Utente
Buonasera, ho già richiesto un consulto simile lo scorso anno ma il thread è stato chiuso
Sono un uomo di 46 anni, sportivo, normopeso, non fumatore, vita sana.


Mi allenavo regolarmente ed ho corso diverse mezze maratone e maratone negli ultimi anni.

Da aprile 2017 ho avuto diversi episodi di sincope, senza svenimento, con tachicardia, senso di oppressione al torace, mancamento.

diversi ingressi al PS, tutti catalogati come Benigni.

Frequenti anche i dolori retrosternali e fiato corto.

Ho effettuato molteplici visite cardiologiche, eco cardio, test da sforzo, holter e pneumologiche, mai rilevato nulla di anomalo...
Nell’ultimo anno i sintomi sono più accentuanti, quasi costantemente, se faccio sforzi, avverto questo peso allo sterno prevalentemente a sx, , senso di oppressione, dolori in zona cuore, fiato corto.

Oltre agli esami sopra indicati negli ultimi 7 mesi ho fatto 3 ingressi al ps con ecg ok e enzimi nella norma, 2 ecg sotto sforzo, eco doppler, eco stress, TC coronarica e RM cuore, tutte con esito negativo.

Ho fatto anche indagini gastroenterologiche, inclusa gastroscopia, ph impedenzomanometria, ecc che hanno escluso problemi all’esofago o allo stomaco se non una piccola ernia iatale di 3cm, sono in attesa di Rx con bario per verificare remota possibilità di ernia iatale paraesofagea.

Esami del sangue sostanzialmente ok se non per il colesterolo un po’ alto.

Pressione negli ultimi mesi, a mio avviso per la ridotta attività sportiva, alta nel valore minimo, intorno a 90, con punte a 95
Per tutti i cardiologi che mi hanno visto non ci sono indicazioni patologiche, però la situazione è in continuo peggioramento, non so veramente più come gestire la cosa.

Sono passato in pochi mesi da correre una maratona a faticare a salire due rampe di scale
Ringrazio anticipatamente per eventuali suggerimenti
Saluti

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gia' in passato ler avevo consigliato una scintigrafia miocardica.
La ha eseguita?

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
Salve Dott. Cecchini, purtroppo i 3 specialisti a cui mi sono rivolto hanno ritenuto la scintigrafia non necessaria in quanto esame dall’esito non sempre attendibile (mi hanno tutti parlato di frequenti falsi positivi) e che non avrebbe aggiunto particolari informazioni rispetto a tutte le altre indagini fatte.
Resta il fatto che ad oggi, pur avendo effettuato tutti questi accertamenti, non ho minimamente risulto il problema. La pressione alta potrebbe contribuire a questi sintomi, premetto che durante la prova da sforzo la minima si abbassa rispetto allo stato di riposo
Saluti

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
quindi più che consigliarle la scintigrafia miocardica da sforzo per l ennesima volta cosa dovrei fare ?

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#4] dopo  
Utente
Dott. Cecchini, il suo consiglio mi è chiaro e non dubito della sua professionalità. Sfortunatamente 3 suoi stimati colleghi mi hanno dato un riscontro negativo sulla scintigrafia e si sono rifiutati di prescrivermela, tutti con la stessa motivazione.
Scrivo su questo forum per trovare una soluzione al mio problema, non ho nessuna intenzione di fare polemica, magari ci sono suoi colleghi, anche di altre aree, che possono indirizzarmi.
Cordiali saluti