Utente
Buon giorno.
In data 1 ottobre 2020 ho effettuato una RM con mezzo di contrasto a seguito di una richiesta del mio medico di famiglia.

I risultati sono:
VENTRICOLO SINISTRO: DTD 39 mm; DTS 28 mm; VTDind 59 ml/m2; VTSind 21 ml/m2; FE 64%; GS 69 ml; Massa ind.
52 gr/m2;
VENTRICOLO DESTRO: VTDind 57 ml/m2; VTSind 15 ml/m2; GS 77 ml; FE 74%
ATRIO SINISTRO: 74ml/m2 ATRIO DESTRO: 35 ml/2
Ventricolo sinistro di normali dimensioni e volumi endocavitari con conservati spessori parietali (SIV di 10 mm).
Conservati gli indici di funzionalità sistolica ventricolare, in assenza di difetti segmentari delle cinetica e contrattalità parietale.
Disfunzione diastolica di I grado (E/A 0.90; DT 302 msec).


Niente da segnalare a carico del ventricolo destro.

Lo studio di vitalità non ha documentato potenziamenti tardivi di significato patologico a livello del muscolo cardiaco.

Apparato valvolare normoconformato ed esente da flussi patologici apprrezzabili con la metodica.
Non falde fluide in sede pericardica.

Bulbo aortico di 30 mm con giunzione seno tubulare di 25 mm.


Per cortesia volevo chiedere come può essere considerare questa RM e la presenza della disfunzione diastolica, è preoccupante?
Quale può essere la causa di questa disfunzione?

Devo trattarla con i farmaci?

Per completezza nel 2018 ho fatto il monitoraggio della pressione delle 24 h ed è risultata ipertensione diastolica di grado lieve.


Grazie mille.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
E' legata alla sua ipertensione ed al suo sovrappeso.
Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso