Utente
Egregio Dottore, buon pomeriggio.
Le scrivo per raccontarle un fatto assurdo che mi è successo oggi. Mi trovavo in vaccanza a Malta, dopo ever fatto colazione, salgo in camera e mi inchino per allaciarmi la scarpa quando all'improvviso mi parte il cuore. Comuncia a battere all'impazzata e in maniera assolutamente irregolare. Cado nel panico e gli amici chiamano l'ambulanza. Finisco al pronto soccoso dell'ospedale mater dei.
Il referto è: atril febrilation.
6 ore di febrilazione.. . io ero totalmente spaventato ma il cardiologo mi diceva di stare tranquillo che sono episodi molto comuni e che non mi sarebbe successo nulla.
Mi stavano sondando contnuamente e mi hanno fatto le analisi del sangue che poi si son rivelate ok, anche se non so cosa mi hanno fatto.
Hanno aspettato che terminasse da sola sennò mi avrebbero dovuto fare qualcosa del tipo uno shok, ma fortunatamente, dopo 6 ore è passata, mi hanno dato una pillola di un farmaco chiamato atenolol 25 e mandato a casa.
La pressione è sempre stata bassa, sui 120/80 e la frequenza non superava mai i 200.
Li capivo molto poco ma fortunatamente il mio amico traduceva tutto.

Il referto è questo, è in inglese e spero che lo capiate:

Mr xxxx presented to the ED and was noted to be in atrial fibrillation, 170 bpm on ECG.

Patient was kept on a cardiac monitor and was planned to be cardioverter, however the patient was then noted to convert back to normal, sinus tachycardia, 112 bpm roughly 6 hours after the first EGC was taken.

The patient was given a stat dose 25 mg of atenolol and discarged with a daily prescrition of 25 ml atenolol and advised to seek cardiological advige back home. Patient was advised to come back to ED in case of repeat symptoms.

in poche parole, devo prendere questo betabloccante e appana arrivo a casa, informare il mio cardiologo che fortunatamente questa mattina ha parlato con i medici del pronto soccorso che gli hanno detto che non era nulla di grave ma che devevo essere monitorato.

Il succo della questione è:
cari dottori, sicuramente avrete letto tutti i miei consulti da ipocondriaco,
Nella mia vita ho fatto decine di elettro, eco, 4 holter, prove da sforzo e addiruttura sono arrivato a fare la RM cardiaca. Ho sempre avvertito battiti irregolari, mai evidenziati negli esami, al massimo 3 o 4 battiti ectopici sopraventricolari, ma stamattina è stata l'apoteosi delle mie sensazioni cardiache.
Son quasi 25 anni che sto facendo analisi perchè percepisco non solo battiti irregolari ma anche come battiti tipo mitra, 4 o 5 assieme e poi regolare.
Sono molto spaventatato, potete capire come mi sento. I medici di Malta sono stupendi, amichevoli, mi hanno consolato e fatto capire che era tutto sotto controllo pero ora mi sento molto male psicologicamente.
Dopodomani torno a Roma e il mio cardiologo ha detto che m imnada da un professore di Mestre numero uno in Italia.
Perchè è successo questo? Adesso posso stare tranquillo? Vi ringrazio in anticipo per la risposta.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
I medici di Malta saranno anche bravi come dice lei, ma l hanno lasciata in f.a. per 6 ore invece di tentare una cardiooversione farmacologica od elettrica. Spero almeno le abbiano fatto eparina sotto cute. Inoltre un paziente che ha avuto una f.a. parossistica non si dimette senza una inieziome di eparina al giorno, per qualche giorno, ne' tantomeno con una dose da criceti di atenololo ( sbagliata di per se anche come posologia nelle 24 ore)
Inoltre l inglese della lettera di dimissione è realmente penoso. Quasi fosse scritto da un italiano che ha studiato alla Cepu, non certo da un madre lingua inglese.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente
Egregio dottore, a me hanno detto che avevo mangiato da poco e non era indicato fare questa inversione, non so perché.

Quindi mi hanno detto che stavano aspettando che finissi la digestione.
Però si è risolta prima.

Oltre alle analisi del sangue non mi hanno fatto nulla!

Ma dopodomani torno a casa e poi vado dal mio cardiologo.
Mi ha detto che ha un collega di Mestre specializzato in aritmie.

Comunque la sua risposta mi ha un po' spaventato.

Cosa mi consiglia Di fare?
La ringrazio.

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
lei è di Roma , ci sono fiori di cardiologi nella sua città capaci di trattare banali casi come il suo.
Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio infinitamente.Oggi infatti tornerò a Roma e farò dei controlli.

Senta, vorrei farle una domanda. Come lei avrà visto da innumerevoli consulti, ho fatto tutto ciò che si poteva fare come controlli al cuore, ma nonostante tutto ieri ho passato una giornata da dimenticare.

