Utente
Buonasera sono un ragazzo di 22 anni.
Sono studente universitario di medicina e passo quindi (soprattutto in questo periodo) praticamente tutto il tempo a casa.
L'anno scorso mi era già capitato di avvertire per un periodo la sensazione di 'fame d'aria' e già precedentemente mi era stato prescritto un hotel cardiaco per alcune extrasistoli ma si era poi ridotto tutto allo stress e la situazione era rientrata.
Vi scrivo in quanto nell'ultimo periodo (2 mesi circa) avevo avvertito alcune difficoltà a 'riaddatarmi' agli allenamenti di calcio da un punto di vista del fiato nonostante comunque, a parte la sola attività di pesistica saltuaria degli ultimi, sono sempre stato un ragazzo sportivo.
Il vero motivo per cui scrivo è però che attualmente mi è ritornata la dispena di cui parlavo prima, alla quale si è però aggiunta anche una tachicardia.
Quando sono sdraiato sto normale sui 60/70 battiti, salgono a 80 da seduto ma quando sono in posizione ortostatica salgono anche oltre i 110.
E non solo per i primi secondi come avviene fisiologicamente.
Anche dopo alcuni minuti in piedi di semplice 'passeggio' in casa sono oltre i 115/120 battiti al minuto, ai quali si sommano questi respiri profondi e in alcuni casi anche gambe deboli.
Come pensate debba comportarmi?
Può trattarsi di POTS?
Aggiungo che la misurazione dei battiti la faccio con saturimetro e che la saturazione è sempre normale (97/99%). Discorso analogo per la pressione. 125/80 che si abbassa (stasera intorno ai 105/75) ovviamente se misurata con braccio sollevato dopo essermi alzato.
Grazie mille a tutti
Buona serata

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
a mio avviso converrebbe che lei cambiasse facoltà
glielo,consiglio.
non può pensare di fare il medico con queste ossessioni

faccia lei
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso