragie di tipo minore, va messo nel conto.
D' altra parte pazienti come suo padre, con la storia di f.a. parossistiche sono a rischio tromboembolico notevole, con conseguenze purtroppo spesso disastrose.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
Cortese dottor Cecchini,
la ringrazio per la risposta ed integro i dati mancanti.
La Clearence della Creatinina da ultimi esami (di fine Marzo) è di 26,4 ml/min (era 27,5 a Dicembre), la creatinina 2,7 (è stata stabile a 2,4 per molti mesi). L'azotemia è salita anch'essa a 116. La proteinuria 24h è 1488. Aggiungo che nelle 2-3 settimane prima di questi prelievi mio padre si è sottoposto ad una cura di antibiotici e punture per una forte influenza che non passava ed aveva anche sostituito momentaneamente Lixiana con l'eparina a causa del sanguinamento continuo nelle urine. I primi di Maggio effettueremo nuove analisi.
Per quanto riguarda Karvea, in passato abbiamo provato altri farmaci ma ognuno aveva più contro che pro. Con Triatec la pressione restava sempre elevata (massima anche otre 160), inoltre la proteinuria 24h saliva a 3000 e si manifestavano molti dolori articolari e gonfiori. Anche con Triatec 5mg la pressione restava molto alta. L'unico antipertensivo con cui la pressione è sotto controllo, la proteinuria 24h è scesa anche a 700mg/24h e la creatinina è rimasta su valori accettabili è Karvea.
Abbiamo provato ad eliminare completamente il lasix ma la pressione sale un pò troppo, consideri che mio padre beve quasi 2lt di acqua ogni giorno.
Cosa mi consiglia di fare?
Cordiali saluti

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Di sostituire karvea con nifedipina e se necessario aggiungendo clonidina anche un cerotto .
Spero che gli antibiotici non siano stati cioriflixacina o derivati perché sono nefrotossici

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#4] dopo  
Utente
Cortese dottore,
non ricordo con esattezza ma mi sembra abbia assunto un tipo diverso (il ns medico di base è a conoscenza della IRC).
La ringrazio molto per il suggerimento che condividerò subito con mio padre. C'è anche un dosaggio che suggerisce?

Aggiungo solo una piccola errata corrige: ho menzionato 2 volte il Triatec ma nel primo caso si trattava del Norvasc.

Cordialmente

[#5]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Il Norvasc è indicato non questo caso
Non è un errore da poco

Lei mi chiede un dosaggio ma non si di cosa è poi per regola del
Sito non possiamo prescrivere terapie .
Ma sconsigliarle si!
Tolga di mezzo Lasix e Zyloric

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#6] dopo  
Utente
Buongiorno dottore,

si mi riferivo al dosaggio di nifedipina e clonidina, ma certo comprendo le regole del sito, va benissimo così.

La ringrazio ancora ed eventualmente approfitterò ancora della sua disponibilità dopo le prossime analisi.

Cordiali saluti