Utente 558XXX
Buon pomeriggio gentili Dottori,
Vorrei chiedervi alcune informazioni riguardo la pressione arteriosa: sto auto-misurando la pressione da molti mesi in quanto tempo fa mi sono imbattuto in un articolo sull'ipertensione arteriosa e ai danni che potrebbe provocare se non curata ed, essendo un tipo molto ansioso, ho cominciato costantemente a misurarla. Durante tutte queste misurazioni che ho effettuato, ho riscontrato che al mattino appena sveglio la pressione è perfetta (range di sistolica da 120 a 133 mmHg; range di diastolica da 78 a 84 mmHg). La sera, invece, i valori tendono un po' ad aumentare: la sistolica va dai 130 ai 135 mmHg e in pochi casi ho riscontrato valori di 140- 142 mmHg e la diastolica da 82 a 88 mmHg e in pochi casi a 90-92 mmHg.
Detto ciò, volevo chiedervi se c'è da preoccuparsi, oppure se questi valori entrano nella norma dato che ho letto che è normalissimo che a volte le persone presentino dei valori di pressione un po' elevati.
Inoltre, vorrei chiedervi se è vero che l'ipertensione curata costantemente con una adeguata pillola anti-ipertensiva non può arrecare alcun danno.
So che per avere prove certe dovrei effettuare un holter pressorio, ma ora non ne ho la possibilità.
Attendendo un vostro parere, Vi auguro una buona giornata.
Mille grazie.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
sono dei valori perfettamente normali
nessuna preoccupazione

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 558XXX

Grazie mille per la risposta, Dottore.
Volevo chiederLe un'ultima informazione sempre al riguardo dell'ipertensione, ma questa volta riguardante mio padre: è ipertesto da più di 20 anni e, dallo stesso tempo, è in cura. Non fuma, non beve e pratica regolarmente sport (ciclismo). Da un po' di tempo, la pillola antiipertensiva che assume, non sta dando più i suoi effetti e la pressione risulta alta. Il suo cardiologo ha cambiato la pillola e, a detta del cardiologo, dovrà aspettare un po' prima che la nuova pillola faccia effetto.
Detto ciò, vorrei chiederLe questo: se per un piccolo periodo di tempo la pressione risulta alta, come sta accadendo a mio padre in questo periodo, è pericolo? Vari giorni di pressione alta possono arrancare danni gravi alla salute? Oppure, come ho letto spesso, l'ipertensione può creare danni solo se non curata per un periodo di tempo molto lungo?
Mille grazie.
Cordiali saluti.

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
l ipedtensione crea danni negli anni, nei decenni

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 558XXX

Buonasera e grazie per la risposta, Dott. Cecchini.
Le chiedo scusa, ma mi sono accorto di non essermi spiegato bene: intendevo dire se l'ipertensione può creare gravi danni anche quando è alta per un periodo di tempo più o meno breve (10-15 giorni).
Le chiedo ciò, perché mio padre (ipertesto) da una ventina di giorni presenta una pressione alta. Ha cambiato già la pillola, ma tutt'ora essa non accenna a diminuire. Molto probabilmente, la pillola che sta assumendo non è adatta a lui e di questo ne sono consapevole. Ciò che mi preoccupa è la pressione alta che a volte presenta per una quindicina di giorni quando deve effettuare il cambio di terapia.
Ecco, questo periodi di 15-20 giorni di pressione elevata, per poi nornalizzarsi quando la nuova terapia comincia a dare i suoi effetti, può provare danni irreparabili?
Mille grazie.
Cordiali saluti.