Utente
Salve a tutti, purtroppo sto vivendo in una situazione infernale da ormai 8 mesi.
Come sapete penso sono un ragazzo di 19 anni, come si evince ansioso e cardiofobico credo.
Ci tengo a dire però che questi sintomi io li ho davvero e purtroppo non mi riesco a dare una risposta, non riesco a capire come faccia ad essere solo ansia.
Voglio scoprire se c è qualcosa in più e cercherò di essere il più preciso possibile nel raccontare i miei malanni.
Tutto inizió con un strana tachicardia, sentivo anche un forte cardiopalmo dopo mangiato ma dopo essermi misurato la pressione ed aver visto che i battiti alla fine erano 101 (non un numero troppo eccessivo) , mi sono tranquillizzato.
Da lì il calvario però...dolori, fitte e fastidì al petto, cardiopalmo almeno 20 h su 24 e batttito accelerato in alcune situazioni, ero depresso non avevo più voglia neanche di mangiare o di uscire di casa.
Sicuramente il periodo della quarantena secondo me ha influito sulla mia psiche, così dopo un forte attacco d ansia e stufo di vivere nel dubbio mi sono recato al p.
s dove con un elettrocardiogramma e gli enzimi dopo aver valutato la mia storia clinica mi hanno detto che era tutto ok e anzi che ero solo ipocondriaco anche se L attacco aveva causato una piccola aritmia, giudicata da loro normalissima, non mi hanno consigliato neanche una visita cardiologica.
Così ho effettuato anche le analisi del sangue e della tiroide che sono risultate perfette de non un peso specifico delle urine leggermente più alterato.
Il mio medico sostiene che io sia sano e che non abbia disturbi e non mi ha voluto segnare altri esami... io sono stufo di vivere con queste palpitazioni che si, sono regolari ma molto molto fastidiose e si accentuano sempre dopo i pasti in più sono anche stufo di vivere monitorando il mio battito per la paura di morire per una qualche patologia cardiaca, ho smesso persino di fare sport, ho fatto visite annuali per questo ed è sempre stato riscontrato un cuore sano, anche se ormai non faccio più sport da 3 anni.
Vi prego sono stufo di sentirmi un malato immaginario, tutti mi dicono che sia ansia, ma nei momenti in cui io sto meglio avverto sempre qualche disturbo, inoltre.
Io non ho malattie ereditarie in famiglia, non so non iperteso né tantomeno diabetico e la mia pressione è quasi sempre buona...fumo 5 sigarette al giorno ma sto cercando di eliminarle del tutto...cos altro posso fare per stare meglio?

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
L' unica cosa che le farebbe stare meglio e' mettersi nelle mani di uno psicoterapeuta di sua fiducia

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
Quindi secondo lei non devo approfondire con un ecocardiogramma (ultima volta fatto 5 anni fa tutto perfetto),, si sarebbe visto se avessi avuto una malattia congenita? In più è possibile che soffra di reflusso perché dopo pranzo sento le palpitazioni frequentemente e delle volte mi capita di digerire male..

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
rilegga la mia risposta, per cortesia

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#4] dopo  
Utente
Buona sera dottore, volevo aggiornarla su un fatto, purtroppo una mia conoscente, 19enne come me, é deceduta per un arresto cardiaco proprio ieri sera, sono shoccato tutt ora è sino entrato in ansia.. la ragazza aveva però già avuto qualche problema diagnosticato da piccola al cuore..dottore io ho paura che quando sono andato al ps, circa 5 mesi fa e ho fatto elettrocardiogramma ed enzimi non abbiamo badato molta attenzione al mio problema poiché era in piena tempesta Covid, i miei disturbi a volte ci sono ancora e tutto ciò mi fa stare male, dall elettrocardiogramma è possibile vedere se ho magari una malattia congenita oppure vedere se soffro di una Brugada o la sindrome del QT lungo, si sarebbe visto? Se ci fossero stati problemi gravi mi avrebbero ricoverato o consigliato visite più specifiche?

[#5] dopo  
Utente
Spero tanto qualcuno di voi mi risponda egregi dottori

[#6]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile utente,

una sindrome di Brugada e QT lungo sarebbe certo stata vista al PS.

Si tranquiullizzi pertanto
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#7] dopo  
Utente
Grazie per la risposta dottore, ma se sarebbe emerso qualcosa mi avrebbero consigliato esami più approfonditi invece di una semplice Tachipirina al bisogno

[#8]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
La diagnosi di Brugada e ti QT lungo si fa con l' ECG che lei ha eseguito e che e' risultato normale

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#9] dopo  
Utente
Quindi dottore se anche fosse emersa una aritmia grave come fibrillazione atriale dovrei essere stato ricoverato?