Utente
Salve
Generalmente quando misuro la pressione arteriosa lo faccio per 3 volte a distanza di 3 minuti e la prima è sempre compresa tra i 140/145 80/85, per poi scendere successivamente a 120/130 70/80.
(anche meno durante i periodi caldi).

Ho eseguito negli ultimi due anni 2 visite cardiologiche complete (medici differenti) che non hanno riscontrato nulla che rilevi dal punto di vista medico.

Ho eseguito inoltre un holter 24 ecg con frequenza cardiaca media di 75 e assenza di anomalie.
A breve farò anche un holter pressorio.

Analisi del sangue perfette.

Bevo 2, 5 litri di acqua al giorno, non bevo Alcolici tranne qualche birra o qualche bicchiere di vino ogni tanto, ho smesso di fumare da qualche mese e pratico ciclismo a buoni livelli 3 volte a settimana.

Premetto che assumo eutirox 150 ogni giorno in conseguenza di una tiroidectomia totale per neoplasia tiroidea.

Nella mia famiglia ci sono ipertesi (I nonni e la mamma).


Le domande sono: È normale avere la prima misurazione della pressione arteriosa sempre più alta di quelle successive?

Inoltre pur avendo i valori tiroidei entro il range ma con tsh soppresso è possibile che questo rialzo sia dovuto al farmaco?

Sicuramente sono un tipo emotivo e talvolta quando misuro la pressione lo sono ancora di più.


Grazie per l'attenzione

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
I suoi valori pressori paiono normali e l' Holter pressorio gleilo confermera'.
La terapia con Eutirox e' ininfluente

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la pronta risposta
A presto

[#3] dopo  
Utente
Mi scusi Dottore, ne approfitto per una ulteriore domanda.
Il ciclismo amatoriale, praticato 2 o 3 volte a settimana per circa 1 ora e mezza ad uscita su percorso misto (salita-pianura-discesa) che effetti ha sull'apparato cardiovascolare?
Ho letto pareri in cui si parla di effetti negativi a lungo termine sul cuore.lPraticamente i ciclisti professionisti che macinano km su km, salite su salite rischiano di "usurarsi"?

[#4]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
I ciclisti professionisti rischiano l'ipertrofia miocardica e quindi un aumento notevole del rischio di morte improvvisa aritmica.
La bicicletta usata per divertimento senza pretendere troppo da noi stessi fa solo bene
La fatica non fa mai bene, nessun animale fa fatiche inutili
E le piramidi sono state costruite dagli schiavi e non dai faraoni.
Avesse fatto bene faticare le avrebbero costruite i faraoni

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#5] dopo  
Utente
Chiarissimo
Grazie mille