Come è potuto succedere questo?
Stavo tornando da colazione, mi sono inchinato per allacciare la scarpa e quando mi sono alzato é scoppiata questa cosa.

Non mi capacito dì ciò è sono molto turbato.

Oggi comunque partirò e mi faró vedere.
Secondo lei potrei stare tranquillo prendendo il beta bloccante?

La ringrazio molto e le auguro buona giornata.

[#5]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
l atenololo serve a poco per evitare le,recidive di f.a. .
Ci sonomfsrmaci più indicati con la flecainide ed il propafenome .Le verrà eseguito un ecocolordoppler cardiaco per valutare volumi e contrattilità cardiaci
arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#6] dopo  
Utente
Egregio Dottore, buona sera.
Le scrivo per comunicarle degli aggiornamenti.
Ho effettuato due visite cardiologiche successive all'episodio di fibrillazione atriale. La prima visita l'ho fatta con il mio cardiologo di Roma, con il quale ogni anno effetuo il test da sforzo. Gli ho parlato di questo evento che mi ha spaventato e mi ha rassicurato che son cose che possono venire a chiunque.
Mi ha fatto un elettrocardiogramma e un Eco confermando che il cuore non presenta patologie. Avevo fatto un eco e una RM anche qualche mese prima con esito negativo.
Questo il risultato: Azione cardiaca ritmica, toni validi, non rumori di soffio patologici. Non stasi polmonare, non edemi declivi. PA: 115/70.
Rismo sinusale. Frequenza 72 bt/m.
Normale conduzione atrio-ventricolare. Ripolarizzazione ventricolare sin. nella norma.
Si consiglia ci continuare terapia con Atenololo 25.
In caso di nuovo episodio di FA, prendere Rytmonorm 300 e aspettare due ore, in caso di persistenza aggiungere mezza compressa e aspettare altre due ore, dopodiche, recarsi al pronto soccorso.

Dopo questa visita, di mia spontanea volontà, mi son documentato su un bravo aritmologo e son finito dal Responsabile di CardioAritmologia del San Camillo Forlanini.
Ho fissato un appuntamento e gli ho parlato di tutto cio che mi era successo e delle mie extrasistole da quasi 24 anni. Gli ho fatto vedere tutti i referti dal 2017 a oggi .

Mi ha subito rincuorato, affermando anche lui che son cose che possono capitare a chiunque senza neccessariamente avere una patologia. E' perfettamente d'accordo con la terapia, sia di Malta che del mio cardiologo (Atenololo 25). Dopodiche mi ha fatto una visita e mi ha speigato dettagliatamente con dei disegni cosa è successo al mio cuore sia con le extrasistole che con la FA. Devo dire che è stato l'unico a farmi un disegno talmente perfetto che sembrava un ecografia. Mi ha spiegato da dove partolo gli impulsi elettrici, coem si propagano al cuore... insomma una lezione di aritmologia come nonl'avevo mai sentita.
Questo il risultato:
La valutazione odierna documenta quanto segue:
Azione cardiaca ritmica, lieve sdoppiamento del I tono, assenza di stasi giugulare o periferica. Reperti obiettivi polmonari nei limiti della norma. PA 115/65.
ECG: Ritmo sinusale regolare 65 bt/m, asse elettrico e tempi di conduzione nella norma. Presenza di lievi alterazioni della ripolarizzazione ventricolare.
Si suggerisce di integrare la presente valutazione con una visita gastroenterologica.
Mi ha detto che posso e devo assoluamente svolgere attività fisica, che posso condurre una vita normale e nel caso di recidiva (cosa per lui improbabile), aspettare a casa e prendere la terapia senza affollare il pronto soccorso per cose non pericolose.

Una cosa però non gli ho domandato e mi rivolgo corsialmente a lei:
cosa vuol dire sdoppiamneto del I tono e live alterazione delle ripolarizzazione?
E' segno di qualcosa o una semplice caratteristica del mio tracciato?
Vorrei sapere inoltre un suo gentile parere!

La ringrazio e le auguro buona giornata.

[#7]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
lo,sdoppiamento del II tono è un reperto auscultatorio privo di significato patologico.
Per alterazione aspecifiche della fase di ripolarizzazkne si intendono appunto modificazioni non patologiche dell Ecg

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#8] dopo  
Utente
Egregio Dottore, la ringrazio vivamente per la sua risposta.
Volevo farle un ultima domanda.
Ho letto il bugiardino dell' atenololo 25 e dice che serve anche per abbassare la pressione.
Io non ho mai avuto problemi di questo genere...al contrario la mia pressione é sempre bassa, intorno a 110/115 la massima, e 65/70 la minima.
Ci possono essere ripercussioni sull' mia pressione?
La ringrazio in anticipo e le auguro buona giornata.

[#9]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Non certo a quei dosaggi da canarini

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza